BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rocco Gargano ha deciso, sarà candidato sindaco “A sinistra per Bergamo”

Rocco Gargano ha deciso: sarà candidato sindaco a Bergamo. Manca solo l'ufficialità: l'avvocato penalista guiderà una lista di sinistra, ispirata al progetto politico di Alexis Tsipras. L'obbiettivo è coinvolgere la grande fetta di elettori non disposti a votare Giorgio Gori. Gargano, che ha poco o nulla da perdere, potrebbe rubare molti voti proprio all'ex manager Mediaset.

Più informazioni su

Rocco Gargano ha deciso: sarà candidato sindaco a Bergamo. Manca solo l’ufficialità: l’avvocato penalista guiderà una lista di sinistra, ispirata al progetto politico di Alexis Tsipras. L’obbiettivo è coinvolgere la grande fetta di elettori non disposti a votare Giorgio Gori. Gargano, che ha poco o nulla da perdere, potrebbe rubare molti voti proprio all’ex manager Mediaset. Parte con il sostegno di forze politiche come Rifondazione comunista (anche se solo dall’esterno), una parte di Sel, storici esponenti della sinistra bergamasca.

L’ex consigliere comunale ha cercato partecipare alle primarie del centrosinistra, salvo poi fare un passo indietro poco prima dell’inizio della raccolta firme a causa del regolamento deciso dalla coalizione, in particolare il punto che vietava “critiche che possano ledere l’immagine dei partiti”. “Presenteremo proposte programmatiche precise nell’interesse della città – spiega Rocco Gargano -: saranno di sinistra, nel senso che saranno rivolte alla solidarietà, all’inclusione, alla multiculturalità, all’ambientalismo, fondamenti che classicamente appartengono al patrimonio della sinistra. Non pensiamo a ideali, ma esempi concreti realizzati in tante città”. Nessuno sconto sugli errori delle ultime amministrazioni, “soprattutto sull’urbanistica. Noi abbiamo una visione completamente diversa rispetto a quella cementificatrice di Tentorio e di Bruni”.

Una lista di sinistra potrebbe creare non pochi problemi a Giorgio Gori, tra i sicuri bersagli di Gargano durante la prossima campagna elettorale. “Io potrei rubare voti a Gori? Non sono certo suoi. I voti si conquistano, non si rubano – commenta -. La mia volontà di partecipare alle primarie era sincera, ma sarebbe stata una partecipazione critica perché non condivido i loro comportamenti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Terry

    Bergamo Cambia c’è . L’unica VERA lista civica! Solo cittadini, non politici!

  2. Scritto da Massimo Conti

    Candidarsi adesso senza passare dalle primarie….
    Bello, ma non bellissimo
    Mi chiedo il senso, me lo richiedo e mi dico che non ne ha.
    A meno (ma spero di sbagliarmi) che l’obiettivo sia unicamente quello di cercare di sabotare la corsa di Giorgio Gori.
    Se così fosse (ma spero sempre di sbagliare) perchè non si candida direttamente con Tentorio? mi sembra più coraggioso diretto e coerente con i suoi obiettivi.

    1. Scritto da ru

      Ah perché per lei le “primarie” di Gori sono state una cosa seria?

      1. Scritto da Aimè

        Ma dai, le primarie di plastica del PD. Quelle dove nessuno è andato a votare?
        E poi perché Gargano doveva partecipare a delle primarie in cui le regole erano state modificate in zona Cesarini contro di lui?
        Per quanto riguarda chi lo sostiene, cioè in particolare Rifondazione, hanno chiesto di essere coinvolti, ma il PD ha deciso di no. Quindi se adesso corrono alle elezioni di cosa si lamentano?

  3. Scritto da alpino

    I migliori in assoluto sono i sinistroidi passati direttamente da marx all’isola dei famosi di gori…….con che coraggio si guardano allo specchio?

    1. Scritto da lavoratore Tenaris

      E magari oggi sono quelli li col cappello in mano a mendicare un posto nella lista del Gori per dare un senso per la loro vita da falliti.
      Sono quelli che ci spiegano che “a 18 anni si è rivoluzionari, ma poi si cresce e si capisce il mondo”, lo hanno capito così bene che per opportunismo appoggiano Gori appunto.
      Forse bisognerebbe iniziare a dirgli che loro i radical-chic non sono la soluzione, ma una parte del problema. Sono la vergogna della sinistra, ammesso che siano di sinistra..

      1. Scritto da Bah !?

        Chissà perchè poi arrivate al 2,5% . Mistero , eh ?

        1. Scritto da Fabio Locatelli

          Mi sa che questa volta le percentuali non sono quelle li. Anzi sarà il PD che dovrà leccarsi le ferite, se si gira in giro, tolti i militonti e accoliti, Cori non se lo fila nessuno, come candidato di sinistra è francamente incredibile.
          Quella di Gori è una sconfitta annunciata. Gargano almeno è una speranza di un modo diverso di fare le cose, aria fresca.

        2. Scritto da Indignato orobico

          Vedremo dove arriveremo….. comunque qua si parlava di voltagabbana non di consensi.

  4. Scritto da Ci pensa Rocco

    Gori è una brutta copia di Berlusconi? Non asteniamoci, ci pensa Rocco! Ci pensa la Sinistra!

    1. Scritto da domenico

      Condivido!

  5. Scritto da Sergio Colombi

    Che sia Tentorio,che sia Gori, che sia un5 stelle o l’ultimo arrivato,
    qualunque lista vinca per cortesia non sia la giunta del no a prescindere, Bergamo merita molto ma molto di più.

    1. Scritto da Francesco Macario

      Non credo che sarà così.
      Siamo certamente in grado di avanzare proposte amministrative concrete e credibili.Lo si inizierà a vedere dal programma, Comunque se avessero detto no all’ospedale alla Trucca, come hanno fatto coerentemente i Consiglieri del PRC, avremmo una schifezza in meno. Infatti il problema in questa città non sono coloro che hanno il coraggio di dire no quando serve, ma coloro che sanno solo piegarsi ai soliti interessi e dire sempre e solo si.

      1. Scritto da c.b.

        Avresti dovuto dire qualche no in più quando eri in giunta con Bruni; es: ENEL; SACE, Via Autostrada. Ma di quale coraggio stai parlando? Con te la Città ha già dato.

        1. Scritto da giovanna

          Non sono d’accordo.
          E’ stato un buon assessore (se non ottimo), non ha mai nascosto le sue perplessità in particolare su ENEL e sul parcheggio e risalita a città alta.
          Contava per il 4%, ha portato a casa come e ha lavorato come se contasse il 10%. Stava in minoranza in una coalizione, non poteva fare o ottenere di più.

          1. Scritto da dark

            Condivido. Per me sarebbe un ottimo candidato sindaco. Un gigante visto cosa passa per ora il (magrissimo) convento 2014.

          2. Scritto da ex PD

            Anche io condivido, non sono del PRC, ma devo ammettere che Macario è certamente stato, assieme a Elena Carnevali, il migliore assessore di Bruni. Ha le sue idee, ma è stato capace di fare squadra. Se gli altri assessori del PD valevano la metà di lui non avremmo dovuto sopportare Tentorio per cinque anni.
            Forse il PD dovrebbe rifletterci su, ma dubito che lo farà, Spero che Macario sia nella lista di Gargano, sarebbe stato anche lui un ottimo candidato sindaco.

      2. Scritto da terze vie

        Ergo il problema sono i vari tentorio, Gori, Bruni….e quelli che si accodano. E non sono pochi, si direbbe. In ogni caso tra i due citati candidati e Gargano, non ci sono dubbi, per chi voglia pensare.

  6. Scritto da Carlosan

    Non c’è niente da fare. Da un lato la constatazione che la sinistra è “strutturalmente” incapace di cercare l’unità, quale che sia l’obiettivo, dall’altra questa recente tendenza ad osanare i “divi”, i famosi. Nessuno, dentro quel partito fasullo che è il PD ha preso minimamente in considerazione l’ipotesi di candidare un candidato, certamente giovane, ma con esperienza di Consiglio Comunale. E’ piaciuta subito la celebrità, se si vuole, parecchio in linea con i principi berlusconiani.

    1. Scritto da giorgio

      Be ammesso che il PD sia ancora d sinistra (cosa di cui dubito molto), in questo caso la sinistra si può unire attorno a Gargano candidato vero e credibile. In effetti concordo sul secondo punto: Gori e veramente parecchio in linea con i principi berlusconiani, e non capisco perché un elettore di sinistra dovrebbe votarlo. Anzi perchè il PD lo abbia candidato.

  7. Scritto da sandro

    A me Gori andrebbe anche bene, non mi vanno affatto bene tutti gli altri della “coalizione” che lo sostengono. Ossia quelli che hanno compiuto le scelte più assurde e devastanti in materia urbanistica con la giunta Bruni e che oggi mi vengono a parlare di verde e di tutela del suolo. Ma dico, scherziamo!?! Meglio, mille volte meglio, un Gargano, che peggio di Bruni e Tentorio sicuro non può fare.

  8. Scritto da Cane sciolto di sinistra

    GARGANO, FINALMENTE QUALCUNO DI SINISTRA. ORA SO PER CHI VOTARE. NON VOTERò SICURAMENTE
    IL MULTIMILIARDARIO GORI

    1. Scritto da Jimmy

      Ti piace perdere facile , eh ?

      1. Scritto da Alfredo

        Sempre meglio che vincere diventando come i Berlusconidi, a cosa serve? e poi la gente voterà l’originale e non la brutta copia.
        E poi la vedremo chi perderà, io ho fiducia nella capacità dei cittadini di capire le cose e Gargano è un candidato sincero e che piace.

        1. Scritto da Berghem

          Un bel riassunto di pregiudizi imparati a memoria.
          Cmq Gargano non sarà un milionario come Gori ma non è nemmeno un operaio che fatica ad arrivare a fine mese. Un po’ di coerenza.

          1. Scritto da domenico

            A proposito di pregiudizi imparati a memoria vero? Vedremo le liste e poi giudicheremo, intanto è il migliore candidato in campo.

      2. Scritto da Cane sciolto di sinistra

        SECONDO ME IL VERO PERDENTE, PER ORA, è GORI. INFATTI IL CENTRO-SINISTRA GUARDA TROPPO AI CETI-MEDI CON PROPOSTE MODERATE E PERDE I CETI POPOLARI. GARGANO E LA SINISTRA SPERO CHE PARLINO ALLE FAMIGLIE IMPOVERITE DALLA CRISI

        1. Scritto da Bla Bla bla

          E dopo che ha parlato cosa fa ? Racconta .

  9. Scritto da ezio

    C’è l’eterno contento perchè “abbiamo un buon candidato di sinistra” e chi si focalizza sulla marca del suv. Tentorio ringrazia. Poi c’è chi si sbatte per vincere le elezioni e fare qualcosa anche per loro.

    1. Scritto da Alfredo

      VIncerle con Gori (che è un pessimo candidato sindaco e nemmeno di sinistra)? Ma sei ubriaco, con quello li il PD ha riconsegnato la città a Tentorio.
      Questa è la percezione di molti elettori, quindi chi è causa del suo male pianga se stesso,

  10. Scritto da Gianmarco Gabrieli

    anche se sono orientato diversamente, ti faccio il mio in bocca al lupo, la voglia di fare non ti manca.

  11. Scritto da Mario

    Ecco spiegate le “furenti” polemiche sul parcheggio dell’ospedale.
    Altro che associazione in difesa dei consumatori è semplice campagna elettorale a buon mercato.
    Se volesse difendere i consumatori potrebbe cominciare da quello che succede con il metano che ha bollette sempre più care anche inverni come questo o sulla disastrosa situazione dei pendolari per MI dalla provincia verso BG.

    1. Scritto da febo

      Be i furbetti della sinistra (il PRC in particolare) sono stati gli unici a votare contro la previsione della giunta Vicentini di centrosinistra di spostare l’ospedale nella palude della Trucca (decisione poi confermata dalla giunta Veneziani di Centrodestra).
      Be’,l’hanno presa lunga questa campagna elettorale caro Mario, no?

  12. Scritto da ureidacan

    Ben venga questa nuova lista a sinistra (tutto sommato lo dirà anche Gori). L’obiettivo principale del penalista è quello di conquistare un seggiolo in consiglio. I 32 candidati della lista lavoreranno per il candidato sindaco, che in caso di scatto dellla seggiola, la stessa toccherà automaticamente a lui . Per il sindaco, invece, data anche la presenza del M5s, tutto si deciderà al ballottaggio tra Gori e Tentorio.

    1. Scritto da Andrea

      Be’, almeno Gargano non ha mai fatto figuracce come altri consiglieri comunali. Me ne viene in mente uno, che poi è stato fortunatamente trombato: in occasione di una partita della Nazionale a Bergamo aveva fatto i capricci perché pretendeva i biglietti omaggio con posti a sedere, perché il parterre gli faceva schifo…

    2. Scritto da lavoratrice precaria

      ureidacan, ma è quel ureidacan che per anni ha votato per Craxi?
      Se gli andava bene Craxi si farà andare bene anche Gori, ma non è detto che debba essere così anche per i bergamaschi, ora l’alternativa c’è.

      1. Scritto da ureidacan

        Letti gli improperi, mi sa che ho colto nel segno. Rocco Gargano comunque è bravo, e ce la farà. Mi ricordo pure io del consigliere comunale e della partita della nazionale di calcio a Bergamo. Io però ricordavo che il fatto era stato ripreso dalla cronaca perchè lo stesso consigliere, unico in consiglio comunale, aveva restituito il biglietto omaggio.

    3. Scritto da Anselmo Forchini

      Mi scusi adesso che ci ha fatto la mappa dell’impero in scala uno a uno, raccontandoci ovvietà, ci spiega cosa voleva dire?
      Che poi uno scarso come Gori vada al ballottaggio lo vedremo dopo…
      Intanto io da elettore del PD dico che questo candidato è più potabile di Gori. Facciamo così io voto Gargano lei si tenga Gori.

  13. Scritto da Fulvio

    Siamo “coesi” un aggettivo funesto di prodiana memoria, tanto caro ai sinistri (un ventaglio ampissimo che va dagli estremi ai cattocomunisti…). La sinistra non cambierà mai se non riuscirà per davvero a disfarsi dei campanilismi, protagonismi e mania di superiorità intellettuale… Un mondo in perenne conflitto

    1. Scritto da Rossovivo

      Lo dici perché finalmente a Bergamo si sono tutti uniti attorno a Rocco Gargano? Sveglia i conflitti sono già finiti, è iniziata primavera e c’è il sole, abbiamo un credibile candidato a sindaco possiamo quindi dire che oggi è una bellissima giornata.
      Tu intanto con gli sciatti Gori e Tentorio, rosica.

      1. Scritto da Bah !?

        Ti leggo sbalordito , in che mondo vivi ? La puoi riscrivere questa ridicolaggine appena dopo le elezioni ? Perchè mai dovrebbe andare oltre le briciole ? Come al solito e come SEMPRE.

  14. Scritto da Alle Solite

    L’importante è dare una mano a Tentorio , giusto ?

    1. Scritto da Antonio Rota

      Ma dai a fare vincere Tentorio basta Gori.
      Il PD ha scelto un candidato di destra, addirittura un ex uomo di Berlusconi, e adesso fai la morale alla sinistra? Ridicolo..
      Ora il centro è andato con Tentorio e a sinistra si è desertificato (a parte la ridicola presenza di SEL nella coalizione, ma quelli non contano buttano già tutto è hanno accettato per loro sindaco Gori).
      Ora la tanto disprezzata sinistra si presenta con un candidato buono, vedremo le liste, ma a occhio io la voto.

    2. Scritto da giorgio

      A perchè Tentorio è tanto diverso da Gori, non me ne sono accorto.
      E poi se uno fa il deserto disprezzando ed escludendo la sinistra, poi se la sinistra si presenta di cosa si lamenta, ma soprattutto tra Gori e Gargano, io voto Gargano,

  15. Scritto da Per Vacario

    Vedremo quali saranno le idee e le proposte. Per cominciare si potrebbe evitare di parcheggiare il SUV da 70.000 euro nel posto dei disabili come ha fatto Gori

    1. Scritto da vacario

      Trovo particolarmente odioso che qualcuno parcheggi in un posto riservato ai disabili. Anche se parcheggia una fiat Duna.
      Giudicare le idee politiche in base al 740 è un esercizio che non mi appassiona. Se una persona ha un reddito lecito elevato è libera di acquistare una vettura da 70.000 euro e di coltivare le proprie idee.
      Se poi il suo giudizio su Gori si ferma al suv e al parcheggio…beh questo può spiegare perchè certa sinistra prende meno voti che in una assemblea condominiale.

      1. Scritto da carlo

        Grazie, il livore delle sue argomentazioni mi ha chiarito le idee. Mi sono convinto piuttosto che votare come lei voterò per la prima volta a sinistra.

        PS: non è che il parcheggio sul posto dei disabili sia gravissimo, ma se il buongiorno si vede dal mattino….

        1. Scritto da vacario

          Mi fa piacere per Rocco. Auguri

  16. Scritto da roberta

    Ma cosa diavolo centra Tsipras con le amministrative di Bergamo? Se è solo un modo per sfruttare la moda del momento, allora tanto vale creare una lista ispirata a Papa Francesco, no? E poi: il signor Gargano prima rifiuta di partecipare alle primarie e poi si candida sindaco al di fuori? Ricorda un pò il caso Servidati a Romano…

    1. Scritto da lavoratore

      Veramente le primarie sono state prima precluse a Socialisti, Rifondaroli, Traghettatori ecc ecc. Questi hanno più volte chiesto di sedersi al tavolo delle primarie non ricevendo mi sembra mai risposta dal PD..
      Poi Gargano si candida e subito vengono scritte regole che lo imbavagliano e lo escludono di fatto. Gargano si è rifiutato di partecipare a delle primarie in cui gli impedivano di dire ciò che voleva.
      Quindi giustamente avendo cose da dire corre alle elezioni, punto

      1. Scritto da Peppe

        Ti stai contraddicendo, non si sono stati presi in considerazione o non piacevano le regole ? Ma….. pensava di vincere ? Oddio !

        1. Scritto da lavoratore

          Leggi bene prima di scrivere, le forze politiche di sinistra non sono state considerate da un PD in preda a delirio di onnipotenza che si pensava già vincitore a man bassa. Gargano è stato escluso inventandosi delle regole ad hoc, mai prima considerate nelle precedenti primarie in Italia, che di fatto lo zittivano.
          Ha fatto bene a lasciare le primarie, ancora meglio a candidarsi con il sostegno della sinistra.

  17. Scritto da Simone Paganoni

    Nulla contro questa lista, anzi ben venga. Quello che però mi aspetto da una lista di sinistra non sono solo le critiche all’operato della precedente amministrazione di cui facevano parte anche Gargano, Rifondazione, ecc. Ma anche e soprattutto che cerchi di battere la destra immobile e conservatrice (nel senso peggiore del termine). Se nasce solo per battere Gori e si dimentica che a Bg, negli ultimi 5 anni, ha governato (male) la destra mi sembra quantomeno bizzarro definirsi “sinistra”

    1. Scritto da carlo

      Invece a me “sembra bizzarro” che Gori possa definirsi candidato della sinistra. Gargano, infatti, copre il vuoto che si era creato in quell’area che fino a ieri non trovava un vero rappresentante. E’ singolare poi che si imponga a Gargano verso chi orientare le critiche (alla destra immobile e conservatrice). Vuoi vedere che comincia a picchiare sul cemento del centrosinistra (2004-2009)?

    2. Scritto da ct

      una sinistra che punta a battere Gori è LA Sinistra.
      Ia bizzarria, casomai, sta nel definirsi di sinistra e stare con uno che ha fatto i miliardi con Berlusconi e che non conosce i problemi della gente che lavora nelle fabbriche (non basta parlare con gli amici del rorary)

      1. Scritto da Leonardo

        Nel senso che preferisce far vincere Tentorio ? tanto per dirla in concreto.

        1. Scritto da roger

          La città è già stata riconsegnata dal PD a Tentorio candidando Gori. L’alternativa c’era candidare la Carnevali e soprattutto allargare il più possibile la coalizione.
          Ora si può solo votare Gargano.

          1. Scritto da Gino

            Vedo che conosci già i risultati elettorali . Bravo , peccato che contano quelli del giorno dopo e se non arriva al 4% paghi la pizza. Comincia a risparmiare.

          2. Scritto da giovanna

            Be se Gori diventa sindaco lei paga la cena?

          3. Scritto da Stufo

            Be anche lei come cartomante non è male, ma se anche fossi sicuro che Gargano prenderà solo l’1%, io piuttosto che Gori voto ancora lui!

      2. Scritto da giggi

        l’avvocato penalista invece sa bene quanto è duro lavorare al tornio.

        1. Scritto da rifondarola

          Lui forse no, ma i rifondaroli e gli altri che l’appoggiano certamente si.

          1. Scritto da Cliente dell'Avv. Gargano

            Signora Rifondarola, lei l’ha mai ricevuta una fattura dall’Avv. Gargano? Bene, allora faccia una cosa: vada a vedere la divhiarazione dei redditi di questo uomo di sinistra, vicino alla gente, ai lavoratori, al popolo, vada a vedere dove abita e che macchina ha e poi mi dica qual è la differenza fra lui e Giorgio Gori…

  18. Scritto da vacario

    Ennesimo tentativo velleitario di una sinistra ormai fuori dal tempo e che di volta in volta cerca di accodarsi ad un qualsiasi progetto purché sembri nuovo. Vedi Ingroia. La domanda è: quali sono le idee di Tsipras in campo urbanistici? E che ne pensa della viabilità a Bergamo?…che tristezza

    1. Scritto da darioflautista

      per quale motivo tanto pessimismo, intorno a Tsipras si radunano persone senza torbidi cointeressi e questa già é una garanzia

    2. Scritto da giovanna

      Invece sono contenta che ci sia questa lista. Le primarie del centrosinistra mi avevano depressa. Gori è così distante dai miei problemi che neanche nei suoi incubi peggiori può immaginare quali siano.Mi sarei astenuta, ma Tsipras e Gargano hanno riacceso la speranza di un cambiamento, io mi fido.
      Sulla questione del fuori dalla storia, ride bene chi ride ultimo…. vedremo!

      1. Scritto da vacario

        Staremo a vedere. In ogni caso mi piacerebbe sapere perchè in un momento di profondissima crisi economica e sociale la sinistra cosiddetta radicale è fuori dal parlamento ed è accreditata di percentuali sotto il 2%. Colpa delle proposte o dell’elettorato che non le capisce…?

        1. Scritto da preciso

          Stiamo parlando di elezioni amministrative vero?
          Se no potremmo disquisire degli accordi bipartisan tra Renzi e Berlusconi con annessa legge elettorale di destra, maggioritaria, bipolare, senza preferenze, senza quote rosa e con sbarramenti anticostituzionali peggiori di quelli della legge Acerbo che portò al potere Mussolini.