BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pezzotta risponde a Renzi “Errore riformare lavoro senza il sindacato”

“Avremo i sindacati contro? Ce ne faremo una ragione”: all'uscita di Renzi da Fazio ha risposto l'ex numero uno della Cisl Savino Pezzotta che ha chiesto al premier in un tweet di evitare l'errore di riformare il lavoro senza il sindacato.

“Riformare il lavoro senza il sindacato è un errore che Matteo Renzi deve evitare”: l’ex numero uno della Cisl, il bergamasco Savino Pezzotta, replica con un tweet all’uscita del Premier a “Che tempo che fa” dove, spiegando le novità in arrivo sull’assegno di disoccupazione, aveva lanciato una sorte di sfida ai sindacati.

 

 

Ospite della trasmissione di Rai 3, Renzi ha messo in guardia Confindustria e Cgil: “Non dobbiamo pensare che ci sia un derby perchè se cominciamo così potremmo chiedere loro: cosa avete fatto in questi 20 anni per cambiare l’Italia? Ascoltiamo tutti ma cosa c’è da fare lo sappiamo noi, non pensando alle associazioni di categoria ma alle imprese e alle famiglie che stanno soffrendo”.

Poi la frase incriminata, parlando delle novità dell’assegno di disoccupazione che darà “un contributo ai disoccupati nei primi due anni dopo la perdita del lavoro,in cambio della promessa di frequentare un corso di formazione serio e di impegnarsi a dare una mano dove serve in ambito sociale. Avremo i sindacati contro? Ce ne faremo una ragione”.

Non si era fata attendere la risposta, affidata sempre a Twitter, dell’attuale leader della Cisl Raffaele Bonanni che domenica sera aveva espresso subito la sua disapprovazione: “Renzi non faccia l’errore di fare di tutta una erba un fascio, ci sono sindacati e sindacati ci sono politici e politici. Tolga i paraocchi”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    I sindacati sono come i partiti, non li riconosciamo più per colpa loro.

  2. Scritto da Mak

    sarebbe ora che i Sindacalisti ritornassero a fare opposizione non i leccapiedi

  3. Scritto da micio

    Se il sindacato e’ quello che difende: fannulloni,ladri( protetti anche dai giudici), assenteisti… se il sindacato e’ quello di ore di permessi ad Rsa o Rsu per andare a farsi i fatti propri, se il sindacto e’ quello per cui il lavoro e’ solo un diritto ma senza doveri, se il sindacato e’ lo stesso che ha partecipato allo ‘ sfascio Italia’ difendendo pensioni baby, diritti assurdi e fuori dal tempo…. be’ allora meglio farne a meno altrimenti SENZA LAVORO non ci sara’ nessuno da rappresentare

  4. Scritto da c

    In Italia abbiamo cambiato i governi, i partiti, i presidenti abbiamo provato a cambiare le regole, l’unica cosa che è sempre rimasta li a guardare e a mangiare sono stati i sindacati, vuoi vedere che il sig. Renzi riesce nell’intento di debellare il vero male che c’è in Italia?
    proviamo ad eliminare i sindacati che tra le altre cose non si capisce perchè devono essere tre visto che gli interessi dei lavoratori dovrebbero essere gli stessi.

  5. Scritto da Tino

    forse è un errore, ma abbiamo visto le riforme fatte finora concertando …
    Renzi comunque non vuole fare riforme senza il Sindacato, ma semplicemente avere un Sindacato che voglia, possa e decida possibilmente in tempi brevi.

  6. Scritto da franco

    solo i sindacati autonomi e di categoria avranno un futuro. …i confederali sono morti

    1. Scritto da Jim

      In Svezia hanno 3 (tre ) sindacati per 3 settori diversi (quindi 1 per settore) , sono potentissimi e vanno benissimo . I loro bilanci sono certificati e pubblici. Quello che dici tu è il medioevo !

  7. Scritto da 55mano

    PEZZOTTA chi????

  8. Scritto da mark

    qundo tutti si sono sistemati…poi scompaiono

  9. Scritto da colibri

    se si coglie sul fatto un dipendente che sta rubando non lo si può nemmeno licenziare grazie ai sindacati.
    ho dovuto trovare un compromesso col dipendente nel senso che io
    non l’avrei denunciata per furto rovinandogli il futuro ma in cambio avrebbe dato le dimissioni ecco la situazione ottimale.
    ma tutti quelli dell’impiego pubblico che fregano tutte quelle ore timbrate ma non lavorate perché non vengono LICENZIATE??
    sindacati una risposta grazie.

  10. Scritto da enrico

    I sindacati hanno una gloriosa storia che ha portato i cittadini verso un cammino di civiltà. Ma da anni ormai si limitano a difendere soprattutto privilegi e parassitismi vari, soprattutto nel pubblico. Hanno una grossa responsabilità nella pachidermica mancanza di riforme e sono una forza fortemente conservatrice.

  11. Scritto da Sergio

    Dott. Pezzotta, perché non è rimasto nel sindacato lei, ma è andato in quel mondo di brutti cattivoni che sono i politici?

  12. Scritto da Giampaolo C.

    Con D’antoni ci eravamo fatti un’idea, con Pezzotta abbiamo avuto la prova provata, con Epifani il giudizio finale.
    Il sindacato di oggi è una casta pari alla politica.
    Il sindacato di oggi non risolverà mai niente in quanto autoreferenziale.
    Stiano almeno zitti e lascino tentare qualcosa a Renzi, poi vedremo………..