BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Non c’è nessun pullman per le piscine Italcementi “Capita solo a Bergamo” fotogallery

"In tutta Europa qui ci sarebbe una fermata. A Bergamo no". Recitava così il cartello esposto dal consigliere comunale di Patto Civico Simone Paganoni all'esterno delle piscine Italcementi di Bergamo, uno dei punti chiave per gli sportivi bergamaschi. "La soluzione ci sarebbe: la linea 2 dell'Atb dovrebbe allungare il suo giro di 600 metri".

Più informazioni su

"In tutta Europa qui ci sarebbe una fermata. A Bergamo no". Recitava così il cartello esposto dal consigliere comunale di Patto Civico Simone Paganoni all’esterno delle piscine Italcementi di Bergamo, uno dei punti chiave per gli sportivi bergamaschi. A far scattare la protesta è la mancanza di una fermata dell’autobus in prossimità della struttura utilizzata ogni settimana da centinaia di cittadini: "Ragazzi e ragazze sopratutto – sottolinea il consigliere, accompagnato da un gruppo di genitori -, che oggi per prendere un mezzo pubblico sono costretti a cercare altre fermate nelle vicinanze. A farci arrabbiare non è tanto la camminata, peraltro neanche troppo lunga, ma il fatto che la sera, e in particolar modo nelle ore più buie della giornata, non è il massimo delle sicurezza per dei ragazzi e delle ragazze muoversi da soli. Così, tanta gente rinuncia all’attività e molti genitori sono costretti a muoversi con l’auto per accompagnare e ritirare i figli prima e dopo le lezioni. Tutto questo perché il Comune non vuole ascoltare la nostra semplicissima richiesta".

"Il problema è davvero banale – continua Maurizio Acciardi, padre di una tuffatrice della Bergamo Tuffi – e la soluzione sarebbe semplice e chiara. Ma l’impressione è che qualcuno voglia isolare le piscine Italcementi. Ci piacerebbe capire il perché".

Meno pessimista l’ingegner Enrico Espinosa che una soluzione l’avrebbe anche trovata: "La linea 2 dell’Atb dovrebbe semplicemente allungare il suo giro – spiega -. Seicento metri in più di strada, circa un minuto aggiuntivo al viaggio solito. L’anziana che prende il pullman tutti i giorni potrebbe lamentarsi, è vero, ma quanti ragazzi e quante famiglie sarebbero soddisfatte con questa miglioria? Il cambiamento, inoltre, basterebbe farlo su alcune corse, non su tutte, magari tenendo conto degli orari dei corsi che si svolgono alle piscine Italcementi. Quando abbiamo parlato con l’assessore Ceci ci era stato pronosticato un ingente aumento delle spese per le casse del Comune, ma con un mio studio ho scoperto che i costi si alzerebbero al massimo di 4mila euro".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mirko Isnenghi

    Sembrava che l’A.T.B. funzionasse bene a detta dei nostri amministratori, forse qualche cosa non va. Certamente quest’estate il problema sarà maggiore sia per la frequentazione delle piscine sia per l’orario estivo. Mi domando se il trasporto pubblico è organizzato solo per il bilancio o, come deve essere, per il servizio ai cittadini!

  2. Scritto da stoff

    cerchiamo di mettere dei pullman anche prima delle ore 7.00 per la Via baioni, e possibilmente anche dopo le20.00, siamo in una Città non nel deserto, poi paghiamo regolarmente i vari biglietti e abbonamenti, Sveglia che è ora , smettetela di dire che non vi sono soldi, bastrerebee fare passare il pullman 9 e 7 alternato, oppure Noi siamo Considerati cittadini di serie B, le tasse le paghiamo Tutti e pure saporite,SVEGLIA SVEGLIA che è ora

    1. Scritto da provocatore

      alle 20 tutti a casa nella città morta

  3. Scritto da Giovanni Gelmini

    Il Capolinea potrebbe addirittura essere posto a Piazza Risorgimento (o piazza Varsvia), creando una interessante bretella di comunicazione a nord dell’attuale asse principale

    Giovanni Gelmini

    1. Scritto da marco

      Scusi, è da tanto che si è trasferito all’estero?

  4. Scritto da Giovanni Gelmini

    Credo che tutto il quartiere che prima era servito dai bas per l’ospedale oggi soffra di isolamento. Una soluzione potrebbe essere di creare una variante alle linee che passano in Viale Vittorio Emanuele, dalla stazione bassa della funicolare, che, fatta la Galleria arrivi alle Piscine Italcemti, servendo a nord tutto il quartiere.
    Giovanni Gelmini
    (ex assessore provinciale alla viabilità e trasporti)

    1. Scritto da sentierone

      se questa proposta viene da un ex assessore alla viabilità e trasporti non mi stupisce che la situazione della mobilità nella nostra città sia messa così male…..
      Scusi ex assessore, senza voli pindarici, basterebbe far fare il giro dell’isolato ai pullman che ora arrivano in largo barozzi…..

    2. Scritto da roberta

      Scusi, ex assessore provinciale, cosa sono i bas?

  5. Scritto da enrico

    Paganoni ha pienamente ragione: cose da terzo mondo.