BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nasce Bariano Soccorso, gruppo aperto per un nuovo progetto di volontariato

L’associazione di volontariato, che si vuole impegnare nell’ambito socio-assistenziale, venerdì 28 marzo organizza un primo incontro per presentare il gruppo e per raccogliere eventuali nuove adesioni.

Il volontariato bergamasco si arricchisce di una nuova e preziosa realtà sociale: nasce Bariano Soccorso. Si tratta di un’associazione di volontariato aperta a tutte le persone interessate a far parte di un nuovo progetto di volontariato in ambito socio-assistenziale.

Mariaelena Lecca, impegnata nella costituzione del gruppo, spiega: “Bariano Soccorso si occuperà, innanzitutto, dei servizio di ambulanza emergenza-urgenza 118 e del trasporto sociale. Il servizio, aperto a tutte le fasce di popolazione, sarà particolarmente utile per gli anziani, per i disabili, i dializzati e, più in generale, tutti quanti avessero problemi di trasporto”.

Accanto al trasporto sociale, l’altra direzione cui si indirizzerà l’attività dell’associazione è l’assistenza agli anziani, impegnandosi a servizio della persona e dei suoi bisogni. Lecca prosegue: “Tra gli obiettivi del gruppo c’è l’assistenza agli anziani, spaziando dalle classiche telefonate per la compagnia a diverse forme di aiuto, come la consegna a casa dei farmaci”.

Man mano che il gruppo crescerà, potrà contare su maggiori energie ed espandere la propria attività. La volontaria spiega: “Attualmente il gruppo è costituito da 38 persone ed è aperto a tutti quanti vogliano inserirsi. Venerdì 28 marzo dalle 20 alle 22 nella sala comunale di Bariano in via Locatelli, 2 si terrà un primo incontro informativo per la cittadinanza. Sarà l’occasione per presentarsi e per raccogliere eventuali nuove adesioni. Per promuovere la partecipazione, stiamo pubblicizzando l’iniziativa e abbiamo aperto su facebook il gruppo “Bariano Soccorso”, che attualmente conta oltre 100 likes”.

L’associazione rientra nella Confraternita della Misericordia, organizzazione di ispirazione cattolica attiva in soccorso dei bisognosi, diffusa a livello nazionale di tradizione plurisecolare. Mariaelena Lecca afferma: “La confederazione ha una storia lunghissima. Infatti, è nata nel 1244 a Firenze per soccorrere i malati di peste. In Lombardia ci sono 4 associazioni di Misericordia: dopo aver collaborato in una di queste a Milano, sono contenta di poter lavorare per la formazione di questo gruppo anche in Bergamasca, a Bariano, dove mi sono trasferita. Ci proponiamo di organizzare alcuni incontri per far consocere ai cittadini la confraternita, dato che molti non la conoscono o la confodono con altri gruppi, come la Croce Rossa”.

La fase di costituzione dell’associazione si concluderà con la definizione degli organi sociali previsti dallo statuto: presidente, consiglio direttivo, assemblea dei soci, collegio dei probiviri e collegio dei sindaci. Possono diventare soci tutte le persone dai 16 anni in su. I ragazzi non ancora maggiorenni, che potranno costituire la giovanile del gruppo, saranno un prezioso supporto per la promozione del gruppo, mentre gli aderenti dai 18 anni in su le persone potranno svolgere pienamente i servizi di trasporto sociale e di soccorso di emergenza, dopo aver ottenuto la certificazione per il 118 e aver preso parte allo specifico corso di formazione.

Dopo essersi impegnato per un anno nell’associazione, il volontario, accompagnato dal socio più anziano – una sorta di padrino -, può chiedere di accedere alla vestizione. E’ una celebrazione, officiata dal padre correttore, il parroco che assiste i membri del’associazione, normalmente il parroco del paese. Una volta effettuata la vestizione, il socio può ricoprire cariche sociali. Mariaelena Lecca conclude: “Dato che a Bariano il gruppo nasce ex novo, l’unica persona che ha compiuto la vestizione, al momento, sono io e, per il primo mandato sociale, le persone che accedono alle cariche del gruppo non avranno avuto accesso al rito”.

È possibile avere ulteriori informazioni chiamando il numero 334/7459552.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.