BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da “47 Ronin” e “Lei” a “300 L’alba di un impero” Il week-end al cinema

Nelle sale cinematografiche di Bergamo e provincia arriva “47 Ronin”, firmato dal regista esordiente Carl Rinsch, che vede protagonista e mattatore della pellicola l’attore Keanu Reeves. Poi c’è “Lei” e tanto altro ancora. Nella programmazione non mancano tutti i film del momento, da “12 anni schiavo” a “Una donna per amica”, da “300: L’alba di un impero” ad “Allacciate le cinture”. Ecco la panoramica completa dei film che si possono vedere in bergamasca.

Il week-end nelle sale cinematografiche di Bergamo e provincia è caratterizzato dall’arrivo di “47 Ronin”, il nuovo film, firmato da un regista esordiente come Carl Rinsch, vede l’attore Keanu Reeves vestire i panni di protagonista e mattatore della pellicola. Inoltre, tra i nuovi arrivi ci sono “Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute” e “Mr. Peabody e Sherman”. Non mancano, infine, i titoli del momento, come “12 anni schiavo”, “300: L’alba di un impero”, “Una donna per amica” e “Allacciate le cinture”.

Ecco la panoramica completa dei film che si possono vedere nel fine-settimana in bergamasca.

GIOVEDI’ 13 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 20.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Dallas Buyers Club”, ‎117min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“In solitario”, ‎97min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in piazza sant’Anna, 51 – 035 270760

“Slow Food Story”, ‎74min‎‎ – Documentario‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎20 e alle ‎22:40;‎

“47 Ronin” (NO 3D), 118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17;

“300: L’alba di un impero”, ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:40;‎

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:20;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“47 Ronin”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:50 e alle ‎22:40;‎

“Tarzan” (NO 3D), ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20;‎

“Need For Speed”, ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Il dubbio”, ‎104min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

VENERDI’ 14 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:15 e alle 22:30;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle 22:30 (alle 22:30 in lingua originale sottotitolato in italiano);

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 20.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Ida”, 80min – Drammatico – Doppiato, alle 20:30 e alle 22:30;

“Snowpiercer”, 112min – Fantascienza – Doppiato, alle 20:15 e alle 22:30.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎20 e alle ‎22:40;‎

“47 Ronin” (NO 3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17;

“300: L’alba di un impero”, ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:40;‎

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:20;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“47 Ronin”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:50 e alle ‎22:40;‎

“Tarzan” (NO 3D), ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20;‎

“Need For Speed”, ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle ‎17:10.

CINE-TEATRO SORRISO di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

“La bella e la bestia”, 110min – Fantastico – Doppiato, alle 20:45.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in p‎iazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

SABATO 15 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45, alle 20:15 e alle 22:30;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30 (alle 22:30 in lingua originale sottotitolato in italiano);

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30, alle 20:15 e alle 22:30;

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30;

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30, alle 16:30, alle 18:30 e alle 20:30;

“Sotto una buona stella”, 106min – Commedia – Doppiato, alle 22:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Piovono polpette 2 – La rivincita degli avanzi”, 95min – Animazione – Doppiato, alle 16:15;

“Ida”, 80min – Drammatico – Doppiato, alle 16, alle 20:30 e alle 22:30;

“Snowpiercer”, 112min – Fantascienza – Doppiato, alle 20:15 e alle 22:30.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 14:50, alle ‎17:20, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato, alle ‎14:15, alle ‎17:10, alle ‎19:50, alle ‎22:30 e all’‎1;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 14:20, alle ‎17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 14 e alle ‎17;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:40, alle ‎17:10, alle ‎20 e alle ‎22:40;‎

“47 Ronin” (NO 3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:15 e alle ‎17;‎

“300: L’alba di un impero”, ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:40, alle ‎17:20, alle ‎20 e alle ‎22:40;‎

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20, alle ‎22:20 e alle ‎00:40;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“47 Ronin”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:50 e alle ‎22:40;‎

“Tarzan” (NO 3D), ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:40 e alle ‎17:20;‎

“Need For Speed”, ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:35 e alle ‎17:10.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Una donna per amica”, 90min – Commedia – Doppiato, alle 21.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in p‎iazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINE-TEATRO SORRISO di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 20:45.

DOMENICA 16 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45, alle 20:15 e alle 22:30;

“Lei”, ‎120min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30 (alle 22:30 in lingua originale sottotitolato in italiano);

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30, alle 20:15 e alle 22:30;

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30;

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30, alle 16:30, alle 18:30 e alle 20:30;

“Sotto una buona stella”, 106min – Commedia – Doppiato, alle 22:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Ida”, 80min – Drammatico – Doppiato, alle 15, alle 17, alle 19 e alle 21:10;

“Snowpiercer”, 112min – Fantascienza – Doppiato, alle 15:30, alle 18 e alle 20:45.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“300: L’alba di un impero” (3D), ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:30, alle 14:40, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:40;‎

“47 Ronin” (NO 3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:20, alle 14:15 e alle 17;

“47 Ronin” (3D), ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:50 e alle ‎22:40;‎

“Mr. Peabody e Sherman”, ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:10, alle 14:40, alle 17:10 e alle ‎20‎;

“Mr. Peabody e Sherman” (3D), ‎92min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:40;

“Need For Speed” (NO 3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 11, alle 14 e alle 17;

“Need For Speed” (3D), ‎130min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”, ‎107min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 11:15, alle 14:15, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“Allacciate le cinture”, ‎110min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 11, alle 14:50, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“Tarzan” (NO 3D), ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:10, alle 14:40 e alle 17:20;‎

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:20;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 19:40 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:10, alle 14:35 e alle 17:10;

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 11:15, alle 14:20, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Una donna per amica”, 90min – Commedia – Doppiato, alle 21;

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15 e alle 17:45. ‎

CINE-TEATRO SORRISO di Gorle in via Piave, 2 – 035656962

“La bella e la bestia”, 110min – Fantastico – Doppiato, alle 16 e alle 20:45.

Ecco le informazioni pellicola per pellicola.

– “Allacciate le cinture”. Nell’arco di tredici anni, a partire dai duemila, in una Lecce che scopre il piccolo grande boom economico pugliese, due giovani autoctoni (agli antipodi per estrazione sociale, convinzioni ideologiche, aspirazioni e frequentazioni) si odiano, si amano, si tradiscono, fanno esperienza della dolore e dell’ombra della morte, insomma vivono. Lei si chiama Elena, di buona famiglia, con ambizioni imprenditoriali, abbandonati gli studi si mette a fare la cameriera, divertita dalla cosa e dal sogno di mettere su un locale tutto suo, spalleggiata dall’amico Fabio, gay e fantasioso. Lui si chiama Antonio, proletario da cartolina, fa il meccanico, è omofobo, ma ha una solida cultura del corpo con tanto di tatuaggi che rasentano la vertigine dell’osso sacro, vagamente razzista, insomma non un buon partito per una ragazza borghese di provincia. I due, fatalmente, si incontrano e si scontrano in una giornata di pioggia, sotto la pensilina densamente affollata di una fermata dell’autobus. Scatta la scintilla che lavora sui contrari, che tanto si sa poi si attraggono. E così sarà. Elena e Antonio, contro il loro stesso ambiente, si innamoreranno e dovranno sostenere le prove della vita e soprattutto quelle della malattia che colpirà lei tredici anno dopo il loro primo incontro. Ospedali, sedute di chemioterapia, capelli che cadono, magrezza insana, occhi segnati… Ma all’improvviso le frecce lineari del tempo sembrano convergere forzandosi a disegnare un cerchio.

– “Lei”. Theodore è impiegato di una compagnia che attraverso internet scrive lettere personali per conto di altri, un lavoro grottesco che esegue con grande abilità e a tratti con passione. Da quando si è lasciato con la ragazza che aveva sposato però non riesce a rifarsi una vita, pensa sempre a lei e si rifiuta di firmare le carte del divorzio. Quando una nuova generazione di sistemi operativi, animati da un’intelligenza artificiale sorprendentemente "umana", arriva sul mercato, Theodore comincia a sviluppare con essa, che si chiama Samantha, una relazione complessa oltre ogni immaginazione.

– “12 anni schiavo”. Stati Uniti, 1841. Solomon Northup è un musicista nero e un uomo libero nello stato di New York. Ingannato da chi credeva amico, viene drogato e venduto come schiavo a un ricco proprietario del Sud agrario e schiavista. Strappato alla sua vita, alla moglie e ai suoi bambini, Solomon infila un incubo lungo dodici anni provando sulla propria pelle la crudeltà degli uomini e la tragedia della sua gente. A colpi di frusta e di padroni vigliaccamente deboli o dannatamente degeneri, Solomon avanzerà nel cuore oscuro della storia americana provando a restare vivo e a riprendersi il suo nome. In suo soccorso arriva Bass, abolizionista canadese, che metterà fine al suo incubo. Per il suo popolo ci vorranno ancora quattro anni, una guerra civile e il proclama di emancipazione di un presidente illuminato.

– “Supercondriaco – Ridere fa bene alla salute”. Romain Faubert ha quarant’anni e la fobia per i microbi. Scapolo e ipocondriaco, col vizio della ricerca frenetica su internet e il ricovero immotivato, non ha più un amico e frequenta soltanto Dimitri Zvenka, un medico che ha commesso l’errore di prenderlo in cura diciotto anni prima e che adesso prova invano a congedarlo. La morte improvvisa di un collega di Romain, fotografo per un dizionario medico online, getta l’uomo nel panico e nello sconforto. Commosso dallo stato in cui versa l’amico-paziente, Dimitri si offre di confortarlo un’ultima volta, aiutandolo a trovare una compagna. Falliti gli incontri online e l’attività sportiva, Dimitri tenta una terapia shock, incoraggiando Romain a collaborare con lui nel centro di accoglienza organizzato per assistere i rifugiati politici del Tcherkistan, un immaginario paese dell’est Europa. Sopraffatto dagli abbracci e dal contatto decisamente diretto con gli immigrati clandestini, Romain sviene e viene soccorso da Anna, la bella sorella di Dimitri, che lo scambia per Anton Miroslav, un coraggioso guerrigliero dei Balcani. Romain, perdutamente innamorato, sta al gioco, alterando il corso della Storia e cambiando per sempre la sua vita.

– “Mr. Peabody e Sherman”. Mr. Peabody è un cane eccezionale, dotato di un intelletto superiore si è separato dal branco in tenera età e ha conquistato tutto quel che uno scienziato può conquistare (fino al nobel) oltre ad eccellere nello sport. Sentendosi solo ha però deciso di adottare un bambino e per educarlo ha inventato una macchina del tempo con la quale portarlo di epoca in epoca a vedere la storia con i propri occhi. Quando però Sherman dovrà andare a scuola si scontrerà con un mondo meno ovattato di quello che ha conosciuto con il suo padre adottivo. Preso in giro per essere figlio di un cane Sherman risponde a violenza con violenza scatenando l’interesse dei servizi sociali che mirano a separarlo dal padre animale. Intanto un incidente con la macchina del tempo li fa viaggiare attraverso diverse epoche fino a causare un paradosso che potrebbe porre fine a tutto il mondo. Fin dallo spunto è evidente quale sia il fine primario di mr. Peabody & Sherman: non certo raccontare una storia davvero coinvolgente (la narrazione è davvero troppo sconclusionata e poco armonica) ma intrattenere ed educare, far passare nozioni storiche attraverso la lente del divertimento e della parodia. Un concetto di intrattenimento intelligente per bambini da anni ’60, decade dalla quale infatti provengono i personaggi, protagonisti all’epoca di una serie per la televisione a puntate, contenuta in uno show tutto di cartoni. L’improbabile storia di Mr. Peabody era un prodotto a modo suo rivoluzionario per la sagacia dei dialoghi, la raffinatezza dell’umorismo e la peculiarietà dei personaggi, uno dei primi a dimostrare che l’animazione può essere più che pupazzi in movimento. Il miracolo di questo primo lungometraggio della coppia è quindi di portare nella modernità un prodotto così vecchio stampo riuscendo a replicarne i punti di forza senza necessariamente adattarlo a quel che oggi si fa al cinema con i cartoni.

– “In solitario”. Yann Kermadec parte per partecipare alla Vendée Globe, una regata in barca a vela che consiste nell’effettuare il giro del mondo in solitario. Per dedicarsi a questa impresa Yann, vedovo 57enne, lascia a casa la figlia Léa, la fidanzata Marie e il collega di lavoro Franck, che avrebbe tanto voluto partecipare alla regata ma si è infortunato. È l’unica, forse l’ultima occasione di Yann di partecipare a una gara internazionale di quel livello, e lui conta di giocarsela fino in fondo, costi quel che costi. Ma non è preparato all’incontro con alcune presenze inattese che si avvicendano a bordo della sua barca, trasformando la gara "in solitario" in un confronto fra Yann e quel mondo che, forse, la sua passione per la vela lo ha spinto fino a quel momento a evitare. La regata diventa dunque una metafora di come la vita non possa essere affrontata da soli, e come ci si debba sempre confrontare con gli altri, persino in mare aperto. Girato all’altezza del pontile, spesso a pelo d’acqua, In solitario è un film d’azione che sposta il pathos dagli eventi esterni ai cambiamenti interiori del protagonista, concentrandosi soprattutto sulle dinamiche interrelazionali di Yann. Questo purtroppo rallenta non poco il movimento della narrazione: un problema, per un film che deve (anche) raccontare una gara di velocità.

– “Dallas Buyers Club”. Ron Woodroof vive come se non ci fosse un domani, non credendo alla medicina ma professando solo la religione della droga e dell’alcol. La scoperta di non avere realmente un domani a causa della contrazione del virus HIV apre un calvario di medicinali poco testati e molto inefficaci, fino all’estrema soluzione di sconfinare in Messico alla ricerca di cure alternative. Lì verrà a conoscenza dell’esistenza di farmaci e cure più efficaci, ma non approvate negli Stati Uniti, che deciderà di cominciare ad importare e vendere a tutti coloro i quali ne abbiano bisogno, iniziando un braccio di ferro legale con il proprio paese. Nel percorso attraverso le fiamme costituito da un male lento e letale come quello portato dal virus HIV esiste un che di religioso. I più bigotti hanno individuato nella malattia a cui il virus porta (che essendo venerea si trasmette anche attraverso il sesso e che ha colpito molto gli omosessuali) una punizione divina per atteggiamenti contrari alla morale promulgata dalla Bibbia, Jean-Marc Vallée invece usa l’abisso dell’aspettativa di morte a causa dell’HIV per raccontare un percorso di santità. Ron Woodroof come i grandi santi dell’antico testamento parte dalla posizione più deprecabile, preda di tutti i principali vizi e colmo d’odio verso chiunque non sia come lui, ma la prossimità alla morte lo costringerà a rivedere la propria intolleranza e ad aprirsi a un commercio e una benevolenza verso il prossimo che sono la caratteristica portante della santità. Dunque, benchè Dallas buyers club sia assolutamente privo di metafore direttamente religiose, è innegabile il suo lavoro di ribaltamento di uno tra i più odiosi luoghi comuni omofobi, attraverso un eterosessuale che si apre al prossimo, facendosi portatore di salvezza e vita contro un sistema che sembra negarla.

– “Slow food story”. Un lider maximo, Carlo Petrini detto Carlìn, e il suo progetto visionario che, assumendo varie forme nel corso del tempo, arriva a rivoluzionare davvero il modo di pensare il rapporto con il cibo e con le materie prime. Sardo racconta la genesi del movimento internazionale Slow Food mescolando storia e mito. Si principia, non senza ironia, dai genitori di Carlìn, Maria e Giuseppe, e dalla tata Gola: il destino leggendario sembra dunque scritto fin dalla culla, ma il documentario –ed è questo l’aspetto che lo rende più interessante- non pare interessato ad approdare in fretta allo stato attuale e glorioso delle cose (con 150 paesi del mondo coinvolti nel progetto), bensì a ripercorrere soprattutto lo scenario privato e amicale che, tra goliardia e utopia, impegno e savoir faire, ha portato un piccolo gruppo di amici di provincia a capo di un impero. Con limpida onestà, il regista mette in chiaro che si tratta anche di una storia famiglia, poiché il padre, intervistato, è da sempre un sodale di Petrini, e lo fa con gli strumenti del cinema: proponendo la visione di una serie di home-movies, cosiddetti filmini “di famiglia”, appunto, che ribadiscono il più possibile le origini pure e divertite del progetto e la natura vulcanica e “spettacolare” di Carlìn e soci (Azio Citi in primis).

– “La bella e la bestia”, ispirato alla celebre fiaba che ha emozionato e appassionato diverse generazioni. 1810. Dopo aver perso la sua fortuna in mare un mercante è costretto a ritirarsi in campagna con I suoi sei figli. Una di questi è Belle, la più giovane. Durante un viaggio il padre scopre il castello della Bestia che lo condanna a morte per aver rubato una rosa. Belle decide allora di offrire la propria vita in cambio di quella del genitore. Non è però la morte ciò che l’attende.

– “Need for speed”. Tobey ha un’officina in cui ripara macchine e non se la passa bene economicamente. Per salvarsi dalla bancarotta accetta di riparare una macchina per conto di Dino, pilota ricco e viziato. Finito il lavoro è chiaro che Tobey è in grado di spingere quella macchina molto più in là di quel che è in grado di fare Dino, il quale per dimostrare il contrario lo sfida ad una corsa a tre nella quale un incidente scatenato da Dino stesso causerà la morte di un amico di Tobey che, ingiustamente incolpato, sconterà tre anni di carcere. Una volta uscito di galera l’unico obiettivo di Tobey è attraversare il paese in tempo per gareggiare in una corsa clandestina tra le più pericolose e battere Dino. I riferimenti di Scott Waugh e dei fratelli Gatins (sceneggiatori) sono molto chiari: i grandi viaggi in auto all’interno dell’America, contrappuntati da una voce fuoricampo come Punto Zero o le odissee contro tutti di I guerrieri della notte, solo desaturate completamente di qualsiasi intento polemico verso l’autorità o riferimento alla realtà dei fatti. Need for speed è quindi cinema dello stunt puro, in cui la trama mette in moto gli eventi e nulla di più, accoppia i protagonisti e li separa da un cattivo da raggiungere, si occupa di fornire in ogni momento una motivazione per correre.

– “47 Ronin”. Kai è un mezzosangue dalla natura poco chiara, indesiderato da tutti ma benvoluto dal signore locale, Asano. Davanti ai suoi occhi si svolgerà una lotta tra umano e disumano la cui prima vittima sarà proprio Asano, accusato di tentato omicidio dello shogun e quindi obbligato ad un suicidio per riparare il proprio onore. L’uomo in realtà era posseduto da un demone che trama nell’ombra. I 47 samurai rimasti orfani del proprio padrone (e quindi "ronin") decideranno di vendicarsi contro lo shogun e tutta la corte demoniaca che gira intorno a lui, ben consci che questo significherà una condanna a morte. A loro non potrà che unirsi nonostante le ritrosie iniziali anche Kai, che da anni è segretamente innamorato della figlia di Asano. Tali e tanti sono gli adattamenti ai dettami del cinema hollywoodiano che si stenta a riconoscere la struttura dell’opera teatrale 47 ronin, ma del resto anche il vero contorno storico. Perchè il 47 ronin americano non ambisce a fare quel che le altre arti ricercavano (il racconto di quanto la realtà dei fatti abbia messo in scena i massimi valori nazionali giapponesi) ma ad usare quel tipo di parabola per creare una storia fantastica, prendere il racconto dei samurai senza padrone che cercano una vendetta mortale e inserirlo in un contesto di mostri e demoni in pessima computer grafica, al limite con il fantastico contemporaneo (quello di Biancaneve e il cacciatore o Il cacciatore di vampiri, che rilegge la storia e i racconti tradizionali contaminandoli di mostruosità) e asservito al medesimo schema narrativo di 300.

– “300 – L’alba di un impero”. Grazie al sacrificio alle Termopili dei 300 valorosi spartani guidati da Leonida, la Grecia ha una possibilità di resistere all’invasione dell’Impero Persiano. Ma la speranza è legata alla capacità di Temistocle, guida militare degli ateniesi, di riuscire a unire le città-stato indipendenti nella lotta per la libertà dell’Ellade e di contrastare con l’astuzia e le tattiche di combattimento la forza preponderante della flotta persiana. 300 – L’alba di un impero nasce da presupposti analoghi ma da una base di partenza totalmente diversa rispetto al suo predecessore. Dove il film di Zack Snyder prendeva spunto da una graphic novel già esistente "300" di Frank Miller, capolavoro della nona arte – per esaltarne i lati più spettacolari e metterli al servizio del progresso tecnologico, il sequel di Noam Murro (ma co-sceneggiato da Snyder) parte dal film precedente, e dalla mitopoiesi generata attorno ad esso, per anticipare e "immaginare" il fumetto. Quantomeno per il pubblico, visto che è probabile che ci sia stata più di una consultazione in fase di produzione con Frank Miller per allinearsi al suo ancora inedito "Xerxes", sequel del 300 fumettistico.

– “Una donna per amica”. Francesco è un avvocato trapiantato a Lecce, dove difende casi indifendibili e svolge l’attività di consigliere comunale per la lista civica Ambiente e libertà. Claudia è la sua migliore amica italo-francese, che gli movimenta la vita piombandogli in casa a sorpresa e coinvolgendolo nei suoi guai, fra cui spicca una sorellastra, Anna, tossicodipendente. I due amici avviano storie romantiche parallele, ma entrambe sono destinate a naufragare, poiché la vera tensione erotica è fra loro. Riusciranno finalmente a chiamare le cose con il loro nome?

– “Tarzan”. Un re-imagining realizzato con la performance-capture e in 3D, aggiornato ai giorni nostri dell’uomo della giungla ideato da Edgar Rice Burroughs. In questa versione i genitori di Tarzan sono degli avventurieri miliardari che sono stati uccisi in un incidente aereo. Jane Porter è la figlia di una guida africana e il suo obiettivo è quello di proteggere la giungla africana.

– “The Lego Movie”. Emmet Brickowski è un cittadino felice di una ridente metropoli fatta di Lego di cui rispetta tutte le regole: segue la musica trasmessa dalla tv, è gentile con gli altri e si reca diligentemente al lavoro (costruire palazzi) esattamente come gli viene detto di fare dalle "istruzioni". Proprio al cantiere un giorno incontra una ragazza e per errore casca in una voragine nella quale entra in contatto con un pezzo speciale, oggetto del desiderio di una setta di ribelli di cui Emmet non conosceva l’esistenza. La sua vita viene così trasformata in quella di un avventuriero e, nonostante non ne abbia le qualità, l’aver ritrovato il pezzo speciale lo rende "il prescelto". Scopre così che il sindaco della sua città è in realtà un dittatore di diversi mondi (fantasy, west, spazio ecc. ecc.) dotato di un piano per cambiare l’universo come lo conoscono. Dovrebbe essere il simbolo della mancanza di idee ad Hollywood un film sui Lego, in realtà è l’esatto contrario: un tripudio di trovate come non ne vediamo di frequente, portate avanti con una comicità molto intelligente che non usa solo la voce ma anche il "corpo" dei personaggi.

– “Il dubbio”. 1964. Bronx. Il collegio della parrocchia di St. Nicholas ha al suo centro due forti personalità. Padre Flynn, il parroco, è un innovatore che cerca di sostenere gli allievi più in difficoltà e, in particolare, l’unico studente di colore della scuola, Donald Miller. Il ragazzo è stato iscritto dalla madre, contro il volere del marito violento, per sottrarlo ai pericoli della scuola pubblica. L’altro, rigido, pilastro della comunità è Sorella Aloysius Beauvier, la superiora dell’ordine le cui consorelle insegnano nell’istituto. Sorella Aloysius è una strenua conservatrice dell’ordine e del rigore e spaventa a morte tutti gli allievi. Un giorno però, in seguito ad alcune osservazioni sul comportamento di Donald riferitele dalla più giovane e candida delle suore Sorella James, comincia a nutrire il dubbio che le attenzioni di Padre Flynn per il ragazzo non siano solo altruistiche.

– “Ida”. Premiato in molti Festival internazionali tra cui Toronto International Film Festival e BFI London Film Festival. Il nuovo film del regista polacco radicato in Inghilterra, conferma la sua squisita capacità di descrivere la psicologia femminile. Pawlikowski, costruisce uno straordinario dramma intimo, esplorando le complessità della fede e della vita laica, ma anche i tragici retaggi, ancora presenti, dell antisemitismo, in una epoca cruciale della storia del suo Paese. Il suo stile assolutamente privo di retorica, essenziale e ricco di commoventi toni poetici, ricorda sia l’austerità di Robert Bresson, sia la problematicità dei primi film di Polanski e di quelli di Kieslowski. La scelta di girare in un vibrante bianco e nero, con una squisita composizione delle inquadrature, conferisce ulteriore credibilità alla storia. Le due magnifiche interpreti rivelano molto più di quello che mostrano. La vicenda si svolge all’inizio degli anni ’60, nella grigia Polonia. Anna è una giovane novizia in attesa di diventare suora a tutti gli effetti. Vive in un convento isolato dove, essendo orfana, è stata portata in tenerissima età, durante la II Guerra Mondiale. Poche settimane prima di prendere i voti, invitata dalla Madre Superiora, si reca a Varsavia per incontrare la sua unica parente conosciuta, la zia Wanda, una cinquantenne single, intellettuale elegante. È una donna che nasconde una grande sofferenza che coinvolge anche la nipote circa il drammatico passato da cui è stato segnato il passato della loro famiglia.

– “Snowpiercer”. In un futuro non lontano, la Terra conosce una nuova Era Glaciale. Gli ultimi sopravvissuti del genere umano vivono confinati in un treno rompighiaccio in grado di correre perpetuamente attraverso il globo. L’inventore di questa macchina perfetta, il misterioso Wilford, ha anche determinato un sistema sociale su cui si regge l’equilibrio della comunità che abita i vagoni del treno. In coda stanno i miserabili sfruttati che salirono a bordo gratis, verso la testa del treno vivono invece nei privilegi i passeggeri di prima classe. Ma la rivolta degli oppressi dalla coda del treno è oramai imminente e il suo leader, Curtis, attende solo il momento giusto per tentare l’ardimentosa presa della testa del convoglio. Uno dei film più attesi degli ultimi anni dagli amanti del cinema di genere, è il raro caso di un’opera d’autore di grandi ambizioni commerciali. Siamo di fronte ad un cinema profetico che lascerà il segno, come negli ultimi decenni Blade Runner, Brazil, Strange Days o The Matrix. Nel treno-mondo di Bong, costruito in scenografie geniali e intriso di oscurità e luci cangianti, s’incontra oltretutto un vero melting pot che riflette inevitabilmente la prospettiva non-occidentale dell’autore. A fianco di un intensissimo Chris Evans, Jamie Bell, John Hurt e Song Kang-ho e l’inattesa Go Ah-sung, troneggia Tilda Swinton, crudele, robotica e ironica.

– “Sotto una buona stella”. Federico Picchioni è un uomo d’affari di successo che lavora per una holding finanziaria e vive in una casa lussuosa con la giovane fidanzata, Gemma. I due figli avuti dalla ex moglie, Lia e Niccolò, abitano invece con la madre. Quando la donna muore, Federico si trova costretto ad accogliere in casa i due ventenni, che lo detestano per aver abbandonato la famiglia, più una nipotina nata da una passata relazione di Lia. Contestualmente, un socio di Federico viene arrestato dalla Finanza, non prima di aver dilapidato tutte le sostanze dei colleghi e aver compromesso la loro reputazione. Gemma, che non sa che farsene di un compagno disoccupato e con figli a carico, lascia Federico. Ed ecco che entra in scena Luisa Tombolini, una "tagliatrice di teste" tormentata dai sensi di colpa per il cinismo del proprio mestiere, che abita proprio nell’appartamento accanto ai Picchioni. Riuscirà questo mix di solitudini problematiche a raggiungere l’armonia?

– “Piovono polpette 2 – La rivincita degli avanzi”. E’ appena finita la minaccia del cibo dal cielo a Swallow Falls e Flint Lockwood viene contattato dal suo idolo Chester V., padrone di una grande società alimentare, per essere arruolato tra i suoi scienziati. Nonostante il duro lavoro Flint non riuscirà ad entrare nel circolo degli eletti di Chester ma il direttore/guru ha in serbo per lui altri piani. Abbandonata da tutti in attesa che fosse liberata dagli avanzi, Swallow Falls è diventata una giungla in cui gli alimenti sono animali, alcuni dei quali feroci, e hanno creato un loro ecosistema intorno al macchinario che li ha originati, proprio l’oggetto bramato da Chester e che Flint e i suoi amici vengono inviati a recuperare. Nonostante i medesimi personaggi e alcune idee molto simili si può dire che la storia di Piovono Polpette 2 vada completamente da un’altra parte e usi lo stesso identico umorismo (sempre fortissimo, inventivo e mai al risparmio di audacia) per fare quello che sostanzialmente è un racconto differente nelle finalità.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.