BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi, banca popolare!: “Bilancio insoddisfacente Dividendo solo simbolico”

Il consiglio direttivo dell'associazione Ubi, banca popolare! valuta insoddisfacente il risultato della gestione 2013 del gruppo Ubi Banca: “La gestione finanziaria arrotonda i ricavi ma solo grazie a componenti non ripetibili e che ben poco hanno a che fare con la vocazione 'popolare' del gruppo Ubi Banca”.

Più informazioni su

L’associazione Ubi, banca popolare! commenta i dati del bilancio 2013 del Gruppo Ubi Banca, considerando insoddisfacente il risultato della gestione:

“Bilancio UBI 2013: molte ombre e qualche luce. Il consiglio direttivo dell’associazione UBI, banca popolare! valuta ancora insoddisfacente il risultato della gestione 2013 del gruppo UBI Banca.

La gestione caratteristica esprime risultati molto disomogenei tra le banche del gruppo con le sole Banca Popolare di Bergamo e Banca Popolare Commercio Industria capaci di produrre performance apprezzabili. Il crescente divario di performance tra banche sostanzialmente omogenee per caratteristiche organizzative, commerciali e di mercato dimostra il fallimento della guida esecutiva del gruppo e la necessità di cambiamenti profondi che valorizzino il potenziale tuttora inespresso del modello federale.

La gestione finanziaria arrotonda i ricavi ma solo grazie a componenti non ripetibili e che ben poco hanno a che fare con la vocazione “popolare” del gruppo UBI Banca.

Con il complesso dei ricavi ancora in calo, ancora una volta è la riduzione dei costi del personale che salva il bilancio del gruppo. Al contrario le perdite su crediti continuano a crescere, anche in questo caso in modo disomogeneo tra le banche del gruppo (spiccano gli oltre 140 milioni di euro di perdite su crediti del Banco di Brescia).

Le prospettive per il 2014 vengono indicate positive dal comunicato del gruppo UBI, che delinea un trend di miglioramento dei ricavi da intermediazione creditizia nell’ultimo trimestre del 2013 per effetto della moderata ripresa della domanda di finanziamenti e della riduzione del costo della raccolta.

L’auspicio dell’associazione UBI, banca popolare! è che gli amministratori sappiano cogliere queste opportunità di mercato non sottraendosi però alla responsabilità di rimuovere le cause che impediscono la piena espressione delle potenzialità del modello federale a matrice popolare.

Anche il 2013 riserva purtroppo ai soci un dividendo solo simbolico di 0,06 euro che verrà proposto ai soci in occasione dell’assemblea del 10 maggio”

Associazione UBI, banca popolare!

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.