BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bresciani applaude Renzi “Una svolta consistente Misure prese sono da 8”

Il segretario generale della Cgil di Bergamo Luigi Bresciani commenta le misure annunciate dal Governo Renzi: “La svolta c'è ed è consistente. Il Paese ha bisogno di fiducia, la direzione è quella giusta”.

Più informazioni su

Le misure prese dal Governo Renzi sono molto positive. La svolta c’è ed è consistente: 10 miliardi di euro le risorse trovate per consentire l’aumento della detrazione Irpef in busta paga ai lavoratori dipendenti sotto i 25 mila euro di reddito lordi dal 1° maggio prossimo, per un ammontare di circa 1.000 euro netti annui a persona. L’avevamo chiesto da tempo e sembrava impossibile”: il segretario generale della Cgil di Bergamo Luigi Bresciani commenta così le misure annunciate dal Governo di Matteo Renzi.

“L’operazione sull’Irpef affronta uno dei temi fondamentali per far ripartire i consumi interni e l’averlo fatto concentrandosi sui redditi medio bassi ne aumenterà l’impatto. Così come sembrava impossibile aumentare la tassazione sulle rendite finanziarie dal 20 al 26. Considero positive e realistiche le misure sui contratti a termine: non si fa altro che recepire gli accordi già fatti in molte categorie anche rispetto all’allungamento a 36 mesi dell’acausalità nei contratti facendola così coincidere con la durata massima del contratto a termine.

C’è poi un progetto di legge sull’estensione degli ammortizzatori, sparirà la Cassa in deroga sostituita da un nuovo sussidio universale che dovrà proteggere tutti i lavoratori. Si interviene sul fronte delle politiche attive nell’ottica ‘nessuno deve restare a casa’. Vengono recepite molte delle proposte fatte da noi e su alcuni temi, ammortizzatori sociali e salario minimo, siamo chiamati a dare il nostro contributo di idee per arrivare finalmente a tutelare chi oggi non ha alcuna tutela.

I 3.5 miliardi di euro stanziati per la ristrutturazione degli edifici scolastici è un altro segno positivo della particolare attenzione di questo Governo al mondo della scuola. Lo sblocco immediato del pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione a favore delle imprese è altrettanto positivo così come la diminuzione del 10% del costo dell’energia per le Imprese. Il Paese ha bisogno di fiducia, la direzione è quella giusta, utile all’equità e alla economia del Paese. Voto: 8”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da castellant

    dare 8 ad un progetto che discrimina , a parità di reddito , i lavoratori dai pensionati signfica che Il sindacato ed il governo non rappresentano più i pensionati !

  2. Scritto da Ivana

    Einstein diceva:
    Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.
    La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perchè la crisi porta progressi.
    La creatività nasce dall’angoscia, come il giorno nasce dalla notte oscura.
    E’ nella crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie.

    1. Scritto da MAURIZIO

      Ben detto. E’ proprio la paura della creatività e del cambiamento che ha portato, e porta, i politici a scrivere milioni di pagine di leggi inutili, incomprensibili, ingannatrici. Vogliono controllare la novità, la creatività, la vita. I partiti scrivono le leggi per annientare il nostro lavoro, la creatività, il cambiamento, la differenza. Io voglio una legge che permetta, una legge utile, leggibile, condivisa. Una legge sana.

    2. Scritto da Paola

      Sempre se non si è morti di fame nella notte, prima che arrivi il giorno….

  3. Scritto da CAPITANIO

    Caro Bresciani, tu e la compagna Camusso dovete stare calmi nell’esprimere guidizi rispetto al Governo e alla Politica in generale. Nel passato (anche recente) la vostra voglia di protagonismo vi ha “fatto prendere clamorose cantonate”, e disorientato i lavoratori ed i nostri iscritti. Vi consiglierei di aspettare i testi ufficiali, la verifica delle effettive risorse del Governo (e dove vengono reperite), il giudizio dell’Europa e delle sue Istituzioni, ecc.

  4. Scritto da deluso

    Però Bresciani che in una settimana di governo da un 8 a Renzi…se si valutano così in fretta le cose si rischia un grosso scivolone, come celebrare Gori a Bergamo. Noi operai se avessimo un centesimo dei soldi che i sindacati ricevono saremmo ricchi!! deluso…

  5. Scritto da Ivana

    Tanti commenti , tante perplessità , ogni volta che c’è qualcuno al governo che non corrisponde al proprio partito o idea politica , massacra a parole tutto e tutto. Non ci sarà mai voglia di provare ad avere fiducia ? Voglia di cambiare atteggiamento? Tutto criticano tutto e tutti. Come si fa a crescere e a migliorare? Forse sarebbe bene deporre le armi e collaborare, con la consapevolezza che non tutti possono comandare!

    1. Scritto da MAURIZIO

      Signora, lei ha perfettamente ragione. E’ ottimista e collaborativa. Due grandi virtù. Mi rendo conto che siamo distruttivi. Tuttavia, cara Signora, lei propone di collaborare con gente che scrive le leggi per ingannare e per eternizzare il proprio potere. Converrà con me per collaborare occorre che la legge non sia perversa. Renzi si fa pagare i contributi di dirigente privato dallo stato e poi viene a legiferare sulle pensioni. Con questa gente è insano collaborare.

    2. Scritto da Sandro

      Ah certo, questo lo sa anche l’asino! Tuttavia si potrebbero scegliere nuovi personaggi al governo che nulla hanno a che fare coi mediocri che ci hanno ridotto nelle attuali condizioni. Invece sono lì ancora tutti a dire e predicare per gli altri quali sarebbero le cose da fare per uscire dalla crisi: ma se la crisi (di questa portata) è soprattutto colpa loro e delle loro incapacità, come possiamo credere alle parole di Renzi? Speriamo che la gente li cancelli dalla storia! Avanti M5S

  6. Scritto da il polemico

    il berlusca diceva che i soldi per i cittadini cerano,quei 2 arrivati dopo di lui dicevano che non cerano soldi per i cittadini,ma solo per le banche,ora renzi estrae dal cappello svariati miliardi da dare ai cittadini una settiamna dopo che ha ratificato l’introduzione di nuove tasse che per molti vanificheranno questo aumento…..,chi guadagna meno,alla fine rischia di guadagnare di più di quello che guadagnerebbe di più all’inizio…mahhh

  7. Scritto da Sandro

    Renzi, la foglia di fico della casta! Avanti M5S

  8. Scritto da MAURIZIO

    Messer Renzi Albizi, Marchese di Castelnuovo di Val di Cecina, con i contributi previdenziali privati illecitamente pagati dal Regno di Sardegna, solleva la bocca dal fiero pasto e annuncia : un sistema elettorale e l’elemosina di 80 euro al mese a un terzo dei lavoratori salveranno il Paese! Pensate alla parolaccia migliore e associatela a Messer Renzi, l’ultimo garzone inviato dal Droghiere per incassare i sospesi.

  9. Scritto da nino cortesi

    Tutti quelli che hanno utilità dallo Stato stanno con Renzi.
    Tutti quelli che vogliono che le utilità arrivino invece direttamente ai cittadini stanno con il M5*.
    Renzi? Fumo, niente arrosto. Piccole mance per cercare di vincere a Maggio, ma la vedo dura per loro.

    1. Scritto da Lucio

      Ma scriva sulle zanzare che stanno arrivando invece di continuare a dire delle cavolate. Provi a chiedere se 85 euro per chi non arriva a fine mese e’ una piccola mancia o fanno comodo? Ma probabilmente lei non ne ha bisogno.

      1. Scritto da MAURIZIO

        Un governo sano deve creare le condizioni affinché lei possa guadagnare 85 euro con il suo lavoro, senza obbligarla a elemosinarli allo Stato.