BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

MicroMega Bergamo Parcheggio ospedale: esposto alla Corte dei Conti

MicroMega Bergamo presenta un esposto alla Corte dei Conti sui costi del parcheggio dell'ospedale Papa Giovanni XXIII. Gli avvocati Roberto Trussardi e Rocco Gargano, che hanno predisposto il documento, chiedono che si faccia chiarezza sui soldi pubblici spesi e valutare se esiste un danno erariale.

Più informazioni su

Sette fogli, quindici punti di premessa e undici domande. É l’interpellanza scritta che MicroMega Bergamo ha predisposto per il presidente della Provincia Ettore Pirovano perché faccia chiarezza sulla realizzazione e gestione del parcheggio del nuovo ospedale di Bergamo. All’interpellanza si aggiunge un faldone di documenti, sono gli allegati che nel dettaglio ricostruiscono l’intera vicenda a partire dal 7 aprile del 2000 fino all’apertura del parcheggio dell’ospedale Papa Giovanni XXIII a metà dicembre del 2012. Il materiale sarà inviato con un esposto alla Carte dei Conti perché faccia chiarezza e valuti se c’è stato un danno erariale.

Cuore della vicenda sono i nove milioni e mezzo di euro che la Provincia diede alla Bhp Spa (Bergamo Hospital Parking) per i maggiori costi lamentati dal concessionario – quantificati tra le parti in 9,5 milioni di euro e gli ulteriori 3,5 milioni di euro – che con un atto di transazione generale novativa e approvato dal Consiglio Provinciale di Bergamo il 15 ottobre 2012 – perché la società annunciava un mancato introito in caso non si fosse aperto il nuovo ospedale entro il 28 febbraio 2013. Nell’interrogazione in Provincia e nell’esposto alla Corte dei conti (leggi il testo integrale qui) si chiede “se sia corretto, opportuno e legittimo che i maggiori costi lamentati dal concessionario (quantificati, nell’accordo tra le parti, nell’importo complessivo di 9 milioni e mezzo di euro) dovuti, almeno in parte se non integralmente, per responsabilità di terzi siano addossati, mediante la revisione del PEF e la modifica delle relative condizioni economiche, sull’ente pubblico e sull’utenza del parcheggio dell’Ospedale anziché sui responsabili di eventuali errori e atti o fatti lesivi dei diritti e degli interessi del concessionario e della Provincia”.

In particolare MicroMega rammenta a questo proposito che le ragioni che hanno determinato i maggiori costi poi addossati sul pubblico e sull’utenza con la riduzione della sosta gratuita da 60 minuti a 15, con l’aumento della tariffa oraria massima da 0,80 ad 1,10 euro, sono state indicate in tre ordini di motivi: il ritardo con il quale era stata disposta l’aggiudicazione definitiva; le “revisioni progettuali risultate necessarie per rimediare ad alcuni limiti progettuali insiti nel progetto posto a base di gara” e per far fronte alle richieste di modifica pervenute dall’Azienda Ospedaliera e da ABM2 SpA: si chiede per quale motivo i maggiori costi determinati dai “limiti progettuali”; e, infine, la mancata disponibilità di parte delle aree consegnate per l’esecuzione dell’opera occupate dal deposito di materiali vari di proprietà di terzi impegnati nell’esecuzione dell’appalto per la realizzazione del nuovo ospedale. Sui 3,5 milioni di euro dati dalla Provincia alla Bhp Spa, MicroMega chiede “se possa ritenersi congruo e dovuto il versamento del rilevantissimo importo di 3,5 milioni di euro al solo fine di “evitare l’alea della controversia” circa la ritardata apertura di apertura di tutti i parcheggi (che anziché avvenire in data 01.10.2012 veniva posticipata al 28.02.2013), e comunque in base a quale criterio sia stato stabilito detto rilevantissimo importo”.

Ora si attende risposta da via Tasso. Quando il 23 febbraio scorso MigroMega stese la prima interpellanza (leggi tutto qui) – che nessun consigliere di maggioranza o minoranza presentò – il presidente della provincia Ettore Pirovano sostenne che i 3,5 milioni di euro erano parte dei 9,5 milioni di euro precedentemente stanziati. Ora sarà difficile smentire davanti ai documenti che comprovano quegli accordi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Anna

    Finalmente un candidato sindaco che alle parole e alle promesse premette i fatti.
    Non vi è dubbio, che con l’eccezione di Bruni, l’opposizione in comune abbia fatto letteralmente schifo. Ora si propongono di governare e tra l’altro scelgono come candidato quella boccia persa berlusconiana che è Gori, Be sappiamo chi dobbiamo in ogni caso votare; Rocco Gargano.

  2. Scritto da Indignato orobico

    E’ uno scandalo inaudito.
    E i leghisti facevano le manifestazioni contro i “Vu cunprà” perché taglieggiavano ai parcheggi dell’ospedale i cittadini . Ora Pirovano e Bettoni spieghino cosa hanno combinato con questo appalto,
    In ogni caso in generale sono le delizie del rapporto tra pubblico e privato Un ambito in cui la regola pare essere “la privatizzazione dei profitti e la socializzazione delle perdite”.

  3. Scritto da usiamo il cervello

    la costruzione del parcheggio e la gestione per la durata della convenzione (30 anni) possono costare complessivamente non più di 20 milioni di euro. Considerando un utilizzo medio del 50% dei posti (largamente sottostimato) con queste tariffe in 30 anni la società incasserà circa 250 milioni di euro. Un bell’affare davvero sulle spalle di chi ha bisogno dell’ospedale. I consiglieri provinciali e comunali come al solito dormono sonni tranquilli

    1. Scritto da Marco Brembilla

      Forse è meglio informarsi meglio. Il sottoscritto già a marzo dello scorso anno ha tenuto una conferenza stampa e presentato ben tre interpellanze in Consiglio comunale sull’argomento. Purtroppo la convenzione è stata firmata dalla Provincia; bisogna continuare nell’azione comune per ottenere quanto più possibile in termini di tariffe e servizi. La convenzione è nata male e va rivista, chi di dovere prenda in mano la situazione in modo deciso, ma quando sei all’opposizione puoi fare poco.

      1. Scritto da usiamo il cervello

        Penso che la convenzione prima di essere firmata, come tutti i documenti della pubblica amministrazione, sia stata esaminata almeno dai consiglieri provinciali (anche di opposizione). E rese pubbliche tutte le problematiche per capire di chi si stavano facendo gli interessi. Fare le interpellanze dopo serve a ben poco ….

      2. Scritto da Rocco Gargano

        Caro Marco, a me risultano un’interrogazione di Gandi discussa il 4.2.13 e un tuo ordine del giorno discusso il 9.12.13, documenti entrambi ridicoli per quanto sono poco informati. C’è un altro documento? Dai segnalamelo, son curioso, magari al terzo tentativo qualcosa l’avete imbroccata.
        All’opposizione si può fare tantissimo se ci si documenta, si studia e soprattutto ci si oppone alle porcherie. Ma voi non lo fate. Tutto qua.

        1. Scritto da Marco Brembilla

          Caro Rocco, dimentichi la conferenza stampa e forse altre cose. Mi spiace che tu ridicolizzi i nostri documenti e comunque naturalmente l’unico bene informato sei tu. Pazienza, comunque ho studiato, conosco le cose e, per quanto di competenza, ho tenuto alto il tema del parcheggio ospedale. Poi libero di pensarla come vuoi.

        2. Scritto da Genio

          caspita che fenomeno questo avvocato ……. ma non aveva suoi uomini in consiglio comunale??? all’opposizione puoi fare tantissimo sopratutto constatare che le proposte vengono bocciate ………….