BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vent’anni fa la morte di Ilaria Alpi, Boldrini: aprite gli armadi della vergogna

"Aprite gli armadi della vergogna", a vent'anni dalla morte della giornalista Ilaria Alpi, la presidente della Camera Laura Boldrini ha annunciato di aver chiesto al governo di togliere il segreto sugli atti dei servizi segreti relativi all'omicidio della giornalista.

"Aprite gli armadi della vergogna", a vent’anni dalla morte della giornalista Ilaria Alpi, la presidente della Camera Laura Boldrini ha annunciato di aver chiesto al governo di togliere il segreto sugli atti dei servizi segreti relativi all’omicidio della giornalista.

La denuncia dell’inviata del Tg3, uccisa a Mogadiscio il 20 marzo 1994, contro pezzi dello Stato per i traffici illeciti di rifiuti e armi dall’Italia alla Somalia, è quindi risuonata nei palazzi del potere nel 2014.

Boldrini si è fatta portavoce della richiesta di trasparenza sui documenti ancora segreti dopo anni di indagini che hanno portato a una sola condanna tra i dubbi e una commissione d’inchiesta chiusasi senza acclarare la verità.

L’intervento è arrivato in risposta alla petizione lanciata su Change.org da Articolo 21, nella quale si chiede alla presidenza della Camera di rendere pubblici gli 8 mila documenti raccolti dalla Commissione di inchiesta sulla morte della Alpi e di Miran Hrovatin.

Solo pochi atti, per lo più audizioni di magistrati, saranno declassificati autonomamente dalla Camera, se il segreto istruttorio non lo impedirà. Ma è sugli atti dei servizi segreti che vengono riposte le maggiori speranze di arrivare alla verità sugli assassini e soprattutto sui mandanti.

Boldrini, che aveva avviato una verifica dopo le richieste di trasparenza sulle «navi dei veleni» arrivate da Greenpeace e dai Verdi, ha reso noto di aver scritto al presidente del Consiglio, al procuratore nazionale antimafia e ad altri soggetti, chiedendo di valutare «se permangono le esigenze di segretezza» su tali documenti. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vent'anni

    un certo “giuice” Taormina a capo della “commissione d’ indagine” disse che i due erano in vacanza a Bosaaso ………………