BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La mascotte dell’Expo ora ha un nome: Foody

La mascotte del'Expo 2015 ora ha un nome: Foody. L'ha annunciato il commissario unico dell'evento, Giuseppe Sala, al Castello Sforzesco di Milano insieme al governatore lombardo Roberto Maroni e al sindaco Giuliano Pisapia.

Più informazioni su

La mascotte del’Expo 2015 ora ha un nome: Foody.

L’ha annunciato il commissario unico dell’evento, Giuseppe Sala, al Castello Sforzesco di Milano insieme al governatore lombardo Roberto Maroni e al sindaco Giuliano Pisapia.

Il volto di Foody, disegnato da Disney, è composto da alimenti, ognuno con la sua storia e le sue caratteristiche, che si uniscono per formare un disegno che richiama le teste composte dell’artista Giuseppe Arcimboldo.

Il volto dell’evento è composto da 11 piccole mascotte che raffigurano altrettanti alimenti, ognuno dei quali ha ricevuto a propria volta un nome.

Dopo l’aglio ‘Guagliò’ sono stati battezzati la banana ‘Josephine’, il fico ‘Rodolfo’, la melagrana ‘Chicca’, l’arancia ‘Arabella’, l’anguria ‘Gury’, il mango ‘Manghy’, la pera ‘Piera’, la mela ‘Pomina’, i ravanelli ‘Rap brothers’ e la pannocchia di mais blu ‘Max Mais’.

Si tratta di alimenti provenienti da tutto il mondo che avranno il compito di raccontare e interpretare il tema dell’esposizione: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Cimmino

    Alla facciazza della fantasia: già il pupazzino appariva pietoso, rispetto al modello arcimboldesco. Adesso, dato il motto: feed the planet, banalità impone che la mascotte si chiami “Foody”! Immagino che questi geni della creatività, se dovessero organizzare la fiera del sesso, riuscirebbero ad inventarsi un vibratore animato in stile Disney e perfino a chiamarlo “Fucky”

  2. Scritto da ct

    beh con tutti i soldi che si foodono…

  3. Scritto da muradur

    l’era mei metì sò la polenta col codeghì, e ciamala FAM

  4. Scritto da il polemico

    si fa l’expo in italia e diamo nome inglese alla mascotte…….

    1. Scritto da doncletus

      Stessa cosa che ho pensato anche io…

    2. Scritto da Piero

      Beh, “ciao” è già stato usato…. Comunque trattandosi di evento mondiale non ci trovo nulla di strano che sia in inglese…. Un’altra colossale sfilata (tipo Italia ’90) che adesso entusiasma e poi successivamente lascerà gli scheletri di spreco in disuso sparsi per tutto il paese…. Non impariamo mai dalle esperienza precedenti…. Tutto lustrini e luccichini, ma se il paese è in crisi, finita la manifestazione non ci saranno soldi per mantenere il tutto…