BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riccardo Fogli in Crimea Roby Facchinetti critica “Presenza discutibile”

A far discutere e polemizzare è la presenza di Riccardo Fogli alla festa allestita a Sebastopoli per la secessione della Crimea dall’Ucraina. Una presenza che il leader storico del gruppo, il bergamasco Roby Facchinetti non apprezza: "Rispetto il pensiero di Riccardo, che per me è come un fratello, ma quello che ha fatto è molto discutibile".

Pooh contro, o meglio Pooh ed ex Pooh contro. Ma non  per motivi legati alla musica, tutt’altro. A far discutere e polemizzare è la presenza di Riccardo Fogli alla festa allestita a Sebastopoli per la secessione della Crimea dall’Ucraina.

Una presenza che il leader storico del gruppo, il bergamasco Roby Facchinetti non apprezza: "Rispetto il pensiero di Riccardo, che per me è come un fratello, ma quello che ha fatto è molto discutibile".

Fogli, che in Russia è una star, è stato il primo bassista dei Pooh, suonando per anni, dal 1966 al 1973, con Facchinetti: dal palco aveva detto di non vedere carri armati e cattivi. Ma proprio a questo replica Roby Facchinetti: "Attenzione, i cattivi non sempre sono i cattivi. La storia non la fa chi la vive in prima persona ma chi la scrive, e ciò che si legge non è quasi mai la verità, non sempre i cattivi sono i cattivi".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pippo

    è chè… sei geloso

  2. Scritto da Alex

    Il referendum in Crimea è stato preceduto dall’invasione delle forze armate russe, le quali ne hanno presieduto e controllato lo svolgimento. Siamo proprio sicuri che si sia trattato di un referendum libero?

    1. Scritto da davide

      Attento Alex, ti rispondo con la citazione di un attento uomo di politica: “Attenzione, i cattivi non sempre sono i cattivi. La storia non la fa chi la vive in prima persona ma chi la scrive, e ciò che si legge non è quasi mai la verità, non sempre i cattivi sono i cattivi”.

  3. Scritto da Magister

    Veramente stupito che Facchinetti esprima idee politiche, pensavo non ne avesse visto che in 50 anni di carriera non ricordo di averlo mai visto prendere posizione su qualcosa, invece mi preme chiedere che differenza c’è tra quello che con un referendum succede in Crimea con quello che l’occidente organizzò e permise pochi anni fa in Kossovo? O va bene per tutti o per nessuno!

  4. Scritto da acido

    Ohé, Facchinetti! Il 97% degli abitanti della Crimea è d’accordo con Fogli.

  5. Scritto da nino cortesi

    Che notiziona.