BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In moto contro un camion muore centauro 41enne in via Monte Gleno fotogallery

Poco prima delle 15 di mercoledì 5 marzo è avvenuto un gravissimo incidente a Bergamo in via Monte Gleno. Massimo Vismara, impiegato all'Orobica Pesca, avrebbe perso il controllo della sua moto e avrebbe urtato la parte finale di un camion rimorchio, caduto rovinosamente a terra ha perso la vita. La vittima è Massimo Vismara di Seriate.

Più informazioni su

Poco prima delle 15 del pomeriggio di mercoledì 5 marzo è avvenuto un gravissimo incidente a Bergamo, in via Monte Gleno, vicino al campo Coni.

Secondo una prima ricostruzione della polizia locale, un motociclista 41enneMassimo Vismara (nella foto) – in sella ad una Suzuky 1000 in curva avrebbe cercato di frenare e avrebbe perso il controllo.

La moto avrebbe sbandato finendo contro la pedana di un camion rimorchio che viaggava in senso contrario, diretto al quartiere della Celadina. Il 41enne, impiegato all’Orobica Pesca, sposato con Lorenza in attesa di un bimbo che dovrebbe nascere fra un paio di settimane e già papà di un bambino di 8 anni, è stato sbalzato dalla sella ed è finto a terra, un colpo violentissimo.

Immediato l’intervento del 118, sul posto i medici con un’ambulanza e un’automedica hanno tentato di rianimare il motociclista per oltre trenta minuti, ma il cuore del 41enne ha ceduto a causa dei traumi riportati nella caduta. 

Per i rilievi del caso gli agenti della Polizia locale di Bergamo e della polizia: la via è stata chiusa al traffico per permettere prima i soccorsi e poi la rimozione della vittima. Massimo Vismara abitava in via Partigiani a Seriate e stava rientrando al lavoro dopo la pausa pranzo.

IL CONSIGLIERE PAGANONI: "VIA GLENO PERICOLOSA"

L’incidente mortale in via Gleno apre di nuovo la discussione sulla sicurezza stradale. Il consigliere comunale Simone Paganoni, Lista Bruni, afferma: "Grave, molto grave la responsabilità politica dell’assessore alla mobilità Gianfranco Ceci per l’incidente mortale avvenuto in via Gleno. Nel gennaio del 2010, oltre quattro anni fa, presentai una richiesta di messa in sicurezza di quella via. In quelle settimane, infatti, un ragazzo della squadra under 16 di Rugby era stato investito senza riportare, fortunatamente, gravi conseguenze. L’interpellanza chiedeva la messa in sicurezza della strada proprio per evitare il ripetersi di incidenti magari anche più gravi. Nonostante le promessa dell’Assessore di risolvere in tempi “medio-brevi”, parole testuali riprese dal verbale, l’immobilismo della Giunta Tentorio non ha permesso alcun tipo di messa in sicurezza della strada e questo nonostante siano passati oltre 4 anni da quella richiesta. La sicurezza delle strade, in particolare di quelle frequentata quotidianamente da centinaia di ragazzi non può essere sempre rimandata, ma deve essere sempre garantita".

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.