BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sentenza processo Ultrà: tifosi organizzati non associati a delinquere fotogallery

Nelle motivazione della sentenza del processo sugli Ultrà, il Giudice per le udienze preliminari, Patrizia Ingrascì in quindici pagine delle 26 del verdetto, smonta l'accusa e ribadisce come i tifosi si ritrovavano per tifare, non per delinquere.

Più informazioni su

Quindici pagine su ventisei della sentenza, tutte concentrate per smontare l’accusa formulata dal pm Carmen Pugliese dopo l’inchiesta sugli ultrà. Inchiesta che era partita dopo i gravi fatti di Alzano Lombardo alla Berghem Fest quando gli ultrà atalantini misero e ferro e fuoco l’area delle feste contestando l’allora ministro dell’Interno Roberto Maroni. Il pubblico ministero Pugliese aprì un’inchiesta sostenendo, nell’ipotesi accusatoria, che tafferugli, danneggiamenti, episodi di violenza e adunate sediziose, ad opera di un gruppo di ultrà dell’Atalanta a partire dal 2006, fossero il frutto di un progetto dietro il quale si nascondeva un’associazione per delinquere. Fra gli episodi c’era proprio quello avvenuto il 25 agosto 2010 ad Alzano Lombardo, con l’assalto alla Bèrghem Fest.

Per sette ultrà il pubblico ministero aveva formulato l’accusa di associazione a delinquere: Claudio Galimberti, il Bocia, Andrea Piconese, Andrea Quadri, Giuliano Cotenni, Davide Pasini, Luca Valota e l’allora assessore regionale della Lega Nord Daniele Belotti, accusato in concorso esterno.

“Certamente sussiste tra gli imputati un legame stabile e duraturo fondato sulla comune fede calcistica, che non rappresenta in se una connotazione illecita – scrive il giudice Ingrascì -. E a tale legame non può essere attribuito un carattere patologico in conseguenza delle azioni violente contestate dal pubblico ministero, perché tali condotte sono la risposta a fatti contingenti e non prevedibili, come lo scarso rendimento della squadra”. E, ancora, scrive Ingrascì: “Inutile e superfluo il processo ai fini dell’accertamento del reato associativo”.

Perchè cade questa accusa il giudice lo spiega rammentando che l’associazione a delinquere si può delineare solo quando sussistono tre elementi: “Un vincolo permanente, un programma criminoso prestabilito e indeterminato, una struttura organizzativa”.

Nessuno dei tre punti citate collima – secondo il giudice – con gli atti dell’accusa. Perché: “un legame stabile e duraturo fondato sulla fede calcistica non ha nulla di illecito”; non è possibile “dedurre l’esistenza di un programma criminoso prestabilito in considerazione del fatto che i singoli reati sono stati determinati da circostanze contingenti” e, infine, “Nella maggior parte dei casi le decisioni di consumare le cosiddette imboscate vengono prese nell’immediatezza dell’evento sportivo”. Poi il giudice affronta il tema dei ruoli svolti dai diversi indagati e “anche se il pm ravvisa ruoli fissi, disponibilità di strutture logistiche e pianificazione delle azioni delittuose, tali elementi non hanno un univoco significato accusatorio, essendo pienamente compatibili con il lecito e con il frequente associazionismo dei tifosi”.

Insomma, per il gup Ingrascì ritrovarsi al Covo o al bar fuori dallo stadio non significa che quei due luoghi ospitano una banda criminale. Insomma, una stroncatura su diversi fronti di un’indagine lunga e complessa. Ma proprio su questa sentenza il sostituto procuratore Carmen Pugliese potrebbe decidere in base agli elementi a sostegno dell’impianto accusatorio se ricorrere in Corte di Cassazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bocciata 2 volte

    Prima bocciata dal gip, poi bocciata dal gup….se vuole andare in cassazione a prendere la terza bocciatura la On., Cav. di gran croce, Pm., Dott.ssa, Sig.ra Pugliese è pregata di farlo a sue spese. Basta protagonismo sulle spalle degli altri e coi soldi dei contribuenti.

  2. Scritto da Marco

    Commenti? Perle di saggezza? Niente??

  3. Scritto da GREATGUY

    due domande: 1) quanto è costata tutta l’inchiesta ai contribuenti?
    2) ci sono notizie sull’assassino di Yara Gambirasio?

    1. Scritto da 150

      se la memoria nn mi inganna 150.000 euro!

      1. Scritto da greatguy

        mi sembrano anche pochi per tutto il cinema (perchè di cinema si tratta!!!!)