BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

”Mamma non avere paura”, lo spot dei bimbi down Guarda il video

Si chiama #DearFutureMom (Cara futura mamma) la campagna di sensibilizzazione lanciata per la Giornata mondiale sulla sindrome di Down del 21 marzo e riportato da Repubblica.it. Uno spot toccante, promosso dal Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down (CoordDown)

Più informazioni su

Si chiama #DearFutureMom (Cara futura mamma) la campagna di sensibilizzazione lanciata per la Giornata mondiale sulla sindrome di Down del 21 marzo e riportato da Repubblica.it. Uno spot toccante, promosso dal Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down (CoordDown), diretto da Luca Lucini e realizzato in collaborazione con l’agenzia di pubblicità Saatchi & Saatchi. Quidici attori e attrici con sdD, provenienti da tutta Europa, rassicurano una futura mamma, preoccupata per il futuro del figlio in arrivo.

"La felicità di un genitore passa attraverso la felicità dei figli – si legge sul sito del CoorDown – ma il benessere di un figlio con sindrome di Down dipende anche dall’inclusione nella società e dalla possibilità di esercitare i propri diritti: una scuola di qualità, il giusto numero di ore di sostegno, i necessari interventi riabilitativi precoci, l’opportunità di trovare un lavoro, come chiunque altro. L’obiettivo della Giornata Mondiale è anche quello di diffondere una nuova cultura della diversità e una maggior conoscenza delle persone con sindrome di Down"

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lotty

    Come mamma di Giorgio, posso confermare che la sua vita è abbastanza felice anche se soffre perchè è consapevole di non poter fare da solo alcune cose. La sua inclusione sociale è pari a quella di tante persone “normodotate”, il problema più grosso è l’opportunità di un lavoro, le liste d’attesa vengono regolarmente “disattese”, ci sono ancora troppi pregiudizi!