BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riina rivela: Borsellino azionò il telecomando della bomba che l’uccise, era nel citofono

E' scioccante la rivelazione che emerge dalle intercettazioni dei dialoghi in carcere tra Totò Riina e il boss Alberto Lorusso. Riguarda Paolo Borsellino, la strage di via D'amelio che uccise lui e la scorta il 19 luglio del 1992 a Palermo mentre il magistrato si stava recando dalla madre.

Più informazioni su

E’ scioccante la rivelazione che emerge dalle intercettazioni dei dialoghi in carcere tra Totò Riina e il boss Alberto Lorusso. Riguarda Paolo Borsellino, la strage di via D’amelio che uccise lui e la scorta il 19 luglio del 1992 a Palermo mentre il magistrato si stava recando dalla madre.  

Riina spiega che il telecomando della carica era stato sistemato nel citofono del palazzo dove abitava la madre del procuratore Borsellino.

Paolo Borsellino, citofonando alla madre, avrebbe azionato la bomba piazzata dentro la Fiat 126, la bomba che non lasciò scampo al magistrato e ai cinque poliziotti della scorta.

Quest’ultima sconvolgente verità è adesso all’esame del pool coordinato dal procuratore Sergio Lari, che in questi anni non ha mai smesso di cercare la verità sui misteri di via d’Amelio.

I pm di Caltanissetta stanno ripercorrendo con attenzione le parole di Totò Riina, perché ancora oggi c’è un grande mistero attorno al telecomando che attivò l’ordigno della strage di luglio. Neanche gli ultimi due pentiti di Cosa nostra, Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina, hanno saputo dire chi avesse in mano il congegno elettronico.

Forse, perché è proprio come dice Riina? Forse, per davvero, nessun mafioso azionò il telecomando?

Troppo tempo è trascorso, e oggi è impossibile verificare cosa ci fosse per davvero dentro quel citofono.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.