BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mamma uccide le sue tre bambine, poi tenta il suicidio

Una mamma Edlira Dobrushi di 37 anni che si sta separando dal marito, tre figlie di 13, 11 e quattro anni. La disperazionme. Il triplice omicidio delle sorelle, Simona, Casey e Sidney, il tentativo di togliersi la vita con lo stesso coltello usato per le sue tre bambine. E alla fine la confessione: sì, sono stata io.

Più informazioni su

Una mamma Edlira Dobrushi di 37 anni che si sta separando dal marito, tre figlie di 13, 11 e quattro anni. La disperazionme. Il triplice omicidio delle sorelle, Simona, Casey e Sidney, il tentativo di togliersi la vita con lo stesso coltello usato per le sue tre bambine.

E alla fine la confessione: sì, sono stata io. 

E’ la tragedia successa a Lecco, in nella palazzina di corso Bergamo 87, la tragedia che ha distrutto una famiglia.

La donna, di origini albanesi, è ricoverata in stato di fermo all’ospedale Manzoni di Lecco.

L’allarme ai carabinieri è giunto pochi minuti prima delle 6,30, domenica all’alba, quando il 118 ha avvisato i militari di avere soccorso una donna in una palazzina in evidente stato confusionale e completamente imbrattata di sangue.

A chiamare i soccorritori è stato un vicino di casa che ha sentito le grida, ma ha pensato a un litigio. E’ stata poi la donna a suonare alla sua porta: ha usato due coltelli che sono stati trovati nell’appartamento composto dalla camera matrimoniale, da una stanza dei bambini con due letti a castello e da un soggiorno.

E ha tentato di tagliarsi le vene, subito dopo, procurandosi profonde ferite agli avambracci.  

Un omicidio "multiplo, sicuramente avvenuto in più stanze", spiega il tenente colonnello dei carabinieri Rocco Italiano, che ha guidato le indagini, ma i corpi delle tre sorelline sono state trovati sul letto matrimoniale.

"Ho fatto tutto da sola", dirà la madre rendendo una confessione piena.  

Una famiglia "normale" in affitto in quell’appartamento da quattro-cinque anni. Racconta il vicino: "So che il marito lavorava e lei faceva la casalinga. La bimba piccola andava all’asilo, una frequentava la quinta elementare e la più grande la terza media".

Gli amici di Susanna raccontano che la 13enne andava bene a scuola, aveva molti 8 ed è sempre stata molto socievole, ma che negli ultimi tempi capitava di trovarla a piangere chiusa in bagno. Uno dei motivi, dicono, riguarda la separazione dei genitori.

Da settembre il padre 37enne si era trasferito a casa del fratello, comunque vicino alla famiglia.

Venerdì era partito per due settimane in Albania. Il fatto di avere una nuova relazione con un’altra donna aveva resa Edlira piuttosto scostante.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.