BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lista Tsipras, la maledizione della sinistra divisa: Camilleri e Fores d’Arcais lasciano

Mentre il Pd si frantuma cozzando contro la legge elettorale, le quote rosa e le preferenze, la maledizione delle lacerazioni a sinistra colpisce la lista Tsipras che ancora non è nata e già vive abbandoni, tensioni, liti...

Più informazioni su

Mentre il Pd si frantuma cozzando contro la legge elettorale, le quote rosa e le preferenze, la maledizione delle lacerazioni a sinistra colpisce la lista Tsipras che ancora non è nata e già vive abbandoni, tensioni, liti…

La crisi è maturata nel comitato dei garanti: Andrea Camilleri e Paolo Flores D’Arcais hanno accusato di essere stati estromessi nella gestione dello scontro per le candidature di Taranto tra referenti dell’area ‘anti-Ilva’ e quelli di Sinistra ecologia libertà.

Caustica la dichiarazione affidata al sito di Micromega. I due «prendono atto di non fare più parte dei garanti»: resteranno come «due tra i 30 mila cittadini» che sostengono la lista.

«Sostengo tutti i garanti che aiutino il successo della lista, senza alimentare continue e superate tensioni». Ha replicato Tsipras con una lettera inviata a Camilleri e Flores D’Arcais.

Camilleri era stato scelto come capolista, ma trovandosi in disaccordo con alcune candidature aveva rinunciato. Flores D’Arcais, invece, non ha gradito l’esclusione dalle liste di Antonia Battaglia, attivista dell’associazione PeaceLink di Taranto.

Ma il vero nodo sembra essere la divisione dei vertici. Da una parte i giustizialisti (Flores, Camilleri, Gallino), che avrebbero voluto candidare personaggi in vista come i giornalisti Marco Travaglio e Andrea Scanzi e che si sono visti porre il veto sul nome di Sonia Alfano. Dall’altra i ‘movimentisti’, (Spinelli, Revelli, Viale), che ha voluto e ottenuto l’iscrizione in lista di Luca Casarini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da garanti

    Ogni giorno ha la sua pena, “il Pd si frantuma”, “la lista Tsipras che ancora non è nata e già vive abbandoni, tensioni, liti…”, ma grazie a cittadini attivi e responsabili esiste ed avanza il M(P)5*, per non ridare un’altra volta l’Italia in mano al guitto. A riveder le *****.

    1. Scritto da Fabio

      Si il M5S fa solo epurazioni di massa tra i senatori e i deputati, ora anche tra i sindaci disobbedienti? Una dichiarazione veramente poco furba. Almeno Tsipras è una speranza, Grillo la certezza di una dittatura di un…………….. comico!
      Una situazione che però non fa ridere.