BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Abia diventa Confai Bergamo In assemblea anche il rinnovo delle cariche

Si svolgerà domenica 9 marzo a Cologno al Serio, a partire dalle 10 in località Muratella, l'assemblea di Abia, l'associazione bergamasca dei contoterzisti agrari che ha all'ordine del giorno il rinnovo delle cariche sociali e alcuni importanti adeguamenti statutari.

Si svolgerà domenica 9 marzo a Cologno al Serio, a partire dalle 10 in località Muratella, l’assemblea di Abia, l’associazione bergamasca dei contoterzisti agrari che ha all’ordine del giorno il rinnovo delle cariche sociali e alcuni importanti adeguamenti statutari. Un’occasione anche per indagare sull’andamento dell’agricoltura bergamasca nel 2013 e sulle prospettive per l’anno in corso.

"Nell’ambito del consueto appuntamento annuale con i soci – spiega il numero uno di ABIA-Confai, Leonardo Bolis- voteremo una serie di modifiche statutarie finalizzate a sancire formalmente l’estensione della rappresentanza di Abia a tutti gli operatori del mondo agricolo, secondo i dettami dello statuto della Confederazione nazionale degli Agromeccanici e Agricoltori italiani, cui Abia aderisce. Per questo la nostra associazione assumerà definitivamente la denominazione di Confai Bergamo. In questo modo sarà potenziata la sinergia tra imprenditori agromeccanici e imprenditori agricoli all’interno dell’organizzazione".

Tra i temi oggetto del dibattito assembleare vi sarà la questione dell’accesso delle imprese agromeccaniche alle misure per lo sviluppo rurale: l’associazione auspica che questa opportunità si concretizzi soprattutto sul fronte di una partecipazione ad auspicabili interventi in favore della meccanizzazione agricola. 

Dall’esame del testo del recente regolamento Ue per l’agricoltura  emergerebbe per gli agromeccanici la possibilità di beneficiare fin d’ora di alcuni interventi del Piano di sviluppo rurale, con particolare riferimento alle misure per la formazione, per la cooperazione di filiera e per la creazione di imprese extra agricole nei territori rurali. Tuttavia questo non appare affatto sufficiente per i contoterzisti bergamaschi, che ora chiedono al ministero delle Politiche agricole che si faccia qualche passo avanti anche sul piano nazionale. 

"Pur valutando positivamente queste opportunità, peraltro ancora da confermare – dichiara Bolis – , riteniamo tuttavia che non si possa ora perdere l’occasione per un più pieno riconoscimento del ruolo del contoterzismo agrario nel settore primario. Detto con estrema franchezza, non riteniamo corretto che l’ingresso degli agromeccanici italiani nella politica agricola europea e nazionale avvenga attraverso la "porta di servizio" e in modo del tutto marginale, mentre la stessa Unione Europea ha ormai da tempo classificato l’attività agromeccanica con il cosiddetto codice europeo ATECO 2007, che designa le attività di carattere agricolo". 

Più ottimistiche le prospettive sul fronte regionale. "Dobbiamo ammettere che l’amministrazione regionale lombarda ha riconosciuto da tempo il ruolo delle imprese agromeccaniche in agricoltura – fa notare Enzo Cattaneo, direttore di Abia-Confai – ed è ora schierata a fianco delle nostre imprese per l’ottenimento di una serie di strumenti giuridici e di politica agraria che possano rendere ancora più efficace l’apporto della categoria al settore primario". 

In Lombardia, lo ricordiamo, alle imprese agromeccaniche è consentito di realizzare su terreni agricoli le strutture necessarie allo svolgimento del proprio lavoro. "Si tratta di una misura improntata ad equità – osserva Cattaneo -, che va nella direzione di un giusto riconoscimento del ruolo propriamente agricolo svolto dalle imprese agromeccaniche. Tale funzione è peraltro stata ribadita con l’istituzione da parte della giunta regionale lombarda dell’Albo delle imprese agromeccaniche"

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.