BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pedrengo, quattro liste scendono in campo per le amministrative

La lista “Progetto comune” si è presentata alla cittadinanza, indicando Francesco Vailati candidato sindaco. Candidatura al femminile, invece, per la lista “Pedrengo per tutti”, che punta su Annamaria Zenoni. Già qualche mese fa, il 26 ottobre, poi, “Insieme per Pedrengo” aveva presentato la candidatura di Tobia Perini, mentre l’attuale sindaco Gabriele Gabbiadini, dal 2009 alla guida di “Uniti per il cambiamento”, venerdì 14 febbraio ha annunciato di volersi ricandidare.

Ora a Pedrengo le liste in campo per le prossime elezioni amministrative di maggio sono quattro. Con la presentazione della nuova lista “Pedrengo – Progetto comune”, che si è svolta nel pomeriggio di sabato 15 marzo, sono andati definendosi i nomi che i quattro gruppi hanno indicato come proprio candidato sindaco.

In ordine temporale, già lo scorso 26 ottobre la lista civica “Insieme per Pedrengo” ha presentato la candidatura di Tobia Perini e le linee programmatiche su cui sta lavorando il gruppo. Perini ha sottolineato: "L’aspetto principale su cui si fonda il nostro programma elettorale è ricostruire un’idea di comunità. Per farlo è necessario tornare a coinvolgere i cittadini e ridare voce ai gruppi e alle associazioni del territorio, in modo da ricostruire partecipazione e tessuto sociale. Presteremo particolare attenzione, quindi, alle politiche sociali e ai servizi alla persona".

Il primo passo per ricostruire il tessuto sociale è l’ascolto delle esigenze del territorio. Il candidato ha proseguito: "In queste settimane stiamo incontrando i gruppi e le associazioni del territorio per capire i loro bisogni, non per fare liste della spesa, ma per condividere una visione in prospettiva del paese. Siamo stati i primi a contattarli proprio perchè crediamo che sia necessario ricreare un’idea di comunità. In questo senso, proporremo di adibire l’edificio dell’ex municipio a "Casa delle Associazioni", quale sede per i gruppi del territorio e luogo di aggregazione per il paese. Prestiamo particolare attenzione ai giovani che, ora come ora, per lo svago devono andare fuori paese e, quando sono autonomi, sono nella condizione di dover andare ad abitare altrove: ci impegneremo per dare loro le condizioni per rimanere in paese. Potremo contare su un contatto forte con loro, considerando che la nostra lista sarà composta per il 60% da persone sotto i trent’anni".

Qualche settimana fa, sabato 14 marzo, poi, l’attuale sindaco Gabriele Gabbiadini, dal 2009 alla guida di “Uniti per il cambiamento”, ha annunciato che si ricandiderà. Ha dichiarato: "Alle elezioni amministrative il gruppo si ripresenterà con lo stesso nome, ma come lista civica. Sarà una lista civica di centrodestra e, a differenza di cinque anni fa, non avremo più nel nostro simbolo gli stemmi di Pdl e Lega Nord. Resteranno, invece, le persone che ne facevano parte, con l’innesto di alcuni ragazzi e di alcune donne. Stiamo preparando il programma elettorale, che sarà all’insegna della continuità, ripresentando gli obiettivi iniziali e sperando nel miglioramento della condizione economica. Accanto alla riconferma del programma, stiamo inserendo punti legati all’attualità, come l’ambiente, specialmente il risparmio energetico, e i servizi alla persona. Infine, presteremo attenzione alle dinamiche sovraccomunali, facendo leva su chi emana le leggi, affinchè venga prestata maggior attenzione agli enti locali e ai bisogni del territorio, perchè in questi anni non è stato così".

Candidatura al femminile, invece, per la lista “Pedrengo per tutti”, il cui candidato sindaco sarà Annamaria Zenoni. L’ex assessore afferma: “Il nostro gruppo ha deciso di puntare in modo particolare sulle donne. Solitamente, infatti, sono le donne a gestire la famiglia e, allo stesso modo, possono occuparsi con una sensibilità particolare anche dell’amministrazione comunale. La lista, inoltre, è composta da persone comuni, che vivono i problemi di tutti i giorni. Quindi, prestiamo particolare attenzione ai bisogni delle persone, partendo dal sociale e dal lavoro. il tema del lavoro è legato soprattutto ai giovani, che faticano a trovare un’occupazione. Per loro, per esempio, proporremo corsi di formazione in modo che possano diventare più appetibili per le imprese. Per il sociale, punteremo sul dialogo e sull’ascolto, ma soprattutto su una rinnovata condivisione con i gruppi e le associazioni. Lavorando in rete, infatti, si possono razionalizzare le risorse e utilizzare meglio le energie del territorio. Stiamo mettendo a punto anche proposte innovative per gli anziani e per dare al paese un centro di aggregazione, importante per la comunità, di cui si sente la mancanza”.

La lista civica “Pedrengo – Progetto comune”, infine, ha indicato il nome di Francesco Vailati quale proprio candidato sindaco. Nel gruppo, ci sono anche gli ex assessori Luigi Beretta e Marco Locatelli e diversi volti nuovi. In occasione dell’incontro con la cittadinanza tenuto sabato 15 marzo, Vailati ha spiegato: “Il punto da cui parte la nostra proposta è la scuola. In modo particolare, reperendo risorse oggi usate diversamente, daremo fondi alla scuola per attività integrative attraverso il piano di diritto allo studio, e sosterremo i ragazzi delle scuole superiori e dell’università premiando i meritevoli e fornendo spazi adeguati per studiare. Altro punto centrale è il sociale, soprattutto i servizi alle famiglie: in questa direzione il paese può fare di più. Altri capitoli sono: ambiente e territorio, con la volontà di tornare a puntare sul Parco lungo il Serio e predisporre progetti per l’area Tadini e l’area Cantoni; le associazioni, con cui bisogna ricostruire dialogo; gli anziani e i giovani; la sicurezza; le attività produttive; e la cultura, attraverso l’organizzazione di eventi che, in questi anni, si sono persi”. Infine, ha evidenziato: “Con la cittadinanza vorremmo avere un rapporto diretto: per questo, pensiamo di proporre il consiglio comunale in streaming, forse anche le riunioni di giunta, e incontri costanti con i cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da domanda

    Ma scusate…come può la lista del Sindaco uscente essere CIVICA DI CENTRODESTRA? o è civica quindi nasce dall’impegno civico di chi si mette in gioco o politica e quindi “legittimata” dalle segreterie di partito….mah quanti controsensi questo strano primo cittadino

    1. Scritto da Nicolò

      A differenza delle classiche liste di partito le quali agiscono secondo le direttive dall’alto, la lista civica agisce autonomamente però tramite i circoli creati nel paese i cittadini potranno votare i loro rappresentanti, quasi come se fossero delle”primarie”.
      La lista comunque agirà per il bene della comunità senza dubbio.

      1. Scritto da domanda

        eppure io in questi 5 anni non ho visto circoli di centro destra nascere in paese….per me sa tanto di propaganda pensando di raccimolare voti da chi voterà centro destra alle europee…..

  2. Scritto da Pluto

    Quasi quasi presento una lista anch’io. Perdendo l’alfa e l’omega della politica?