BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Firmato il contratto: Faisal Bangal e l’Atalanta insieme fino al 2017

Il bomber classe 1995 ha firmato un contratto che lo lega all'Atalanta fino al 2017. Un periodo d'oro per l'attaccante della Primavera di Bonacina che ha appena debuttato con la maglia della sua nazionale, il Mozambico.

Più informazioni su

La notizia era nell’aria e ora è diventata ufficiale: Faisal Bangal ha firmato il suo primo contratto da professionista. Il bomber della Primavera di Bonacina, classe 1995, si è dunque legato all’Atalanta fino al 2017. L’indiscrezione era stata lanciata da Tmw.

Un momento d’oro per l’attaccante nerazzurro che proprio il 5 marzo scorso ha debuttato con la maglia della sua nazionale maggiore, il Mozambico. Un sogno che si è realizzato, quello di Bangal, come aveva lui stesso confermato in un’intervista prima del Torneo di Viareggio che, nonostante il calcio di rigore sbagliato nella gara che è costata l’eliminazione ai bergamaschi, l’ha visto come uno dei grandi protagonisti con 5 gol realizzati e la palma di vice capocannoniere della manifestazione. Ora i tifosi nerazzurri sperano di vederlo presto all’opera con la casacca della prima squadra, anche se sulle tracce del 19enne bomber c’è da tempo la Juventus.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da solodea

    Sono certo che qualcuno ora oserà dire perché Colantuono non lo fa giocare (è un giovane) non comprendendo, come quasi sempre, che i giovani devono aspettare il loro turno che, se meritevoli, prima o dopo arriva, sia in squadre blasonate sia in squadre “normali” ma pur sempre squadre che alle spalle hanno una S.p.A. che, giustamente, guarda anche ad … altre cose. Sono sicuro che quel “qualcuno” dissentirà, ma forse dovrebbe chiedersi se è sempre lecito parlare solo per dissentire.

    1. Scritto da libero arbitrio

      …mentre parlare per elogiare, sempre e comunque, va bene? Vero?
      E’ possibile ragionare o bisogna x forza essere sempre e solo tifosi?

      1. Scritto da solodea

        Io non sto parlando solamente da tifoso, anche perché non sarei obiettivo. Ho solamente detto che per uno che investe dei soldi in rappresentanza si un sistema societario ci sono anche dei motivi legati ad un bilancio economico che deve affrontare per poi renderne conto ai vari azionisti e, per ottenere certi profitti si deve affidare, non sempre, a giovani di 20 anni che potrebbero non garantirli (si chiamano premi per risultati).