BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalmine, Lega e Fi uniti Ma i delusi pronti a formare una lista civica

Le elezioni a Dalmine saranno il festival del litigio. Con otto potenziali candidati sindaci non si può dire che ci sia intesa all'interno degli schieramenti. Dopo le vicissitudini del centrosinistra, anche Lega Nord e Forza Italia devono fare i conti con tensioni interne.

Le elezioni a Dalmine saranno il festival del litigio. Con otto potenziali candidati sindaci non si può dire che ci sia intesa all’interno degli schieramenti. Dopo le vicissitudini del centrosinistra, anche Lega Nord e Forza Italia devono fare i conti con tensioni interne. I due partiti di centrodestra hanno infatti trovato un accordo sulla figura di Fabio Facchinetti, non senza conseguenze politiche. Facchinetti è leghista, assessore della Giunta Terzi, lanciato dal Carroccio già qualche settimana fa, nello stesso periodo in cui Forza Italia aveva messo le mani avanti pretendendo la paternità del candidato sindaco. Ci hanno pensato poi le due segreterie provinciali, in un’ottica di alleanza ed equilibri da mantenere in tutta la Bergamasca, a stringere l’accordo definitivo. La presentazione era prevista per sabato, ma l’appuntamento non è stato ancora confermato.

Il trattato di non belligeranza non ha soddisfatto tutti. In particolare, chi era tra i papabili candidati di Forza Italia: Raffaele Carrara. L’ex presidente del Consiglio comunale, ora assessore, sta cercando di formare una lista civica per sostenere la sua candidatura a sindaco. Con lui anche due altri esponenti dell’area forzista legata al senatore Marco Pagnoncelli: Adriano Zeggio e Roberto Fagioli. Se Carrara riuscisse a trovare persone per comporre la lista civica, sarebbe l’ottavo candidato sindaco in lizza. Oltre a lui, Fabio Facchinetti (Lega, Forza Italia, Nuovo centrodestra e forse Fratelli d’Italia), Lorella Alessio (Partito democratico), Valerio Cortese (Patto civico), Manuel Steffenoni (Movimento 5 Stelle), Vincenzo Orlando (Si Cambia e Nostra Dalmine), Marco Cividini (inDalmine) e un’altra new entry, quasi ufficiale, Cristiano Poluzzi (Rifondazione comunista). Otto candidati per un solo vincitore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ste

    Fosse confermato che Carrara non accetta la falsa pace tra forza italia e lega, a Lui i complimenti per la serieta’ ed il rispetto dei cittadini, a differenza di chi si compatta solo per numeri elettorali, dopo 5 anni di sgambetti e litigi in maggiranza.

    1. Scritto da Supergiovane

      O forse anche lui si era affezionato all’idea della possibile poltrona da sindaco?