BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

All’Istituto Mario Negri incontro di esperti sulle cure nei trapianti

L’Istituto Mario Negri organizza giovedì 20 e venerdì 21 marzo, un convegno per fare il punto sullo stato di avanzamento della ricerca per l’utilizzo nei trapianti d’organo di un particolare tipo di cellule staminali, le cellule mesenchimali stromali.

Più informazioni su

Giovedì 20 e venerdì 21 marzo, 60 scienziati e ricercatori provenienti da tutto il mondo si troveranno a Villa Camozzi, una delle due sedi bergamasche dell’Istituto Mario Negri, per il convegno Misot che farà il punto sullo stato di avanzamento della ricerca per l’utilizzo nei trapianti d’organo di un particolare tipo di cellule staminali, le cellule mesenchimali stromali.

I ricercatori del Mario Negri di Bergamo da tempo studiano l’impiego di queste cellule soprattutto nell’ambito nel trapianto di rene. “Dal 2007 siamo impegnati in un progetto per l’utilizzo delle cellule mesenchimali per indurre tolleranza al trapianto d’organo” – dice il professor Giuseppe Remuzzi, coordinatore delle ricerche del Mario Negri – “l’obiettivo è quello di evitare o ridurre al minimo il numero e il dosaggio di farmaci immunosoppressori che un paziente trapiantato è costretto a prendere per evitare il rigetto e che hanno effetti collaterali molto pesanti da sopportare”.

Il Misot riunisce ogni anno in un Paese diverso i massimi esperti internazionali del settore, persone provenienti dal mondo della ricerca, dell’università e dell’industria. “Siamo molto onorati di ospitare la uinta edizione dell’expert meeting Misot; presenteremo ai colleghi i risultati molto incoraggianti ottenuti da uno studio clinico che abbiamo condotto recentemente” – spiega Federica Casiraghi, ricercatrice del Dipartimento di Medicina Molecolare e organizzatrice del meeting – “Nei pazienti con trapianto di rene a cui si è somministrata una infusione di cellule mesenchimali abbiamo riscontrato evidenze del fatto che esse riducono l’attività delle cellule del sistema immunitario che provocano il rigetto e che la procedura è sicura e non comporta rischi per il paziente”.

Tra gli scienziati presenti al convegno ci sarà anche una giovane ricercatrice indiana, Aruna Rakha. Grazie a un grant offerto dalla Fondazione Art per la Ricerca sui Trapianti Onlus, che da tempo sostiene le ricerche dell’Istituto Negri in questo campo, la dott.ssa Rakha avrà l’opportunità di presentare i risultati delle sue ultime ricerche ottenuti dopo che lo scorso anno aveva frequentato il Laboratorio di Immunologia dei Trapianti del Negri acquisendo proprio le metodiche necessarie per lo studio della risposta immunitaria.

Per avere ulteriori informazioni è possibile contattare l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Centro Anna Maria Astori, Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso a Bergamo in via Stezzano, 87 chiamando il numero 035 4213409 e consultando il sito internet http://negribergamo.marionegri.it/

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.