BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Abolizione delle Province Ok entro fine marzo o via libera alle elezioni

Rush finale verso l'abolizione delle province: il disegno di legge Delrio arriva in Aula al Senato il 25 marzo e se non ci sarà l'ok per l'eliminazione scatterà l'indizione dei comizi elettorali per 52 province a statuto ordinario in scadenza.

Entra nelle fasi calde la partita per l’abolizione delle province: scade infatti a fine marzo il termine per l’eliminazione definitiva e, se dal Senato non arriverà il via libera, scatterà l’indizione dei comizi elettorali in tutte quelle province i cui organi elettivi sono in scadenza.

Una corsa contro il tempo che, tra l’altro, si corre in salita: sono oltre tremila, infatti, gli emendamenti al disegno di legge Delrio che la commissione Affari Regionali del Senato deve prendere in considerazione, proposti soprattutto dalla Lega Nord e da Roberto Calderoli, dal Nuovo Centrodestra, da Forza Italia, Movimento 5 Stelle e Scelta Civica.

È proprio con la Lega Nord e Forza Italia che la maggioranza sta cercando un accordo per arrivare ad un traguardo programmato da oltre due anni, da quando il governo Monti impose nel dicembre 2011 il decreto Salva Italia che prevedeva la cancellazione della giunta provinciale e l’elezione diretta del presidente e del Consiglio. Un progetto stoppato nel luglio 2013 dalla Corte Costituzionale, contraria all’uso della forma del decreto, giustificabile in caso di provvedimenti urgenti, per una riforma organica di sistema.

Ed è proprio da questa bocciatura che è iniziato il lavoro di Graziano Delrio, allora ministro del Governo Letta per gli Affari Regionali e oggi braccio destro di Renzi e sottosegretario alla presidenza del consiglio, sul provvedimento che punta allo svuotamento per via legislativa delle Province.

Il disegno di legge Delrio arriva in Aula al Senato martedì 25 marzo quando è prevista una discussione fiume di 11 ore: le dichiarazioni di voto sono previste per mercoledì pomeriggio, con voto finale alle 18.

Ad attendere la decisione del Senato ci sono 52 province a statuto ordinario e 21 già commissariate lo scorso anno: in caso di mancato ok all’abolizione partirà l’organizzazione del voto previsto per il prossimo 25 maggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fabri

    via le provincie. E basta!

  2. Scritto da Filippo

    Demagogia, demagogia, nient’altro che demagogia, qualcuno poi dovrà farsi carico delle competenze delle province.
    Invece analizziamo il lavoro, i conti, l’efficienza di ciascuna provincia e risparmiamo là dove c’è spreco…. e naturalmente sappiamo dove sono queste province.

    1. Scritto da Robi

      Fatta l’analisi: lo spreco è quasi ovunque totale. Avanti con l’abolizione.

      1. Scritto da Gino

        E chi l’ha fatta? Tu??

    2. Scritto da glen

      le competenze delle provincie sono già delegate dalle regioni. se spariscono le provincie, tutto torna alle regioni. compreso il personale provinciale.
      In realtà vengono soppressi solo gli organi politici provinciali, dei quali non credo si sentirà poi molto l’assenza.

      1. Scritto da Berghem

        E alla fine di tutto…dov’è il risparmio tanto sbandierato dal partito del “le province sono la causa di tutti i nostri mali”? In realtà non ci sarà nessun risparmio perché i dipendenti (pubblici) delle province resteranno pubblici a carico dei Comuni o della Regione e in più ci saranno da suddividere le competenze della Provincia fra altri enti col serio rischio di creare soltanto caos.

        1. Scritto da Ah ah

          Quando anni fa l’avevate messo nei vs programmi cosa pensavate ? Che tanto allora sulle cadreghe c’erano altri …… ?

      2. Scritto da Claudio

        Informati se i dipendenti diventano reglionali automaticamente guadagneranno dal 5 al 10% in piu a parita di livello .. Dove e il riaparmio??

  3. Scritto da Froi

    Le provincie sono uno spreco di soldi. Via subito.

    1. Scritto da Filippo

      Anche le Prefetture….non ho ancora capito a cosa davvero servano. Eliminiamole, quelle sì che costano.