BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bombassei incompatibile? La Giunta della Camera decide su lui e altri 6

La giunta delle elezioni della Camera procede con la messa in discussione di imprenditori eletti a Montecitorio. A cominciare dal patron della Brembo, il bergamasco Alberto Bombassei, poi Matteo Colaninno, Salvatore Matarrese, Paolo Vitelli, Giampaolo Galli, Gregorio Gitti e Angelo D’Agostino.

La giunta delle elezioni della Camera procede con la messa in discussione di imprenditori eletti a Montecitorio. A cominciare dal patron della Brembo, il bergamasco Alberto Bombassei, poi Matteo Colaninno, Salvatore Matarrese, Paolo Vitelli, Giampaolo Galli, Gregorio Gitti e Angelo D’Agostino.

Sono sette gli onorevoli che nelle prossime ore finiranno all’esame perché sia deciso sulla loro ineleggibilità.

A indebolire le loro posizioni potrebbero essere le cariche di presidenti e consiglieri d’amministrazione o la proprietà di aziende che risultano vincolate con lo Stato.

“Chiediamo che vengano dichiarati ineleggibili”, commenta il deputato M5s Davide Crippa, “abbiamo analizzato i singoli dossier e riteniamo che si tratti di situazioni non compatibili con l’attività di parlamentare. Nel caso questo non fosse possibile, cercheremo di chiedere più generalmente l’incompatibilità”.

Il comitato permanente per le ineleggibilità e le decadenze fotografa la situazione dei parlamentari (grazie ad autocertificazioni degli stessi) al momento dell’elezione e valuta eventuali conflitti d’interesse, in riferimento all’articolo 10 della legge del 1957.

La relazione presentata è quella dell’onorevole Antonio Pagano del Nuovo centrodestra e il Movimento 5 stelle ha annunciato attaccherà punto per punto la situazione dei sette deputati.

La lista sul tavolo della Giunta comincia con Alberto Bombassei, deputato di Scelta civica eletto in Lombardia ed ex vicepresidente di Confindustria. “A lui contestiamo”, dice Crippa, “la carica di presidente di Brembo Spa. Nessun problema, se non fosse che dal 2009 ha i lavoratori che godono della cassa integrazione. Senza dimenticare poi che è presidente anche di Kilometro Rosso, azienda che ha molte partnership con il ministero dell’istruzione. A che titolo?”.

Nella lista di cariche di Bombassei c’è anche quella di membro del cda del Nuovo Trasporto Viaggiatori (la Ntv di Italo, nella cui società si trovano anche Montezemolo e Della Valle), ma anche di Atlantia, Italcementi e Pirelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio

    AVETE VISTO IERI SERA LE IENE ANCHE BOMBASSEI A FATTO UNA FIGURACCIA. INSIEME AGLI ALTRI NOSTRI GOVERNANTI NON HANNO SAPUTO DIRE COSA PREVEDE LA LEGGE ELETTORALE DA LORO VOTATA
    VI CONSIGLIO VIVAMENTE DI LASCIARE PERDERE LA CARRIERA POLITICA…..

    1. Scritto da Luca

      Caro Antonio, intanto impari a scrivere i verbi nel modo corretto, poi può criticare chi vuole.

  2. Scritto da mao

    Finalmente,ricordiamo inoltre che Brembo da quando il signor Bombassei è onorevole non della Repubblica,ma per se stesso il titolo Brembo in borsa è salito del 70%.