BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da “Amici come noi” a “Non buttiamoci giù” Il week-end al cinema

Nelle sale cinematografiche di Bergamo e provincia arrivano “Amici come noi”, la nuova commedia che vede protagonista il duo comico noto per le sue apparizioni a “Le Iene”, e “Non buttiamoci giù”. Nella programmazione non mancano i titoli del momento, come “Allacciate le cinture” e “Need for Speed”. Ecco la panoramica completa dei film che si possono vedere nei cinema in Bergamasca nel fine-settimana.

Il week-end nei cinema di Bergamo e provincia si apre all’insegna di due novità. Si tratta di due commedie: “Amici come noi”, che vede protagonista Pio e Amedeo, il duo comico noto per le sue apparizioni a “Le Iene”, e “Non buttiamoci giù”. Nella programmazione delle sale cinematografiche non mancano, poi, i titoli del momento, come “Allacciate le cinture”, “Need for Speed” e “Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”. Ecco la panoramica completa di tutti i film che si possono vedere nei cinema in Bergamasca nel fine-settimana.

GIOVEDI’ 20 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Noi 4”, ‎93min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Ida”, ‎80min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Banff Mountain Film Festival World Tour”, alle 20:30.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in piazza sant’Anna, 51 – 035 270760

“Philomena”, ‎94min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINETEATRO SANTA CATERINA a Bergamo in via dei Celestini, 4 – 035 236676

“Philomena”, ‎94min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.‎

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:15, alle ‎19:50 e alle ‎22:15;‎

“Non buttiamoci giù”, ‎96min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎19:50 e alle ‎22:10;‎

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10 e alle ‎19:45;‎

“300: L’alba di un impero” (NO 3D), ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle‎ ‎22:30;‎

“Il ricatto”, ‎90min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 17:50, alle ‎20:10 e alle ‎22:30;‎

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17, alle ‎19:40 e alle ‎22:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 17, alle ‎19:50 e alle ‎22:40;‎

“47 Ronin” (NO 3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20 e alle ‎19:50;‎

“Una donna per amica”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20.

VENERDI’ 21 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:15 e alle 22:30;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle 22:30;

“Noi 4”, ‎93min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 20:30 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle 22:30;

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22:30;

“12 anni schiavo”, 133min – Drammatico – Doppiato, alle 20.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Ida”, ‎80min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 20:30 e alle 22:30;

“Oh boy, un caffè a Berlino”, 83min – Commedia – Doppiato, alle 20:45 e alle 22:30.

CINETEATRO SANTA CATERINA a Bergamo in via dei Celestini, 4 – 035 236676

“Philomena”, ‎94min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:15, alle ‎19:50 e alle ‎22:15;‎

“Non buttiamoci giù”, ‎96min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎19:50 e alle ‎22:10;‎

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10 e alle ‎19:45;‎

“300: L’alba di un impero” (NO 3D), ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle‎ ‎22:30;‎

“Il ricatto”, ‎90min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 17:50, alle ‎20:10 e alle ‎22:30;‎

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17, alle ‎19:40 e alle ‎22:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 17, alle ‎19:50 e alle ‎22:40;‎

“47 Ronin” (NO 3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20 e alle ‎19:50;‎

“Una donna per amica”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINE-TEATRO SORRISO di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20:45.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in piazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

SABATO 22 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45, alle 20:15 e alle 22:30;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30;

“Noi 4”, ‎93min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30, alle 16:30, alle 18:30, alle 20:30 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 16:30, alle 18:30m, alle 20:30 e alle 22:30;

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30;

“12 anni schiavo”, 133min – Drammatico – Doppiato, alle 20 e alle 22:30;

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30 e alle 15:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Pinocchio canzoni con il naso lungo”, 60min – Teatro, alle 16:15;

“Ida”, ‎80min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 16, alle 20:30 e alle 22:30;

“Oh boy, un caffè a Berlino”, 83min – Commedia – Doppiato, alle 20:45 e alle 22:30.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 14:50, alle ‎17:15, alle ‎19:50, alle ‎22:15 e alle ‎00:40;‎

“Non buttiamoci giù”, ‎96min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎19:50 e alle ‎22:10;‎

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10 e alle ‎19:45;‎

“300: L’alba di un impero” (NO 3D), ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle ‎14:40, alle ‎17:20, alle‎ ‎20, alle ‎22:30 e all’‎1;‎

“Il ricatto”, ‎90min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 15:20, alle ‎17:50, alle ‎20:10, alle ‎22:30 e alle ‎00:50;‎

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle ‎17, alle ‎19:40, alle ‎22:30 e alle ‎00:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle ‎15, alle‎ ‎17:30, alle ‎20, alle ‎22:30 e alle ‎00:55;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 14:20, alle ‎17, alle ‎19:50 e alle ‎22:40;‎

“47 Ronin” (NO 3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:50, alle ‎17:20 e alle ‎19:50;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:45;‎

“Una donna per amica”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in piazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

SALA EDEN di Stezzano in via Bergamo, 9 – 035 591449

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEMA TEATRO CAGNOLA a Urgnano in via Roma, 82 – 035 487 2228

“Saving Mr. Banks”, ‎125min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato, alle ‎‎20:30.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15.

CINE-TEATRO SORRISO di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20:45.

DOMENICA 23 MARZO‎

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45, alle 20:15 e alle 22:30;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30;

“Noi 4”, ‎93min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30, alle 16:30, alle 18:30, alle 20:30 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 16:30, alle 18:30m, alle 20:30 e alle 22:30;

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30;

“12 anni schiavo”, 133min – Drammatico – Doppiato, alle 20 e alle 22:30;

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30 e alle 15:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Ida”, ‎80min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17, alle 19 e alle 21;

“Oh boy, un caffè a Berlino”, 83min – Commedia – Doppiato, alle 15, alle 16:50, alle 18:45 e alle 20:45.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Amici come noi”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 11:30, alle 14:50, alle 17:15, alle ‎19:50 e alle ‎22:15;‎

“Il ricatto”, ‎90min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 11:20, alle 15:20, alle 17:50, alle ‎20:10 e alle ‎22:30;‎

“Non buttiamoci giù”, ‎96min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 11:20, alle 15, alle 17:20, alle ‎19:50 e alle ‎22:10;‎

“300: L’alba di un impero” (NO 3D), ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:30, alle 14:40, alle 17:20, alle ‎20 e alle‎ ‎22:30;‎

“47 Ronin” (NO 3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:10, alle 14:50, alle 17:20 e alle ‎19:50;‎

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 11, alle 14:10, alle 17, alle ‎19:40 e alle ‎22:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 11:10, alle 15, alle 17:30, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10 e alle ‎19:45;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 14:20, alle 17, alle ‎19:50 e alle ‎22:40;‎

“Una donna per amica”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22:20;

“The Lego Movie” (NO 3D), 100min – Animazione – Doppiato, alle 11:20 e alle 14:45.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15 e alle 17:45.

CINE-TEATRO SORRISO di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20:45;

“La scuola più pazza del mondo”, ‎95min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 16.

Ecco le informazioni pellicola per pellicola.

– “Allacciate le cinture”. Nell’arco di tredici anni, a partire dai duemila, in una Lecce che scopre il piccolo grande boom economico pugliese, due giovani autoctoni (agli antipodi per estrazione sociale, convinzioni ideologiche, aspirazioni e frequentazioni) si odiano, si amano, si tradiscono, fanno esperienza della dolore e dell’ombra della morte, insomma vivono. Lei si chiama Elena, di buona famiglia, con ambizioni imprenditoriali, abbandonati gli studi si mette a fare la cameriera, divertita dalla cosa e dal sogno di mettere su un locale tutto suo, spalleggiata dall’amico Fabio, gay e fantasioso. Lui si chiama Antonio, proletario da cartolina, fa il meccanico, è omofobo, ma ha una solida cultura del corpo con tanto di tatuaggi che rasentano la vertigine dell’osso sacro, vagamente razzista, insomma non un buon partito per una ragazza borghese di provincia. I due, fatalmente, si incontrano e si scontrano in una giornata di pioggia, sotto la pensilina densamente affollata di una fermata dell’autobus. Scatta la scintilla che lavora sui contrari, che tanto si sa poi si attraggono. E così sarà. Elena e Antonio, contro il loro stesso ambiente, si innamoreranno e dovranno sostenere le prove della vita e soprattutto quelle della malattia che colpirà lei tredici anno dopo il loro primo incontro. Ospedali, sedute di chemioterapia, capelli che cadono, magrezza insana, occhi segnati… Ma all’improvviso le frecce lineari del tempo sembrano convergere forzandosi a disegnare un cerchio.

– “Lei”. Theodore è impiegato di una compagnia che attraverso internet scrive lettere personali per conto di altri, un lavoro grottesco che esegue con grande abilità e a tratti con passione. Da quando si è lasciato con la ragazza che aveva sposato però non riesce a rifarsi una vita, pensa sempre a lei e si rifiuta di firmare le carte del divorzio. Quando una nuova generazione di sistemi operativi, animati da un’intelligenza artificiale sorprendentemente "umana", arriva sul mercato, Theodore comincia a sviluppare con essa, che si chiama Samantha, una relazione complessa oltre ogni immaginazione.

– “Noi 4”. Lara ed Ettore sono stati marito e moglie, e si sono molto amati. Ora sono ex coniugi che hanno polarizzato le differenze all’origine del loro distacco: Lara ingegnere stakanovista e ansiogena, Ettore sedicente artista di nobili natali e voglia di lavorar saltami addosso. A rimetterli costantemente in contatto, nonostante le reciproche divergenze, sono i due figli Emma e Giacomo: lei aspirante attrice occupante del Teatro Valle; lui studente di terza media alle prese con l’esame finale, "incidente scatenante" che favorisce l’ennesimo incontro-scontro fra i genitori.

– “Amici come noi”. Pio e Amedeo sono due grandi amici che gestiscono a Foggia un negozio di pompe funebri high tech dal nome Hai l’Under (spelling foggiano di Highlander). Pio sta per sposare Rosa, una maestrina locale, ma tramite Amedeo scopre che in rete circola un video hard in cui appare la ragazza. Pio e Amedeo decidono allora di lasciare la cittadina pugliese (Fuggi da Foggia è la canzone di sottofondo) dirigendosi prima a Roma e poi a Milano.

– “Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”. Romain Faubert ha quarant’anni e la fobia per i microbi. Scapolo e ipocondriaco, col vizio della ricerca frenetica su internet e il ricovero immotivato, non ha più un amico e frequenta soltanto Dimitri Zvenka, un medico che ha commesso l’errore di prenderlo in cura diciotto anni prima e che adesso prova invano a congedarlo. La morte improvvisa di un collega di Romain, fotografo per un dizionario medico online, getta l’uomo nel panico e nello sconforto. Commosso dallo stato in cui versa l’amico-paziente, Dimitri si offre di confortarlo un’ultima volta, aiutandolo a trovare una compagna. Falliti gli incontri online e l’attività sportiva, Dimitri tenta una terapia shock, incoraggiando Romain a collaborare con lui nel centro di accoglienza organizzato per assistere i rifugiati politici del Tcherkistan, un immaginario paese dell’est Europa. Sopraffatto dagli abbracci e dal contatto decisamente diretto con gli immigrati clandestini, Romain sviene e viene soccorso da Anna, la bella sorella di Dimitri, che lo scambia per Anton Miroslav, un coraggioso guerrigliero dei Balcani. Romain, perdutamente innamorato, sta al gioco, alterando il corso della Storia e cambiando per sempre la sua vita.

– “Ida”. La vicenda si svolge all’inizio degli anni ’60, nella grigia Polonia. Anna è una giovane novizia in attesa di diventare suora a tutti gli effetti. Vive in un convento isolato dove, essendo orfana, è stata portata in tenerissima età, durante la II Guerra Mondiale. Poche settimane prima di prendere i voti, invitata dalla Madre Superiora, si reca a Varsavia per incontrare la sua unica parente conosciuta, la zia Wanda, una cinquantenne single, intellettuale elegante. È una donna che nasconde una grande sofferenza che coinvolge anche la nipote circa il drammatico passato da cui è stato segnato il passato della loro famiglia.

– “Banff Mountain Film Festival World Tour”. Il BMFF World Tour Italy ripropone agli spettatori le atmosfere del festival canadese. Una grande festa vissuta nello spirito dell’avventura, una serata ricca di emozioni in cui i riflettori sono puntati su spettacolari immagini di imprese alpinistiche e sportive tra grandi spazi selvaggi, natura incontaminata, montagne, fiumi, mari e deserti. La prima edizione italiana del BMFF ha esordito a Milano 
il 6 marzo 2013. Il tour italiano è poi proseguito con le tappe di Genova, Crema, Champoluc-Val d’Ayas, Bergamo e Lecco. La seconda edizione prende il via a Milano il 19 febbraio 2014 e percorre il territorio nazionale in un totale di 12 tappe, concludendosi 
a Roma il 7 aprile 2014.

– “Philomena”. Irlanda, 1952. Philomena resta incinta da adolescente. La famiglia la ripudia e la chiude in un convento di suore a Roscrea. La ragazza partorirà un bambino che, dopo pochi anni, le verrà sottratto e dato in adozione. 2002. Philomena non ha ancora rinunciato all’idea di ritrovare il figlio per sapere almeno che ne è stato di lui. Troverà aiuto in un giornalista che è stato silurato dall’establishment di Blair e che accetta, seppur inizialmente controvoglia, di aiutarla nella ricerca. Gli ostacoli frapposti dall’istituzione religiosa saranno tanto cortesi quanto depistanti ma i due non si perdono d’animo.

– “Non buttiamoci giù”. Martin, Maureen, Jess e J.J. si ritrovano la notte di capodanno in cima ad un palazzo. Non si conoscono ma sono lì tutti per il medesimo motivo: tentare il suicidio. La presenza di altre persone inibisce tutti e quattro, spingendoli a rinunciare e a stringere un legame basato sulle comuni difficoltà. Uniti dal desiderio di non ricadere nel baratro della voglia di morire cominciano a frequentarsi, vanno in vacanza insieme per sfuggire alla pressione che i media, accortisi della loro storia strappalacrime, pone loro ma al ritorno nulla sembra essere come prima.

– “300 – L’alba di un impero”. Grazie al sacrificio alle Termopili dei 300 valorosi spartani guidati da Leonida, la Grecia ha una possibilità di resistere all’invasione dell’Impero Persiano. Ma la speranza è legata alla capacità di Temistocle, guida militare degli ateniesi, di riuscire a unire le città-stato indipendenti nella lotta per la libertà dell’Ellade e di contrastare con l’astuzia e le tattiche di combattimento la forza preponderante della flotta persiana. 300 – L’alba di un impero nasce da presupposti analoghi ma da una base di partenza totalmente diversa rispetto al suo predecessore. Dove il film di Zack Snyder prendeva spunto da una graphic novel già esistente "300" di Frank Miller, capolavoro della nona arte – per esaltarne i lati più spettacolari e metterli al servizio del progresso tecnologico, il sequel di Noam Murro (ma co-sceneggiato da Snyder) parte dal film precedente, e dalla mitopoiesi generata attorno ad esso, per anticipare e "immaginare" il fumetto. Quantomeno per il pubblico, visto che è probabile che ci sia stata più di una consultazione in fase di produzione con Frank Miller per allinearsi al suo ancora inedito "Xerxes", sequel del 300 fumettistico.

– “Il ricatto”. Tom Selznick torna sulle scene dopo 5 anni di assenza. La più grande promessa della musica classica è stato a lungo lontano dai palchi a causa di una clamorosa figuraccia durante l’esecuzione di un brano particolarmente difficile, La cinquette, composta dal suo mentore e maestro, ora deceduto. Per il ritorno di Selznick è stato organizzato un concerto-evento durante il quale il pianista scopre di essere sotto tiro da parte di un cecchino che ha una lunga serie di buone motivazioni per costringerlo tramite la paura della morte ad eseguire alla perfezione un fuori-programma: La cinquette, proprio il brano che non era riuscito mai ad eseguire alla perfezione e dal cui fallimento sembrava non potersi riprendere più.

– “Need for speed”. Tobey ha un’officina in cui ripara macchine e non se la passa bene economicamente. Per salvarsi dalla bancarotta accetta di riparare una macchina per conto di Dino, pilota ricco e viziato. Finito il lavoro è chiaro che Tobey è in grado di spingere quella macchina molto più in là di quel che è in grado di fare Dino, il quale per dimostrare il contrario lo sfida ad una corsa a tre nella quale un incidente scatenato da Dino stesso causerà la morte di un amico di Tobey che, ingiustamente incolpato, sconterà tre anni di carcere. Una volta uscito di galera l’unico obiettivo di Tobey è attraversare il paese in tempo per gareggiare in una corsa clandestina tra le più pericolose e battere Dino. I riferimenti di Scott Waugh e dei fratelli Gatins (sceneggiatori) sono molto chiari: i grandi viaggi in auto all’interno dell’America, contrappuntati da una voce fuoricampo come Punto Zero o le odissee contro tutti di I guerrieri della notte, solo desaturate completamente di qualsiasi intento polemico verso l’autorità o riferimento alla realtà dei fatti. Need for speed è quindi cinema dello stunt puro, in cui la trama mette in moto gli eventi e nulla di più, accoppia i protagonisti e li separa da un cattivo da raggiungere, si occupa di fornire in ogni momento una motivazione per correre.

– “La bella e la bestia”, ispirato alla celebre fiaba che ha emozionato e appassionato diverse generazioni. 1810. Dopo aver perso la sua fortuna in mare un mercante è costretto a ritirarsi in campagna con I suoi sei figli. Una di questi è Belle, la più giovane. Durante un viaggio il padre scopre il castello della Bestia che lo condanna a morte per aver rubato una rosa. Belle decide allora di offrire la propria vita in cambio di quella del genitore. Non è però la morte ciò che l’attende.

– “47 Ronin”. Kai è un mezzosangue dalla natura poco chiara, indesiderato da tutti ma benvoluto dal signore locale, Asano. Davanti ai suoi occhi si svolgerà una lotta tra umano e disumano la cui prima vittima sarà proprio Asano, accusato di tentato omicidio dello shogun e quindi obbligato ad un suicidio per riparare il proprio onore. L’uomo in realtà era posseduto da un demone che trama nell’ombra. I 47 samurai rimasti orfani del proprio padrone (e quindi "ronin") decideranno di vendicarsi contro lo shogun e tutta la corte demoniaca che gira intorno a lui, ben consci che questo significherà una condanna a morte. A loro non potrà che unirsi nonostante le ritrosie iniziali anche Kai, che da anni è segretamente innamorato della figlia di Asano. Tali e tanti sono gli adattamenti ai dettami del cinema hollywoodiano che si stenta a riconoscere la struttura dell’opera teatrale 47 ronin, ma del resto anche il vero contorno storico. Perchè il 47 ronin americano non ambisce a fare quel che le altre arti ricercavano (il racconto di quanto la realtà dei fatti abbia messo in scena i massimi valori nazionali giapponesi) ma ad usare quel tipo di parabola per creare una storia fantastica, prendere il racconto dei samurai senza padrone che cercano una vendetta mortale e inserirlo in un contesto di mostri e demoni in pessima computer grafica, al limite con il fantastico contemporaneo (quello di Biancaneve e il cacciatore o Il cacciatore di vampiri, che rilegge la storia e i racconti tradizionali contaminandoli di mostruosità) e asservito al medesimo schema narrativo di 300.

– “Mr. Peabody e Sherman”. Mr. Peabody è un cane eccezionale, dotato di un intelletto superiore si è separato dal branco in tenera età e ha conquistato tutto quel che uno scienziato può conquistare (fino al nobel) oltre ad eccellere nello sport. Sentendosi solo ha però deciso di adottare un bambino e per educarlo ha inventato una macchina del tempo con la quale portarlo di epoca in epoca a vedere la storia con i propri occhi. Quando però Sherman dovrà andare a scuola si scontrerà con un mondo meno ovattato di quello che ha conosciuto con il suo padre adottivo. Preso in giro per essere figlio di un cane Sherman risponde a violenza con violenza scatenando l’interesse dei servizi sociali che mirano a separarlo dal padre animale. Intanto un incidente con la macchina del tempo li fa viaggiare attraverso diverse epoche fino a causare un paradosso che potrebbe porre fine a tutto il mondo. Fin dallo spunto è evidente quale sia il fine primario di mr. Peabody & Sherman: non certo raccontare una storia davvero coinvolgente (la narrazione è davvero troppo sconclusionata e poco armonica) ma intrattenere ed educare, far passare nozioni storiche attraverso la lente del divertimento e della parodia. Un concetto di intrattenimento intelligente per bambini da anni ’60, decade dalla quale infatti provengono i personaggi, protagonisti all’epoca di una serie per la televisione a puntate, contenuta in uno show tutto di cartoni. L’improbabile storia di Mr. Peabody era un prodotto a modo suo rivoluzionario per la sagacia dei dialoghi, la raffinatezza dell’umorismo e la peculiarietà dei personaggi, uno dei primi a dimostrare che l’animazione può essere più che pupazzi in movimento. Il miracolo di questo primo lungometraggio della coppia è quindi di portare nella modernità un prodotto così vecchio stampo riuscendo a replicarne i punti di forza senza necessariamente adattarlo a quel che oggi si fa al cinema con i cartoni.

– “Una donna per amica”. Francesco è un avvocato trapiantato a Lecce, dove difende casi indifendibili e svolge l’attività di consigliere comunale per la lista civica Ambiente e libertà. Claudia è la sua migliore amica italo-francese, che gli movimenta la vita piombandogli in casa a sorpresa e coinvolgendolo nei suoi guai, fra cui spicca una sorellastra, Anna, tossicodipendente. I due amici avviano storie romantiche parallele, ma entrambe sono destinate a naufragare, poiché la vera tensione erotica è fra loro. Riusciranno finalmente a chiamare le cose con il loro nome?

– “12 anni schiavo”. Stati Uniti, 1841. Solomon Northup è un musicista nero e un uomo libero nello stato di New York. Ingannato da chi credeva amico, viene drogato e venduto come schiavo a un ricco proprietario del Sud agrario e schiavista. Strappato alla sua vita, alla moglie e ai suoi bambini, Solomon infila un incubo lungo dodici anni provando sulla propria pelle la crudeltà degli uomini e la tragedia della sua gente. A colpi di frusta e di padroni vigliaccamente deboli o dannatamente degeneri, Solomon avanzerà nel cuore oscuro della storia americana provando a restare vivo e a riprendersi il suo nome. In suo soccorso arriva Bass, abolizionista canadese, che metterà fine al suo incubo. Per il suo popolo ci vorranno ancora quattro anni, una guerra civile e il proclama di emancipazione di un presidente illuminato.

– “Oh boy, un caffè a Berlino”. Niko Fischer ha poco più di vent’anni e ha bisogno di un caffè. La fidanzata lo ha lasciato, lo sportello della banca gli ha trattenuto la carta di credito, suo padre ha scoperto che ha lasciato l’università e ha deciso di non passargli più il denaro mensile con cui lo manteneva … e, come se non bastasse, la fortuna si mette di traverso e non c’è modo, per lui, di riuscire a prendere quel benedetto caffè. Da mattina a sera, l’occhio meccanico diretto (per la prima volta) da Jan Ole Gerster segue il pellegrinare di Niko nello spazio metropolitano berlinese: gli incontri con un amico, un’ex compagna di scuola, ma anche un nuovo vicino di casa e uno sconosciuto con una storia che viene da lontano ma pesa ancora, su tutti. Niko stesso è tanto il protagonista di questi incontri quanto il suo spettatore, guidato dall’inerzia ma chiamato in qualche modo a fare i conti, in una sola volta, con il presente, il passato e il futuro.

– “Monuments Men”. Mentre le forze alleate stanno sferrando il loro attacco alla Germania lo storico dell’arte Frank Stokes ottiene l’autorizzazione da Roosevelt in persona per mettere insieme un gruppo di esperti che cerchi di recuperare le opera d’arte che Hitler ha fatto portare via e nascondere in previsione della costruzione del mastodontico Museo del Fuhrer. In caso di sconfitta del Reich l’ordine è di distruggerle. Si viene così a creare una compagnia formata da due storici e un esperto d’arte, un architetto, uno scultore, un mercante, un pilota britannico e un soldato ebreo tedesco per le traduzioni. Escluso quest’ultimo i componenti del gruppo non hanno certo l’età dei combattenti ma la loro missione non è priva di pericoli.

– “Pinocchio canzoni con il naso lungo”. Uno speciale teatro concerto dedicato al burattino più amato e celebrato di sempre e a tutti i personaggi della favola di Collodi. 15 canzoni racconteranno le avventure di Pinocchio coinvolgendo tutti, piccoli e grandi, in una grandissima e divertente festa tra parole, suoni, balli e rime contagiose.

– “The Lego Movie”. – “The Lego Movie”. Emmet Brickowski è un cittadino felice di una ridente metropoli fatta di Lego di cui rispetta tutte le regole: segue la musica trasmessa dalla tv, è gentile con gli altri e si reca diligentemente al lavoro (costruire palazzi) esattamente come gli viene detto di fare dalle "istruzioni". Proprio al cantiere un giorno incontra una ragazza e per errore casca in una voragine nella quale entra in contatto con un pezzo speciale, oggetto del desiderio di una setta di ribelli di cui Emmet non conosceva l’esistenza. La sua vita viene così trasformata in quella di un avventuriero e, nonostante non ne abbia le qualità, l’aver ritrovato il pezzo speciale lo rende "il prescelto". Scopre così che il sindaco della sua città è in realtà un dittatore di diversi mondi (fantasy, west, spazio ecc. ecc.) dotato di un piano per cambiare l’universo come lo conoscono. Dovrebbe essere il simbolo della mancanza di idee ad Hollywood un film sui Lego, in realtà è l’esatto contrario: un tripudio di trovate come non ne vediamo di frequente, portate avanti con una comicità molto intelligente che non usa solo la voce ma anche il "corpo" dei personaggi.

– "Saving Mr. Banks". Pamela Lyndon Travers è una scrittrice di romanzi per l’infanzia che vive a Londra e fa impazzire il suo editore. Da vent’anni Mr. Russell prova a convincerla a cedere i diritti di "Mary Poppins" a Walt Disney. Ossessionato dalla promessa fatta alle sue figlie, Mr. Disney sogna di realizzare un musical in technicolor con i pinguini animati e spazzacamini volteggianti. Cocciuta e ostinata a rendere la vita un inferno a chiunque, Miss Travers si persuade a partire per la California. Impermeabile agli ossequi e all’amabilità di Walt Disney e dei suoi assistenti, Pamela si siede in cattedra e passa in rassegna lo script e la sua infanzia, sublimata nei suoi romanzi. Cresciuta in Australia da una madre fragile e un padre sognatore, costretto a lavorare in banca e deciso ad affogare la propria vita nell’alcol, Pamela ha inventato Mary Poppins per salvare suo papà e i Mr. Banks del mondo. Assediata dai ricordi e dal corteggiamento di Disney, che intuisce il dolore radicato nell’infanzia, Pamela dovrà infine decidere del suo futuro e di quello della sua celebre governante.

– “La scuola più pazza del mondo”. La scuola elementare St. Claire apre le porte per un giorno alla visita degli aspiranti nuovi alunni. Tre piccole pesti, la piccola Mako, la vanitosa Miko e la secchiona Mutsuko, s’infilano nell’aula di scienze, chiusa per smantellamento imminente, e si divertono (letteralmente) sulla pelle del modello di anatomia, scarabocchiandolo e ignorandone allegramente i sentimenti. La notte, deciso a vendicarsi, con la complicità dell’amico Scheletro, il Signor Nudo (come lo chiamano le ragazzine) invita le tre ad una "danza macabra" con il proposito di spaventarle a morte. Ma, come piccoli supereroi armati di invincibile entusiasmo, snobismo e amore del gotico, le tre pesti non solo non mostrano paura, ma colgono al balzo l’occasione per un divertimento sfrenato.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.