BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Opa dell’Italcementi per l’acquisto di Ciments Francais

L'indiscrezione della Repubblica è stata confermata: Italcementi ha varato un piano di rafforzamento patrimoniale e di semplificazione della struttura con un'offerta pubblica d'acquisto sulle minorities di Ciments Francais a 78 euro per azione.

L’indiscrezione della Repubblica è stata confermata: Italcementi ha infatti varato un piano di rafforzamento patrimoniale e di semplificazione della struttura con un’offerta pubblica d’acquisto sulle minorities di Ciments Francais a 78 euro per azione e un aumento di capitale per un massimo di 450 milioni.

La notizia è stata comunicata con una nota che ha annunciato anche la conversione delle risparmio in ordinarie. «L’operazione, condivisa dai consigli di Italcementi e di Italmobiliare, permetterà un aumento di efficienza gestionale e finanziaria oltreché una univocità direzionale per i futuri sviluppi industriali del gruppo», è riportato nella nota che ha annunciato il piano di rafforzamento.

Il consigliere delegato di Italcementi, Carlo Pesenti ha inoltre sottolineato come «il piano che abbiamo identificato è una risposta al mercato da sempre interessato a una struttura più semplice ed efficace della governance del gruppo che permetta di far emergere con maggiore evidenza e in modo più diretto il valore delle nostre attività».

L’operazione (di cui Mediobanca, UniCredit Bnp Paribas sono advisor finanziar mentre Italmobiliare è stata assistita Banca Leonardo) è volta a dar vita ad una società con una maggiore capitalizzazione e un flottante complessivo superiore, determinando una maggiore liquidità dei titoli a beneficio degli azionisti e dei potenziali investitori.

Si prevede che l’Opa, finalizzata al delisting di Ciments Français dalla Borsa di Parigi (in caso di raggiungimento della soglia del 95% del capitale sociale, Italcementi procederà allo squeeze-out delle azioni residue), sia lanciata entro la fine di maggio 2014 e che l’offerta si svolgerà nel mese di giugno, previo ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte dell’Autorité des marchés financiers.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lello

    standing ovation. dopo i numerosi borseggi transalpini, finalmente un grande gruppo bergamasco, per altro già attivissimo a livello mondiale, ingloba e azzera, togliendolo dal mercato, un gigante del settore. ben fatto.