BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cassa integrazione, boom tra i metalmeccanici “55mila tute blu a rischio”

Continua ad aumentare il ricorso alla cassa integrazione in Lombardia in ambito metalmeccanico: “Sono 55mila le tute blu a rischio – denuncia la Fiom – La politica non stia a guardare”.

Più informazioni su

Continua ad aumentare il ricorso alla cassa integrazione in Lombardia in ambito metalmeccanico come rivelato dall’ultima infornata di dati Istat. Cresce sia per gli operai che per gli impiegati (12%) l’utilizzo di questo ammortizzatore sociale. Il dato complessivo parla di un aumento del 9%. E’ in calo la cassa integrazione in deroga con tutto quello che ciò comporta. Si è ancora di fronte a dati oggettivamente allarmanti. Si assiste un aumento generalizzato nei distretti di Bergamo, Lodi e Mantova. In sostanza si è verificato un aumento del 5,77% della cassa integrazione ordinaria e del 20% di quella straordinaria.

Anche il raffronto mese su mese è impietoso. Le ore complessive di cassa integrazione registrate il mese scorso sono 9.547.726. Dividendo questo valore per 173 (il numero di ore mensilmente lavorate da un metalmeccanico), si ottiene 55.189,16 una cifra che deve fare riflettere. Questo dato matematico rivela un aspetto inquietante: è come se oltre 55mila lavoratori fossero stati messi in cassa integrazione nell’intero mese di febbraio. Si nota un exploit nelle province di Cremona e Bergamo, con qualche sostanziale diminuzione sia nella forma ordinaria che in quella straordinaria negli altri territori.

"Questo dato è la spia di come ampi settori della produzione siano ormai al collasso senza una politica industriale che si faccia carico di investimenti nel breve periodo. La Fiom allora non può che ribadire concetti già ribaditi nell’ultimo congresso celebratosi a Milano la scorsa settimana. Servono interventi forti e urgenti, perché la cassa integrazione sta aumentando in tutte le sue forme", sostiene Mirco Rota, segretario generale dei metalmeccanici lombardi.

"Si tratta di una situazione emergenziale gravissima, che rischia di avere contraccolpi molto pesanti per la categoria e per l’intero tessuto socio-economico lombardo. Il Governatore Maroni prenda atto che è finito il tempo delle promesse. Siamo anche convinti che le ricette ipotizzate dal Governo nazionale vadano riviste e debbano mirare a dare una scossa all’economia, tutelando le fasce più deboli e garantendo provvedimenti che assicurino la continuità lavorativa a chi oggi è seriamente messo a rischio dalla crisi", conclude Rota.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pino

    A quale sindacato hai denunciato la cosa? di quale azienda si tratta?

    1. Scritto da stufadeisolitifurbi

      Il nome dell’azienda non posso pubblicarlo qui… non vorrei avere anche una denuncia. Credimi sto vivendo una situazione incredibile… Addirittura un’addetta del call center dell’inps mi ha risposto.. “cosa vuole signora in Italia la fanno sempre franca i furbi e noi poveri cristi la prendiamo sempre in quel posto”…. tira tu le conclusioni

  2. Scritto da stufadeisolitifurbi

    E’ vero, tante aziende sono in crisi ma io ho avuto a che fare con una che ne ha approfittato, mettendo gli operai in CIGD facendo lavorare gli artigiani e fatturando come gli anni precedenti, moglie e figlio del titolare pur lavorando hanno precepito la CIGD. Ho provato a denunciare all’INPS, SINDACATI, GUARDIA DI FINANZA, mi hanno detto che non possono fare niente. Buongiorno Italia!

  3. Scritto da Sergio

    Però avranno 80 euro in più al mese in busta paga, grasso che cola! Ooopssss, non avranno più la busta paga? Ditelo a Renzi, che forse non s’è accorto di com’è messo il Paese. Forse non s’è accorto che non muoiono di fame quelli che prendono 1000 euro al mese, ma quelli senza lavoro che prendono ZERO! E si continua ad andare verso la perdita di posti di lavoro. Proprio bravo e razionale, nell’individuare le priorità! Anche Maroni, sveglia o a casa senza paga, come i lavoratori!