BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta a gonfie vele, terza vittoria consecutiva: troppo tardi per l’Europa?

La squadra di Colantuono supera 3-0 la Sampdoria con una prestazione da incorniciare e si proietta nelle zone medio-alte della classifica. Peccato per i punti buttati in trasferta. Si può ancora sognare?

Più informazioni su

La partita perfetta. Con un pizzico di rammarico. L’Atalanta supera 3-0 la Sampdoria con una prestazione da incorniciare. La migliore finora in questa stagione. Compatta in difesa, spietata in attacco. E a tratti spettacolare.

Le reti di Carmona, sempre più in crescita, di Bonaventura, che sotto gli occhi di Prandelli si candida per i Mondiali in Brasile, e di Denis, già arrivato anche quest’anno in doppia cifra, stendono una Doria in giornata decisamente storta.

Mai in partita gli uomini del condottiero Mihajlovic (spropositata e fuori luogo la sua colorita conferenza stampa post-partita), che si riescono a farsi vivi solo grazie a un paio di bolidi dell’ex Gabbiadini.

Al cospetto di un’Atalanta in giornata di grazia, con tutti i suoi singoli ben al di sopra della sufficienza. Arriva così la terza vittoria consecutiva per gli uomini di Colantuono dopo quelle contro il Chievo in casa e a Roma con la Lazio. A dimostrazione di un momento di forma eccellente, considerando anche i pochi cambi fatti nel corso delle tre gare.

Un successo che vale, anche se non ancora a livello matematico, la salvezza a due mesi dal termine del campionato. E proietta i nerazzurri, ora noni con 37 punti, nelle zone medio-alte della classifica (davanti al Milan). A questo punto, a 10 giornate dal termine e con una squadra così in forma, è lecito sognare qualcosa in più della salvezza. Come dichiarato da Stefano Colantuono al termine del match: "Adesso faremo di tutto per ritagliarci altre soddisfazioni da qui alla fine. Poi all’ultima giornata vedremo dove saremo arrivati".

Per arrivare in Europa League serve comunque una grande impresa, visto che i punti da recuperare sull’Inter, attualmente quinta, sono ben dieci. C’è poi l’incognita della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, che potrebbe liberare un ulteriore posto in Europa.

In ogni caso le lunghezze da ridurre sono tante. Resta un pizzico di rammarico per quei punti buttati al vento nel girone d’andata, soprattutto in trasferta dove l’Atalanta ha avuto un rendimento nettamente al di sotto della media. E’ troppo tardi adesso per raggiungere l’Europa?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario

    Ora ci divertiamo ! L’atalanta ogni domenica Vi Sorprenderà, siamo i Migliori, La Dea comincerà a far miracoli

  2. Scritto da solodea

    ma chi se ne frega dell’Europa. Noi siamo l’ATALANTA ed i nostri traguardi sono da sempre legati ai successi saltuari contro le grandi, come quello nell’anno del “triplete” dell’Inter, che Mourinho sogna ancora, … o meglio è il suo incubo.

    1. Scritto da enrico brissoni

      Giusto! Lasciamo perdere l’Europa, per ora, non abbiamo ancora la struttura giusta, però qualche altra soddisfazione in campionato ce la possiamo prendere, vedi superare il Verona.

    2. Scritto da sepp

      ma di quali grandi parli??? ormai il campionato italiano è un triste torneo di terz’ordine. Ma purtroppo per arrivare in Europa servirebbe non tanto un miracolo quanto una riforma radicale delle due coppe… Platini svegliati!!!

      1. Scritto da sergio

        invece gli altri campionati spettacolo puro, ci sono le prime tre e poi il vuoto totale, sono solo piu forti le prime e basta, bei campionati guarda col bayern e il barca che una si una no vincono sette a zero..