BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Morsa da un gatto suora bergamasca muore in Kenya

Alfia Guerini, suora nativa di Vertova, era stata morsa due mesi fa in Tanzania da un gatto che le ha trasmesso la rabbia. La missionaria aveva 73 anni, gran parte dei quali trascorsi nei posti più sperduti dell'Africa ad aiutare i meno fortunati.

Era stata morsa da un gatto in Tanzania, due mesi fa, ma aveva trascurato la ferita convinta che non fosse nulla di grave. Quel morso, però, le aveva trasmesso il virus della rabbia che, il 15 marzo scorso, l’ha uccisa. E’ morta così, in un modo assurdo, la suora missionaria bergamasca Alfia Guerini, stroncata dalla rabbia a 73 anni dopo una vita intera passata a aiutare i meno fortunati nei posti più sperduti dell’Africa.

Suor Alfia si è spenta una settimana fa all’ospedale di Nairobi, anche il se il morso del gatto risale al gennaio scorso. La religiosa, nativa di Vertova, ha regalato gran parte della propria esistenza alla congregazione delle missionarie della Consolata: negli ultimi giorni le sue condizioni si erano aggravate. La ferita, che inizialmente era stata considerata una sciocchezza, si stava rivelando in tutta la sua brutalità. Per questo suor Alfia era stata trasferita nell’ospedale inglese di Nairobi, dove è morta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Daniele

    Strano che non avesse il vaccino, purtroppo in Africa la rabbia è ancora diffusissima.

  2. Scritto da lotty

    Mi dispiace. Forse dovevano aiutarla prima, perciò mi dispiace ancora di più per lei.