BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Termometro dell’economia: un fallimento, 30 chiusure e 165 nuove imprese

Nella settimana dal 3 al 9 marzo al registro imprese della Camera di commercio di Bergamo sono state depositate un'istanza di fallimento, trenta cessazioni e l'iscrizione di 165 nuove imprese.

Più informazioni su

Nella settimana dal 3 al 9 marzo 2014 al Registro imprese della Camera di commercio di Bergamo sono state depositate: un’istanza di fallimento, trenta cessazioni e l’iscrizione di 165 nuove imprese. 

FALLIMENTO

E’ stata depositata l’istanza di fallimento di una sola impresa: la "Autotino" di Ubiali Ernesto di Curno.

CANCELLAZIONI E ISCRIZIONI

Sono state depositate le richieste di cancellazioni per cessata attività di 30 imprese. Mentre sono state iscritte 165 nuove imprese. Sono perlopiù ditte individuali, ma questi dati dimostrano una certa vivacità del mondo economico e la voglia di ripresa.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da c

    La durata media di una nova azienda o partita IVA in Italia è di tre anni, i commenti li lascio a voi, di certo queste chiusure di aziende e aperture di partite Iva non è altro che un cambiamento del mondo del lavoro per raggirare i sindacati che come sempre non fanno nulla, la CGIL che si professa a favore dei lavoratori non ha mai vinto una battaglia, prende i soldi dal PD che a sua volta li prende dal finanziamento pubblico dei partiti.Meditate gente meditate.

  2. Scritto da mario59

    Un fenomeno che andrebbe meglio approfondito, in particolare per capire se chi apre una nuova iscrizione è in qualche modo coinvolto tra coloro che hanno cessato la precedente attività.

  3. Scritto da il polemico

    ma queste nuove imprese sarebbero solo l’apertura di partita iva?ok parlare di vivacità imprenditoriale,mam olti le devono aprire perchè sono costretti,non per voglia loro

  4. Scritto da Ragioniamo

    L’apertura di una nuova impresa (nonostante la burocrazia demenziale) non è particolarmente difficile. Bisogna vedere come si sopravvive dopo il secondo anno quando arrivano le tasse tutte insieme. Al primo anno il fisco ti dà lo zuccherino, non paghi… ma poi arriva tutto insieme!