BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il caso gioielli a Stezzano arriva in Senato col M5S: “Comune disattento”

Attraverso il contributo del portavoce al Senato Nicola Morra ed altri cofirmatari, il M5S di Stezzano ha fatto depositare un’interrogazione parlamentare riguardo la vicenda della dipendente che comprava gioielli con i soldi pubblici

Il Movimento Cinque Stelle e il candidato sindaco Dario Fumagalli di Stezzano attacca l’attuale amministrazione comunale dopo il caso della dipendente che comprava gioielli con i soldi pubblici. Attraverso il contributo del portavoce al Senato Nicola Morra ed altri cofirmatari, il M5S di Stezzano ha fatto depositare al Senato un’interrogazione parlamentare riguardo alla ormai nota vicenda dei "gioielli di Stezzano".

Nell’interrogazione si enfatizza la scarsa puntigliosità dell’attuale Amministrazione nel controllo delle finanze del Comune e chiede quindi ai Ministeri competenti quali iniziative di competenza intendano assumere al fine di fortificare e migliorare il controllo sulla spesa pubblica a tutti i livelli istituzionali. Questo il testo dell’interrogazione pubblicata sul sito del Senato della Repubblica:

Premesso che: da tempo l’opinione pubblica ed i mezzi di informazione prestano particolare attenzione alle modalità con cui vengono utilizzati i fondi pubblici reperiti tramite le tasse pagate dai cittadini; tutti i partiti e movimenti politici sottolineano la necessità del contenimento della spesa pubblica e della lotta agli sprechi e invitano a sane e virtuose gestioni di bilancio sia a livello centrale che negli enti locali; proprio nelle realtà locali, grazie a norme che prevedono una legittima autonomia decisionale degli amministratori, a volte si assiste a decisioni di spesa che, a parere degli interroganti, confliggono con gli obiettivi di riduzione dei costi della "macchina pubblica", senza apparenti benefici diretti per i cittadini;

considerato che: si apprende dal quotidiano on line "bergamonews" del 26 novembre 2013 che "dalla casse comunali di Stezzano mancano 130.000 euro in gioielli pagati con 44 bonifici bancari dalla responsabile di settore, Loredana Zenca, 56 anni, dal 2 novembre in carcere in via Gleno. Poi sono emersi i bonifici bancari per il comandante della polizia locale, il 44enne di origini australiane Kenrich Kavanagh. In crisi economica, alle prese con il mutuo della casa, aveva trovato in Zenca l’aiuto per i suoi problemi";

da un altro articolo del quotidiano on line del 2 dicembre si apprende che "Nel rapporto delle Fiamme Gialle, che è stato spedito al pm Giancarlo Mancusi, titolare dell’inchiesta, c’è un lungo elenco di mandati di pagamento, per un totale di oltre 870.000 euro di soldi pubblici spesi dal 2011 al 2013";

il bilancio di Stezzano (Bergamo) è di circa 9 milioni di euro all’anno e visto che i sindaci, giustamente, si lamentano del patto di stabilità, dovrebbero, a giudizio degli interroganti, essere più puntigliosi nel controllare la gestione delle finanze comunali, si chiede di sapere se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza di quanto riportato e quali iniziative di competenza intendano assumere al fine di fortificare e migliorare il controllo sulla spesa pubblica a tutti i livelli istituzionali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano

    E’ corretto controllare come vengono spesi i soldi negli enti locali, e ricordiamoci che possono intervenire anche le opposizioni…..
    Sul fatto che nei comuni ci siano spese scriteriate e sperpero delle tasse dei cittadini, se permettete mi vien da ridere, quando abbiamo uno stato che ci insegna a gettar via anche soldi che non abbiamo (debito pubblico)! L’italia va avanti grazie ai Sindaci che con 1300€ al mese mandano avanti i paesi. E i ladri vanno arrestati.

    1. Scritto da ppcc

      gli amministratori come ricordato da Stefano guadagnano poco per il loro prezioso contributo, in questo caso anche se avevano sospetti la procedura per i controlli è contorta. In questa vicenda però nessuno parla dela figura dei segretari comunali con stipendi che superano in molti casi i € 100.000 e che anche in questo frangente non si accorge di niente e con lui il revisore dei conti.

      1. Scritto da Mario

        Bravo proponiamo ai ns parlamentari di fissare gli stipendi tabellari dei segretari ai medesimi limiti stabiliti per i Sindaci.

  2. Scritto da Vito

    Ci voleva il M5S per informarci che il comune e’ disattento

  3. Scritto da SERIO

    Non è proprio chiedendo ai ministri cosa fare che il problema si risolve.
    Indirettamente i grillini scoprono a cosa serve il patto di stabilità, senza volerlo si accorgono di quanti casi Stezzano ci sarebbero allentando le regole.

    Ora serve un ripasso sul resto

  4. Scritto da nino cortesi

    Con M5* viene di moda l’onestà.

    1. Scritto da Sententia

      Ego te espello …….