BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalle Cornelle a Torino il rinoceronte bianco Freddy si trasferisce

Dopo circa 30 anni passati al parco faunistico Le Cornelle, Freddy, esemplare maschio, di 33 anni e 2 tonnellate di peso, è stato trasferito pochi giorni fa a ZOOM Torino, il primo bioparco immersivo d’Italia che riproduce ambienti naturali.

Dopo circa 30 anni passati al parco faunistico Le Cornelle, Freddy, esemplare maschio, di 33 anni e 2 tonnellate di peso, è stato trasferito pochi giorni fa a ZOOM Torino, il primo bioparco immersivo d’Italia che riproduce ambienti naturali e dove gli animali sono ospitati in habitat, senza gabbie né recinzioni, ma con cespugli e vasche d’acqua che fungono da barriere naturali.

Anche in questo caso, come per tutti gli esemplari ospitati al bioparco ZOOM Torino, il trasferimento fa parte di un programma di interscambio tra parchi europei gestito e supervisionato dall’EAZA (l’associazione internazionale che riunisce tutte le più prestigiose strutture zoologiche europee e alle quali aderiscono 345 parchi distribuiti in 41 paesi).

Per poter accogliere l’imponente esemplare, del peso di oltre 2 tonnellate, ZOOM Torino ha realizzato una holding ad hoc con una zona indoor che possa garantire il benessere del rinoceronte anche di notte e d’inverno garantendo una temperatura media di 18°.

Per la realizzazione di questa struttura, così come di tutte le holding presenti nel bioparco, sono state seguite le Swiss guidelines, le più rigide in termini di requisiti minimi per il benessere dell’animale, dalla conformazione degli spazi alle indicazioni per la gestione.

Inoltre, a seguito di ricerche effettuate nei parchi zoologici di Zurigo e Basilea, dove si è scoperto che il rinoceronte riposa piacevolmente e in modo più corretto su “letti” realizzati con corteccia di pino, ZOOM Torino per garantire il massimo benessere al nuovo ospite ha realizzato il giaciglio suggerito che consentirà di proteggere le articolazioni dell’animale che, anche in natura preferisce riposare su superfici morbide.

Anche nella zona outdoor Freddy troverà un habitat confortevole con sabbia e fango, che potrà condividere principalmente con struzzi, zebre e piccole antilopi. Inoltre, come arricchimento, avrà a disposizione grossi rami, dai quali potrà mangiare le radici, e tronchi contro i quali potrà grattare corno e pelle.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.