BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arresti Expo: Rota, Fiom: “Regione faccia chiarezza e stia attenta alla mafia”

Dura posizione del segretario della Fiom Cgil Lombardia, Mirco Rota: “Non serve un tavolo sui diritti, sarebbe davvero troppo. La Regione faccia chiarezza su quanto successo e si adoperi per evitare appalti al massimo ribasso e infiltrazioni mafiose”.

“L’inchiesta sugli appalti manovrati in Infrastrutture lombarde fa emergere chiaramente il profilo di alcuni imprenditori e di alcune istituzioni nella nostra regione. Al di là delle implicazioni giudiziarie, su cui verrà fatta piena luce, appare davvero paradossale e assurdo, che in un momento in cui si stanno rivelando dei profili di illegalità piuttosto inquietanti, si possa ipotizzare per i lavoratori ulteriore flessibilità e ovviamente una rinuncia sul piano dei diritti”, sostiene il segretario della Fiom Cgil Lombardia Mirco Rota.

“Non è ammissibile che in una fase in cui la magistratura sta acclarando illeciti e pratiche illegali, l’Expo, che è già un business per gli imprenditori, si trasformi in un’occasione per contrattare e rinegoziare verso il basso diritti acquisiti da parte dei lavoratori. L’Expo non si può tradurre nell’ennesima occasione per negare tutele a chi lavora ed è già destinatario di un contratto precario. La Regione invece si deve preoccupare di fare la massima chiarezza sulla vicenda, di vigilare sugli appalti, per far sì che emergano nitidamente le responsabilità della politica”, aggiunge il segretario dei metalmeccanici lombardi.

Rispondendo così anche alle sollecitazioni del segretrio della Cisl Lombardia, che aveva parlato di disponibilità da parte del suo sindacato di appartenenza a superare il tetto del 20% previsto per l’utilizzo dei contratti a termine, la Fiom Lombardia ha fatto capire di non essere disposta a concedere ulteriori deroghe in nome dell’Expo, ‘sarebbe davvero troppo, sottolinea il sindcato delle tute blu.

“Serve piuttosto” – conclude Rota “un tavolo sulla legalità. Bisogna ricostruire una nuova moralità e garantire il rispetto delle regole per evitare infiltrazioni mafiose e condotte fraudolente, nonché estrema trasparenza sui meccanismi di appalto e subappalto al massimo ribasso. Su questo piano bisogna essere intransigenti, non sacrificare sull’altare dei profitti i diritti e tutele dei lavoratori, già in gran parte atipici”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pif

    Per fortuna c’è rota che ci dice lui cosa fare…. E risolve tutto… Sei quasi meglio di renzi

    1. Scritto da Carla

      Mentre la procura arresta chi faceva gli affari con Expo2015 la Cisl propone un tavolo per aumentare flessibilità e precarietà. Che vergogna peggio di Formigoni sono diventati.

      1. Scritto da Pif

        Rota come Renzi ugualmente… Ovvero bla, bla, bla…

    2. Scritto da Lino

      Ci vuole davvero poco per essere meglio di Renzi. Emeno male che c’è la Fiom ormai unico sindacato rimasto.

  2. Scritto da A.Z. Bg

    Ovvio, tra due mesi ci sono le elezioni europee e comunali, quindi la magistratura di Milano comincia il suo lavoro anti regione-Lega-cenro destra.

    1. Scritto da Esortazione

      Le persone non devono essere arrestate quando sono della lega, centrodestra ? Proprio te ne freghi della sostanza , l’importante è che se sono di lega-centrodestra devono poter fare qualunque cosa . Demenziale.