BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da “Allacciate le cinture” al nuovo “Tarzan” Al cinema nel week-end

Nelle sale cinematografiche di Bergamo e provincia escono il nuovo film di Ferzan Özpetek con Kasia Smutniak e la nuova versione della storia dell’uomo, orfano, cresciuto nella foresta dai gorilla. In cartellone, inoltre, “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, fresco vincitore dell’Oscar, “Felice chi è diverso”, incentrato sul tema della diversità e dell’omosessualità e tutti i film del momento. Ecco la programmazione completa del week-end.

A caratterizzare il week-end al cinema è l’uscita di due film: la nuova versione di “Tarzan, che propone un’inedita versione dell’uomo, orfano, cresciuto nella foresta dai gorilla e nato dalla penna di Edgar Rice Burroughs, e “Allacciate le cinture”, una commedia firmata da Ferzan Özpetek che nel cast vanta la presenza, tra gli altri, di Kasia Smutniak.

In cartellone, poi, ci sono “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, fresco vincitore dell’Oscar e “Felice chi è diverso”, incentrato sul tema della diversità e dell’omosessualità. Non mancano, inoltre, tutte le pellicole del momento, per una programmazione ricca di titoli e variegata nei generi: si va da “Sotto una buona stella” a “12 anni schiavo”, da “Una donna per amica” a “La bella e la bestia” e da “La scuola più pazza del mondo” a “The Lego Movie”. Vi proponiamo la programmazione completa di tutti i titoli che potete trovare nei cinema di Bergamo e provincia nel week-end.

GIOVEDI’ 6 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 22:30;‎

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20;

“Smetto quando voglio”, ‎100min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22;

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 20.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo in via Mattioli, 65 – 035 251339

“Infanzia clandestina”, ‎112min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“Viaggio Sola”, ‎85min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:45.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in piazza S. Anna, 51, Bergamo – 035 270760

“Trashed”, ‎98min‎‎ – Documentario‎‎ – Doppiato‎, alle 21.‎

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Una donna per amica”, 90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:20;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 19:20 e alle ‎22:20;‎

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30;‎

“Snowpiercer”, ‎126min‎‎ – Fantascienza‎‎ – Doppiato‎, alle 22:30;‎

“300: L’alba di un impero”, ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30, alle ‎20:10 e alle ‎22:40;‎

“La mossa del pinguino”, ‎94min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:20;‎

“Un ragionevole dubbio”, ‎91min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20:10 e alle ‎22:30;‎

“Tarzan” (NO 3D), ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20;‎

“La scuola più pazza del mondo”, ‎95min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17.

CINESTAR CORTENUOVA allo shopping village “Le acciaierie” a Cortenuova in via Trieste, 15 – 0363 992244

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:25 e alle ‎22:35;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 20:15‎ e alle‎ 22:40;‎

“Sotto una buona stella", ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato, alle ‎22:25;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 20:10 e alle ‎22:35;‎

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:15 e alle ‎22:40;‎

“300: L’alba di un impero” (NO 3D), ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20:25 e alle ‎22:40;‎

“Pompei”, ‎105min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 22:30;‎

“Smetto quando voglio”, ‎100min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:20;‎

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 20:25.‎

VENERDI’ 7 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:15 e alle 22:30;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle 22:30;

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:15 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20;

“Smetto quando voglio”, ‎100min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22;

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 20;

“Felice chi è diverso”, 93min – Documentario – Doppiato, alle 22:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo in via Mattioli, 65 – 035 251339

“La grande bellezza”, 142min – Drammatico – Doppiato, alle 20;

“Dallas Buyers Club”, 117min – Drammatico – Doppiato, alle 22:40;

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:30 e alle 22:30.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 Curno – 892 960

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:20;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 19:20 e alle ‎22:20;‎

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:30;‎

“Snowpiercer”, ‎126min‎‎ – Fantascienza‎‎ – Doppiato‎, alle 22:30;‎

“La mossa del pinguino”, ‎94min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:20;‎

“Un ragionevole dubbio”, ‎91min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20:10 e alle ‎22:30;‎

“Tarzan” (NO 3D), 94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20;‎

“La scuola più pazza del mondo”, ‎95min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 17.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in piazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“The Lego Movie”, ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 0354523057

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINETEATRO SORRISO GORLE in via Piave – 035656962

“The Lego Movie”, 100min – Animazione – Doppiato, alle 20:45.

SABATO 8 MARZO CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416 con ingresso ridotto per tutte le donne in occasione della Festa della donna

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30 e alle 17:45;

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45 e alle 20;

“Smetto quando voglio”, ‎100min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22;

“Felice chi è diverso”, 93min – Documentario – Doppiato, alle 22:30;

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20.

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330 con ingresso ridotto per tutte e donne in occasione della Festa della donna

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20:15 e alle 22:30;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30;

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45, alle 20:15 e alle 22:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo in via Mattioli, 65 – 035 251339

“La grande bellezza”, 142min – Drammatico – Doppiato, alle 16 e alle 20;

“Dallas Buyers Club”, 117min – Drammatico – Doppiato, alle 22:40;

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:30 e alle 22:30.

“Free Birds – Tacchini in fuga”, 91min – Animazione – Doppiato, alle 16:15.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato, alle ‎15, alle ‎17:20, alle ‎20, alle ‎22:20 e alle ‎00:40;‎

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 14:50, alle ‎17:20, alle ‎20 e alle ‎22:30;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 14:20, alle ‎17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“Sotto una buona stella”, 106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30, alle ‎17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 16:25, alle ‎19:20 e alle ‎22:20;‎

“300: L’alba di un impero”, ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, all’1;‎

“La mossa del pinguino”, ‎94min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle ‎22:20;‎

“Un ragionevole dubbio”, ‎91min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20:10, alle ‎22:30 e alle ‎00:45;‎

“Tarzan” (NO 3D), ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:40 e alle ‎17:20;‎

“The Lego Movie” (NO 3D), 100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15 e alle ‎17:30;‎

“Snowpiercer”, ‎126min‎‎ – Fantascienza‎‎ – Doppiato‎, alle 14:15, alle ‎22:30 e alle ‎00:40;‎

“La scuola più pazza del mondo”, ‎95min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:10.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 0354523057

“Philomena”, 94min – Drammatico – Doppiato, alle 21. Per tutte le donne l’ingresso è di 3 euro, in occasione della Festa della donna.

NUOVOCINETEATRO ALBINO in p‎iazza San Giuliano ad Albino – 035 751490

“The Lego Movie”, ‎100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

CINEMA TEATRO CAGNOLA a Urgnano in via Roma, 82 – 035 487 2228

“Belle e Sebastien”, ‎98min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20:30‎.

CINETEATRO SORRISO GORLE in via Piave – 035656962

“The Lego Movie”, 100min – Animazione – Doppiato, alle 20:45.

DOMENICA 9 MARZO

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035 248330

“Sotto una buona stella”, ‎106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20:15 e alle 22:30;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17:30, alle 20 e alle 22:30;

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45, alle 20:15 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30 e alle 17:45;

“Tarzan”, ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 15:30, alle 17:45 e alle 20;

“Smetto quando voglio”, ‎100min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 22;

“Felice chi è diverso”, 93min – Documentario – Doppiato, alle 22:30.

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 20.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo in via Mattioli, 65 – 035 251339

“La grande bellezza”, 142min – Drammatico – Doppiato, alle 15 e alle 20:30;

“Dallas Buyers Club”, 117min – Drammatico – Doppiato, alle 17:45;

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 15, alle 17, alle 19 e alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 Curno – 892 960

“300: L’alba di un impero” (3D), ‎102min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:30, alle 14:40, alle 17:20, alle 20 e alle 22:40;

“Allacciate le cinture”, ‎Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 11, alle 14:50, alle 17:20, alle 20 e alle 22:30;

“La mossa del pinguino”, ‎94min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 20 e alle 22:20;

“Tarzan” (NO 3D), ‎94min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:10, alle 14:40 e alle 17:20;

“Un ragionevole dubbio”, ‎91min‎‎ – Thriller‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20, alle ‎20:10 e alle ‎22:30;‎

“La bella e la bestia”, ‎110min‎‎ – Fantastico‎‎ – Doppiato‎, alle 11:15, alle 14:20, alle ‎17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30;‎

“La scuola più pazza del mondo”, ‎95min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 14:10;

“Snowpiercer”, ‎126min‎‎ – Fantascienza‎‎ – Doppiato‎, alle 14:15 e alle ‎22:30;‎

“Una donna per amica”, ‎90min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato, alle 11:10, alle ‎15, alle ‎17:20, alle ‎20 e alle ‎22:20;

“12 anni schiavo”, ‎133min‎‎ – Drammatico‎‎ – Doppiato‎, alle 16:25, alle ‎19:20 e alle ‎22:20;‎

“Pompei”, 98min – Azione – Doppiato, alle 19:45;

“The Lego Movie” (NO 3D), 100min‎‎ – Animazione‎‎ – Doppiato‎, alle 11:20, alle 15 e alle ‎17:30;‎

“Sotto una buona stella”, 106min‎‎ – Commedia‎‎ – Doppiato‎, alle 14:30, alle ‎17:10, alle ‎19:50 e alle ‎22:30.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 0354523057

“Monuments Men”, ‎118min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 21;

“A spasso con i dinosauri”, 97min – Animazione – Doppiato, alle 15 e alle 17:45.

CINETEATRO SORRISO GORLE in via Piave – 035656962

“The Lego Movie”, 100min – Animazione – Doppiato, alle 16 e alle 20:45.

Ecco le informazioni pellicola per pellicola.

– “Sotto una buona stella”. Federico Picchioni è un uomo d’affari di successo che lavora per una holding finanziaria e vive in una casa lussuosa con la giovane fidanzata, Gemma. I due figli avuti dalla ex moglie, Lia e Niccolò, abitano invece con la madre. Quando la donna muore, Federico si trova costretto ad accogliere in casa i due ventenni, che lo detestano per aver abbandonato la famiglia, più una nipotina nata da una passata relazione di Lia. Contestualmente, un socio di Federico viene arrestato dalla Finanza, non prima di aver dilapidato tutte le sostanze dei colleghi e aver compromesso la loro reputazione. Gemma, che non sa che farsene di un compagno disoccupato e con figli a carico, lascia Federico. Ed ecco che entra in scena Luisa Tombolini, una "tagliatrice di teste" tormentata dai sensi di colpa per il cinismo del proprio mestiere, che abita proprio nell’appartamento accanto ai Picchioni. Riuscirà questo mix di solitudini problematiche a raggiungere l’armonia?

– “12 anni schiavo”. Stati Uniti, 1841. Solomon Northup è un musicista nero e un uomo libero nello stato di New York. Ingannato da chi credeva amico, viene drogato e venduto come schiavo a un ricco proprietario del Sud agrario e schiavista. Strappato alla sua vita, alla moglie e ai suoi bambini, Solomon infila un incubo lungo dodici anni provando sulla propria pelle la crudeltà degli uomini e la tragedia della sua gente. A colpi di frusta e di padroni vigliaccamente deboli o dannatamente degeneri, Solomon avanzerà nel cuore oscuro della storia americana provando a restare vivo e a riprendersi il suo nome. In suo soccorso arriva Bass, abolizionista canadese, che metterà fine al suo incubo. Per il suo popolo ci vorranno ancora quattro anni, una guerra civile e il proclama di emancipazione di un presidente illuminato.

– “Allacciate le cinture”. Nell’arco di tredici anni, a partire dai duemila, in una Lecce che scopre il piccolo grande boom economico pugliese, due giovani autoctoni (agli antipodi per estrazione sociale, convinzioni ideologiche, aspirazioni e frequentazioni) si odiano, si amano, si tradiscono, fanno esperienza della dolore e dell’ombra della morte, insomma vivono. Lei si chiama Elena, di buona famiglia, con ambizioni imprenditoriali, abbandonati gli studi si mette a fare la cameriera, divertita dalla cosa e dal sogno di mettere su un locale tutto suo, spalleggiata dall’amico Fabio, gay e fantasioso. Lui si chiama Antonio, proletario da cartolina, fa il meccanico, è omofobo, ma ha una solida cultura del corpo con tanto di tatuaggi che rasentano la vertigine dell’osso sacro, vagamente razzista, insomma non un buon partito per una ragazza borghese di provincia. I due, fatalmente, si incontrano e si scontrano in una giornata di pioggia, sotto la pensilina densamente affollata di una fermata dell’autobus. Scatta la scintilla che lavora sui contrari, che tanto si sa poi si attraggono. E così sarà. Elena e Antonio, contro il loro stesso ambiente, si innamoreranno e dovranno sostenere le prove della vita e soprattutto quelle della malattia che colpirà lei tredici anno dopo il loro primo incontro. Ospedali, sedute di chemioterapia, capelli che cadono, magrezza insana, occhi segnati… Ma all’improvviso le frecce lineari del tempo sembrano convergere forzandosi a disegnare un cerchio.

– “La bella e la bestia”, ispirato alla celebre fiaba che ha emozionato e appassionato diverse generazioni. 1810. Dopo aver perso la sua fortuna in mare un mercante è costretto a ritirarsi in campagna con I suoi sei figli. Una di questi è Belle, la più giovane. Durante un viaggio il padre scopre il castello della Bestia che lo condanna a morte per aver rubato una rosa. Belle decide allora di offrire la propria vita in cambio di quella del genitore. Non è però la morte ciò che l’attende.

– “Monuments Men”. Mentre le forze alleate stanno sferrando il loro attacco alla Germania lo storico dell’arte Frank Stokes ottiene l’autorizzazione da Roosevelt in persona per mettere insieme un gruppo di esperti che cerchi di recuperare le opera d’arte che Hitler ha fatto portare via e nascondere in previsione della costruzione del mastodontico Museo del Fuhrer. In caso di sconfitta del Reich l’ordine è di distruggerle. Si viene così a creare una compagnia formata da due storici e un esperto d’arte, un architetto, uno scultore, un mercante, un pilota britannico e un soldato ebreo tedesco per le traduzioni. Escluso quest’ultimo i componenti del gruppo non hanno certo l’età dei combattenti ma la loro missione non è priva di pericoli.

– “Smetto quando voglio”, incentrato sul precariato, un problema sociale estremamente rilevante e di grande attualità. La pellicola, che verte sull’ardua ricerca di un posto di lavoro, è firmata dal giovane regista Sydney Sibilia, clase 1981, che ha sperimentato tanti lavori prima di approdare dietro la macchina da presa. In passato, per esempio, si è cimentato nell’animazione nei villaggi turistici, nelle svariate attività dietro al bancone di un fast food londinese. Infine, ha lavorato nello studio di un’agenzia pubblicitaria come copywriter. Ha sbarcato il lunario grazie a piccoli spot pubblicitari e ha iniziato a far parlare di sé quando, giunto a Roma, realizzando tre cortometraggi che hanno fatto incetta di premi in diversi festival, attirando l’attenzione degli addetti al settore. Nel cast ci sono nomi significativi, quali Edoardo Leo, nei panni del protagonista, Valerio Aprea, Pietro Sermonti e Paolo Calabresi, presi in prestito da Boris, serie tv cult, totalmente made in Italy, e un improbabile Neri Marcorè nei panni di un malavitoso boss di quartiere.

– “Tarzan”. Un re-imagining realizzato con la performance-capture e in 3D, aggiornato ai giorni nostri dell’uomo della giungla ideato da Edgar Rice Burroughs. In questa versione i genitori di Tarzan sono degli avventurieri miliardari che sono stati uccisi in un incidente aereo. Jane Porter è la figlia di una guida africana e il suo obiettivo è quello di proteggere la giungla africana.

– “Infanzia clandestina”. Juan ha dodici anni e ha condotto una parte della sua vita in esilio. Nel 1979 torna, con i genitori e la sorellina di un anno, nel suo paese, l’Argentina. Il ragazzino è stato costretto a vivere lontano da casa per la condizione di clandestinità dei genitori, guerriglieri peronisti dell’organizzazione dei Montoneros, oppositori della dittatura militare di Videla, che ha rovesciato con un golpe il governo Peron nel 1976. Il padre e la madre di Juan sono adesso convinti che sia giunto il momento di alzare il tiro e portare la resistenza nel cuore dell’Argentina. Il ritorno in patria è, però, rischioso: sono latitanti ricercati dalle autorità e devono, quindi, vivere nascosti, sotto falsa identità. Anche Juan ha un nuovo nome. Per i suoi compagni di scuola e per la ragazzina di cui si innamorerà, si chiamerà Ernesto, come il Che. È un’infanzia rubata quella raccontata dal regista argentino Benjamín Ávila nel suo primo lungometraggio. Una condizione che ha il preziosissimo valore della testimonianza. La sconvolgente storia del dodicenne Juan si basa, infatti, su eventi realmente accaduti al regista da piccolo.

– “Viaggio sola”. Irene è una quarantenne single che lavora come ispettrice alberghiera, in continuo viaggio da un albergo di lusso all’altro. Le persone con le quali ha un rapporto solido sono la sbadata sorella minore Silvia, in crisi con il marito Tommaso, le sue nipotine e l’ex fidanzato Andrea, con il quale ha mantenuto una stretta amicizia. Silvia è preoccupata per la vita di sua sorella, mentre Irene è felice del suo modo di vivere, da lei ritenuto indipendente e privilegiato. Quando però l’ex fidanzato le confida che una donna con cui ha avuto una storia è rimasta incinta e vuole tenere il bambino, Irene entra in crisi. A farla riflettere ulteriormente sul suo modo di vivere ci penserà Kate Sherman, un’antropologa inglese incontrata a Berlino. La vita che ha scelto è libertà o è semplicemente solitudine?

– “Trashed”. L’uomo intelligente risolve i problemi. L’uomo saggio li evita". Con questa citazione da Einstein si conclude il documentario prodotto e interpretato da Jeremy Irons e diretto da Candida Brady: Trashed. Un messaggio di speranza per un film allarmante sullo stato di salute del pianeta Terra, un atto d’accusa nei confronti della grande economia mondiale, ma anche un incitamento alla lotta per un mondo migliore. Jeremy Irons ci conduce in questo viaggio di incredulità e speranza attraverso i cinque continenti, dal Libano all’Inghilterra, dall’Asia all’America, mostrando quanto l’inquinamento dell’aria, della terra e dell’acqua stia mettendo in pericolo la salute dell’uomo, ma anche l’intera esistenza del pianeta. Un pianeta bellissimo e ordinato visto dall’alto, che però a uno sguardo più attento e ravvicinato mette in luce discariche stracolme e montagne di spazzatura, come quelle delle coste del Libano che vengono visitate con sgomento da Irons. Accompagnato dalle note di Vangelis e dalla macchina da presa attenta e audace di Candida Brady, l’attore britannico mostra immagini di vita (e morte) spaventose (l’orfanotrofio in Vietnam è agghiacciante) e si concentra anche su luoghi bellissimi comunemente considerati incontaminati come il Polo, in realtà tra i più inquinati al mondo. E anche attraverso l’incontro con scienziati ed esperti mette in luce verità inquietanti riportate in maniera puntuale e precisa. Dopo questo viaggio tra i rifiuti, Irons, comunque ottimista e fiducioso, guarda al futuro (e alla speranza) e sottintendendo ciò che potrebbe accadere se le cose non cambiassero, si concentra sui rimedi e le possibili soluzioni, come il compostaggio o l’acquisto di prodotti non imballati. Una rivoluzione essenziale e già in atto in nome di un mondo migliore.

– “Una donna per amica”. Francesco è un avvocato trapiantato a Lecce, dove difende casi indifendibili e svolge l’attività di consigliere comunale per la lista civica Ambiente e libertà. Claudia è la sua migliore amica italo-francese, che gli movimenta la vita piombandogli in casa a sorpresa e coinvolgendolo nei suoi guai, fra cui spicca una sorellastra, Anna, tossicodipendente. I due amici avviano storie romantiche parallele, ma entrambe sono destinate a naufragare, poiché la vera tensione erotica è fra loro. Riusciranno finalmente a chiamare le cose con il loro nome?

– “The Lego Movie”. Emmet Brickowski è un cittadino felice di una ridente metropoli fatta di Lego di cui rispetta tutte le regole: segue la musica trasmessa dalla tv, è gentile con gli altri e si reca diligentemente al lavoro (costruire palazzi) esattamente come gli viene detto di fare dalle "istruzioni". Proprio al cantiere un giorno incontra una ragazza e per errore casca in una voragine nella quale entra in contatto con un pezzo speciale, oggetto del desiderio di una setta di ribelli di cui Emmet non conosceva l’esistenza. La sua vita viene così trasformata in quella di un avventuriero e, nonostante non ne abbia le qualità, l’aver ritrovato il pezzo speciale lo rende "il prescelto". Scopre così che il sindaco della sua città è in realtà un dittatore di diversi mondi (fantasy, west, spazio ecc. ecc.) dotato di un piano per cambiare l’universo come lo conoscono. Dovrebbe essere il simbolo della mancanza di idee ad Hollywood un film sui Lego, in realtà è l’esatto contrario: un tripudio di trovate come non ne vediamo di frequente, portate avanti con una comicità molto intelligente che non usa solo la voce ma anche il "corpo" dei personaggi.

– “Snowpiercer”. In un futuro non lontano, la Terra conosce una nuova Era Glaciale. Gli ultimi sopravvissuti del genere umano vivono confinati in un treno rompighiaccio in grado di correre perpetuamente attraverso il globo. L’inventore di questa macchina perfetta, il misterioso Wilford, ha anche determinato un sistema sociale su cui si regge l’equilibrio della comunità che abita i vagoni del treno. In coda stanno i miserabili sfruttati che salirono a bordo gratis, verso la testa del treno vivono invece nei privilegi i passeggeri di prima classe. Ma la rivolta degli oppressi dalla coda del treno è oramai imminente e il suo leader, Curtis, attende solo il momento giusto per tentare l’ardimentosa presa della testa del convoglio.

– “300 – L’alba di un impero”. Grazie al sacrificio alle Termopili dei 300 valorosi spartani guidati da Leonida, la Grecia ha una possibilità di resistere all’invasione dell’Impero Persiano. Ma la speranza è legata alla capacità di Temistocle, guida militare degli ateniesi, di riuscire a unire le città-stato indipendenti nella lotta per la libertà dell’Ellade e di contrastare con l’astuzia e le tattiche di combattimento la forza preponderante della flotta persiana. 300 – L’alba di un impero nasce da presupposti analoghi ma da una base di partenza totalmente diversa rispetto al suo predecessore. Dove il film di Zack Snyder prendeva spunto da una graphic novel già esistente "300" di Frank Miller, capolavoro della nona arte – per esaltarne i lati più spettacolari e metterli al servizio del progresso tecnologico, il sequel di Noam Murro (ma co-sceneggiato da Snyder) parte dal film precedente, e dalla mitopoiesi generata attorno ad esso, per anticipare e "immaginare" il fumetto. Quantomeno per il pubblico, visto che è probabile che ci sia stata più di una consultazione in fase di produzione con Frank Miller per allinearsi al suo ancora inedito "Xerxes", sequel del 300 fumettistico.

– “La mossa del pinguino”. Il film racconta l’avventura verso il sogno olimpico di quattro uomini perdenti, che scoprono per caso il gioco del curling e si convincono di poter partecipare alle Olimpiadi Invernali di Torino 2006 dove l’Italia, paese ospitante, avrà di diritto una squadra qualificata. Si ingegnano in allenamenti improbabili, trovano scappatoie alle regole, provocano gli avversari e finiscono per diventare campioni italiani, acquisendo così il diritto di partecipazione alle Olimpiadi. Per riuscirci dovranno però diventare uomini migliori.

– “Un ragionevole dubbio”. Mitch è un procuratore distrettuale infallibile, che non ha mai perso una causa. Una sera si concede un po’ di baldoria con i colleghi, ma decide comunque di tornare a casa in auto; terrorizzato dalla polizia finisce per investire un uomo, ridotto in fin di vita, e lo abbandona dopo aver chiamato un’ambulanza. Venuto a sapere della morte dello stesso e dell’arresto di un presunto omicida, fa di tutto per ottenere il caso e scagionare l’imputato, un meccanico di nome Clinton Davis. Capita sempre più di rado di assistere all’esplicito disconoscimento di un’opera, come all’epoca dei film firmati Alan Smithee, ma Peter Howitt, regista di Sliding Doors, adatta ai giorni nostri l’antica usanza, scegliendo di firmare con lo pseudonimo di Peter Croudins. Basta poco per comprenderne le ragioni. Dopo decenni di legal thriller che hanno invaso piccoli e grandi schermi, è sempre più arduo affrontare il genere e aggirarne i cliché: specie senza essere sorretti da una sceneggiatura di sostanza, forte di colpi di scena credibili, e con l’aggravante di una colonna sonora che enfatizza con un crescendo insistito ogni sequenza, spesso a prescindere dal contesto filmico. Una volta esisteva il cinema di serie B, che faceva di necessità virtù, concentrando gli sforzi su script anche sensazionalisti, per ottemperare alle manchevolezze della produzione. Oggi che lo scenario è profondamente mutato e la serie B è stata in parte rimpiazzata dalle serie Tv e dal loro boom, al cinema si chiede altro; ma niente di questo altro rientra in quel che Un ragionevole dubbio è in grado di dare. È facile intuire come procederà la parabola dell’avvocato che non perde una causa e che ha sviluppato una corazza di egotico cinismo, costretto a sprofondare e a vivere il peggiore dei contrappassi per poter ritrovare se stesso. Un percorso prevedibile, destinato a essere risollevato dall’inventiva di alcune sequenze o da qualche exploit interpretativo, elementi che purtroppo latitano.

– “La scuola più pazza del mondo”. La scuola elementare St. Claire apre le porte per un giorno alla visita degli aspiranti nuovi alunni. Tre piccole pesti, la piccola Mako, la vanitosa Miko e la secchiona Mutsuko, s’infilano nell’aula di scienze, chiusa per smantellamento imminente, e si divertono (letteralmente) sulla pelle del modello di anatomia, scarabocchiandolo e ignorandone allegramente i sentimenti. La notte, deciso a vendicarsi, con la complicità dell’amico Scheletro, il Signor Nudo (come lo chiamano le ragazzine) invita le tre ad una "danza macabra" con il proposito di spaventarle a morte. Ma, come piccoli supereroi armati di invincibile entusiasmo, snobismo e amore del gotico, le tre pesti non solo non mostrano paura, ma colgono al balzo l’occasione per un divertimento sfrenato.

– “Pompei”. Pompei, 79 d.C., Milo è un giovane gladiatore celta che ha visto morire da bambino il suo popolo e i suoi genitori nella feroce rappresaglia di Quinto Attilio Corvo. Senatore di Roma in visita a Pompei, Corvo pretende la mano di Cassia, la bella figlia di Marco Cassio Severo, signore della città che sogna di risanare e di fare più bella. Un incidente lungo la strada che porta a Pompei incontra e innamora Cassia e Milo, intralciando i piani esecrabili di Corvo, che accortosi del loro sentimento, condanna Milo a morire nell’arena. Ma niente andrà come previsto perché gli dei risveglieranno la montagna, affondando ricchi e poveri, buoni e malvagi, barbari e romani sotto un fiume di lava e una pioggia di cenere.

– “Felice chi è diverso”. Attraverso le parole dei giornali e le immagini di repertorio della televisione, viene raccontata la battaglia combattuta contro l’omosessualità in Italia nella seconda metà del novecento. Finita la repressione e il silenzio totale sulla questione degli anni fascisti, il paese scopre tutto insieme la presenza e la vita degli omosessuali, in una continua condanna che quando non prendeva la forma dell’attacco diretto o dell’insulto palese, era sottilmente indagata come la più infamante delle condizioni, la più deprecabile delle depravazioni umane. L’accettazione sociale dell’amore omosessuale e la sua normalizzazione sono una questione lessicale irrisolta per Gianni Amelio. È questa la prima e più importante intuizione sottesa a tutto quel che Felice chi è diverso costruisce, l’assunto che fonda un’impalcatura costituita da circa 20 interviste a 19 anziani omosessuali che ricordano la loro vita e (in un chiusura) ad un adolescente che non conosce che la situazione odierna.

– “La grande bellezza”, che vanta la regia di Paolo Sorrentino e un cast di grandi nomi tra cui Toni Servillo, Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Serena Grandi e Giorgio Pasotti. Scrittore di un solo libro giovanile, "L’apparato umano", Jep Gambardella, giornalista di costume, critico teatrale, opinionista tuttologo, compie sessantacinque anni chiamando a sé, in una festa barocca e cafona, il campionario freaks di amici e conoscenti con cui ama trascorrere infinite serate sul bordo del suo terrazzo con vista sul Colosseo. Trasferitosi a Roma in giovane età, come un novello vitellone in cerca di fortuna, Jep rifluisce presto nel girone dantesco dell’alto borgo, diventandone il cantore supremo, il divo disincantato. Re di un bestiario umano senza speranza, a un passo dall’abisso, prossimo all’estinzione, eppure ancora sguaiatamente vitale fatto di poeti muti, attrici cocainomani fallite in procinto di scrivere un romanzo, cardinali-cuochi in odore di soglio pontificio, imprenditori erotomani che producono giocattoli, scrittrici di partito con carriera televisiva, drammaturghi di provincia che mai hanno esordito, misteriose spogliarelliste cinquantenni, sante oracolari pauperiste ospiti di una suite dell’Hassler. Jep Gambardella tutti seduce e tutti fustiga con la sua lingua affilata, la sua intelligenza acuta, la sua disincantata ironia.

– “Dalla Buyers Club”. Ron Woodroof vive come se non ci fosse un domani, non credendo alla medicina ma professando solo la religione della droga e dell’alcol. La scoperta di non avere realmente un domani a causa della contrazione del virus HIV apre un calvario di medicinali poco testati e molto inefficaci, fino all’estrema soluzione di sconfinare in Messico alla ricerca di cure alternative. Lì verrà a conoscenza dell’esistenza di farmaci e cure più efficaci, ma non approvate negli Stati Uniti, che deciderà di cominciare ad importare e vendere a tutti coloro i quali ne abbiano bisogno, iniziando un braccio di ferro legale con il proprio paese. Nel percorso attraverso le fiamme costituito da un male lento e letale come quello portato dal virus HIV esiste un che di religioso. I più bigotti hanno individuato nella malattia a cui il virus porta (che essendo venerea si trasmette anche attraverso il sesso e che ha colpito molto gli omosessuali) una punizione divina per atteggiamenti contrari alla morale promulgata dalla Bibbia, Jean-Marc Vallée invece usa l’abisso dell’aspettativa di morte a causa dell’HIV per raccontare un percorso di santità. Ron Woodroof come i grandi santi dell’antico testamento parte dalla posizione più deprecabile, preda di tutti i principali vizi e colmo d’odio verso chiunque non sia come lui, ma la prossimità alla morte lo costringerà a rivedere la propria intolleranza e ad aprirsi a un commercio e una benevolenza verso il prossimo che sono la caratteristica portante della santità. Dunque, benchè Dallas buyers club sia assolutamente privo di metafore direttamente religiose, è innegabile il suo lavoro di ribaltamento di uno tra i più odiosi luoghi comuni omofobi, attraverso un eterosessuale che si apre al prossimo, facendosi portatore di salvezza e vita contro un sistema che sembra negarla.

-"Free Birds – Tacchini in fuga". Reggie non è stupido come gli altri tacchini della fattoria, non passa la vita a ingozzarsi di mais e a sperare di essere condotto al "Paradiso dei Tacchini": sa benissimo che da là non si torna indietro. La sua vita cambia il giorno in cui s’imbatte con Jake, fondatore del "Fronte per la liberazione dei tacchini", che vuole il suo aiuto per sfruttare un’invenzione avanguardistica del governo americano e andare indietro nel tempo, al 1621, per riscrivere per sempre la tradizione del Giorno del Ringraziamento, eliminando i tacchini dal menù.

– “Philomena”. Irlanda, 1952. Philomena resta incinta da adolescente. La famiglia la ripudia e la chiude in un convento di suore a Roscrea. La ragazza partorirà un bambino che, dopo pochi anni, le verrà sottratto e dato in adozione. 2002. Philomena non ha ancora rinunciato all’idea di ritrovare il figlio per sapere almeno che ne è stato di lui. Troverà aiuto in un giornalista che è stato silurato dall’establishment di Blair e che accetta, seppur inizialmente controvoglia, di aiutarla nella ricerca. Gli ostacoli frapposti dall’istituzione religiosa saranno tanto cortesi quanto depistanti ma i due non si perdono d’animo.

– “Belle e Sebastien”, incentrato sulla storia dell’amicizia tra il bambino e il cane protagonisti del cartone animato creato negli anni Ottanta.

– “A spasso con i dinosauri”. Patchi è un cucciolo di dinosauro erbivoro, gracile e pacifico, suo padre è il capo del branco e il suo fratello maggiore e spaccone è predestinato a seguirne le orme. I due si ritroveranno però ben presto orfani in una foresta incendiata attraversata durante la migrazione. Patchi non dovrà solo crescere in fretta ma anche prendere coscienza del fatto che per essere la guida del branco non è necessario solo battere fisicamente gli avversari ma anche essere in grado di assumersi le responsabilità delle decisioni più difficili.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.