BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Ministero con Sacbo nella lotta coi cittadini “Ma noi non molliamo”

L'Enac ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che aveva annullato la zonizzazione acustica. Il presidente dell'associazione “Colognola per il suo futuro”“Siamo addolorati, perchè lo Stato dovrebbe tutelare prima di tutto l'interesse dei cittadini"

Il Ministero dei Trasporti scende in campo al fianco di Sacbo nella contesa con i cittadini di Colognola. Il 26 febbraio l’Enac ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che lo scorso luglio aveva annullato la zonizzazione acustica.

Una mossa attuata solo all’ultimo giorno possibile, che ha colto di sorpresa i membri dell’associazione “Colognola per il suo futuro”: “Siamo addolorati per questa decisione del Ministero, perchè lo Stato dovrebbe tutelare prima di tutto l’interesse dei cittadini – ha spiegato la presidente Silvia Arzuffi – e quindi il nostro che siamo costretti fare i conti con 170 voli giornalieri e tutti i disagi che provocano a livello ambientale”.

L’associazione ha anche cercato di capire i motivi di questa azione: “Probabilmente non si vuole creare un precedente scomodo, visto che ci sono anche altri aeroporti in Italia in situazioni simili a quella di Orio”.

In ogni caso la battaglia degli abitanti di Colognola non si ferma: “La mia intenzione è quella di andare, ma è logico che devo avere l’appoggio di tutti i membri dell’associazione, sia in termini di ideali che in termini pratici ed economici. Per il primo ricorso avevam raccolto 20mila euro, quasi tutti con offerte dei singoli cittadini. Questa volta devo capire con il mio avvocato quanto sarà l’esborso, poi faremo le valutazioni del caso”.

Anche Legambiente ha preso posizione sulla vicenda: “E’ un grave atto che dimostra che l’Enac è scesa in campo in questa contesa tra cittadini e Sacbo nelle vesti di giocatore anziché di arbitro – ha dichiarato il responsabile regionale dei trasporti Dario Balotta – I limiti massimi del rumore sono già abbondantemente sforati e l’aeroporto è accerchiato dalle case in una posizione impossibile per mantenere 170 voli al giorno di media”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fabio

    Fantastico, questi non sanno nemmeno di aver vinto il ricorso contro ENAC e non contro SACBO, e si stupiscono se che questa (come è nel suo diritto) voglia far valere le proprie ragioni!!! che comiche… (per non dire altro)

  2. Scritto da G76

    In un paese contraddittorio come il nostro non stupirebbe vedere contemporaneamente il Ministero dei Trasporti ricorrere contro i cittadini, e il Ministero della salute contro Sacbo…
    La cosa stramba e ancora più contraddittoria è che lo stesso Riggio (Presidente di Enac) abbia ammesso solo pochi giorni fa che il traffico di Orio è andato oltre il lecito, e che occorre ridurre l’impatto ambientale…

  3. Scritto da Elio

    Ma l’aeroporto è da qualche decennio che è a Orio, se uno compra le case vicino all’aeroporto poi non si deve lamentare se sente rumore….

    1. Scritto da fausto

      si, si è vero già nel 1915 decollavano ……….
      ma fammi il piacere, informati prima di scrivere a “vanvera” ……

    2. Scritto da G76

      Le ricordo che attorno al 2000 l’aeroporto aveva il traffico di solo 1 milione di passeggeri, ora ne ha 9 milioni: in 15 anni è una crescita del 900%.
      Mentre – per farle l’esempio di Azzano San Paolo, che ha la sfortuna di trovarsi sotto la rotta di decollo – gli abitanti nel 2001 erano circa 6.700; oggi sono 7.600.
      Ciò significa che quasi il 90% di questi abitanti Azzano nel 2000 li aveva già…

  4. Scritto da Andrea

    forse non sarebbe il caso di pensare che anche i cittadini siano dalla parte del torto?

    1. Scritto da El loco

      In che modo dovrebbero essere dalla parte del torto? Chiedendo che siano rispettate le leggi anziché gli interessi di pochi?

  5. Scritto da franca perletti

    sempre qualunquisti ! l’aeroporto dà lavoro a moltissime persone senza contare gli indotti tra cui l’orio center! e poi vi fa comodo andare a prendere l’aereo a Orio anziché Malpensa, Linate o altri posti lontani! smettetela di lamentarvi…soprattutto in tempi di vacche magre come siamo!

    1. Scritto da El loco

      Qualunquismo? Lei è sicura di saperne il significato? Oltre a questo controlli a chi vanno i fantastici “indotti” di cui parla…andranno a riempire le pubbliche casse o le tasche dei soliti noti?

    2. Scritto da poeret

      e sarebbero gli altri i qualunquisti?!! ASSURDO, si inform ibene su chi lavora per l’aeroporto (e con che contratti) ..quella di Oriocenter poi..

  6. Scritto da ragioni, quali?!?

    VERGOGNOSO, non cittadini ma schiavi.