BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Banda della cassaforte tenta il colpo in villa, ma polizia sventa furto fotogallery

Sventato furto in Villa a Caravaggio, ad opera della banda della cassaforte: recuperata una Bmw serie 5 rubata, alcune targhe rubate ad una Renault Modus e sequestrata l'attrezzatura per compiere i furti.

Più informazioni su

A seguito dei numerosi furti nelle abitazioni della zona, continua il costante controllo ad opera delle volanti del Commissariato di Treviglio guidato dal Commissario Angelo Lino Murtas, che già in varie occasioni sono riuscite a bloccare dei furti in corso.

Anche in questo caso, nella serata di mercoledì 5 marzo, grazie al rapido intervento della pattuglia si scongiurava un grosso furto in una villa in via Visconti a Caravaggio. Gli agenti riuscivano a mettere in fuga tre ladri che, dopo aver scardinato la finestra con lo stesso “modus operandi” rilevato in alcuni furti degli ultimi giorni in cui venivano “tagliate” le casseforti murate mediante “smeriglio flessibile” elettrico, si erano introdotti all’interno alla ricerca della cassaforte. Vistisi scoperti scappavano rapidamente in più direzioni e venivano inseguiti per oltre un chilometro a piedi dagli agenti, riuscendo però a dileguarsi nel buio della notte.

Gli operanti recuperavano però, l’auto usata per recarsi sul posto (una Bmw Serie 5, rubata in provincia di Pesaro) già segnalata in altri furti, altre targhe rubate in provincia di Bergamo ed appartenenti ad una Renault Modus, nonché numerosa attrezzatura per compiere i furti (tra cui emergono il potente “smeriglio flessibile” elettrico per tagliare le casseforti con numerosi dischi di ricambio, alcuni “piedi di porco”, una grossa mazza ferrata, una grossa “trancia” oleodinamica per tranciare le sbarre alle finestre senza fare rumore, una enorme tronchese, grossi cacciaviti e guanti da lavoro). La Polizia Scientifica del Commissariato dopo un delicato “trattamento” riusciva ad evidenziare alcune impronte molto utili.

Le indagini sono in corso e potrebbero portare a breve a dare un nome anche ai componenti di questa nuova banda operante in zona nell’ultimo periodo, che dagli elementi raccolti sinora sembra essere del vicino est europeo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.