BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al congresso del Ppe il senatore di Bergamo Enrico Piccinelli

Silvio Berlusconi non potrà esserci perché i giudici gli hanno negato l'espatrio, ci sarà invece il senatore bergamasco Enrico Piccinelli: farà parte della delegazione di Forza Italia che parteciperà al Congresso del Partito Popolare Europeo, il 6 e il 7 marzo a Dublino, al Convention Centre.

Più informazioni su

Silvio Berlusconi non potrà esserci perché i giudici gli hanno negato l’espatrio, ci sarà invece il senatore bergamasco Enrico Piccinelli: farà parte della delegazione di Forza Italia che parteciperà al Congresso del Partito Popolare Europeo, il 6 e il 7 marzo a Dublino, al Convention Centre.

Unico esponente di Bergamo, città roccaforte del cattolicesimo popolare italiano, fra i parlamentari e Eurodeputati di Forza Italia presenti al fitto programma di incontri sulle Elezioni Europee di maggio, durante i quali verrà deciso il programma elettorale e si sceglierà un candidato del PPE per la presidenza della Commissione Ue.

Due giorni durante i quali i membri della famiglia del PPE, provenienti da tutta Europa, avranno l’occasione per fare il punto sull’attuale situazione e riflettere sul futuro dell’Unione Europea. "La crisi Ucraina – dichiara il Senatore Enrico Piccinelli – purtroppo ha confermato i limiti di un’Europa unita solo sulla carta, che erano già emersi dolorosamente in questi lunghi anni di stallo economico. Occorre che al più presto i Paesi dell’Unione sappiano cercare un’integrazione reale che trasformi gli europei in cittadini protagonisti attivi a tutti gli effetti di questo processo e non in una specie di sudditi. Solo la ripresa di una forza popolare, che affonda le radici nelle tradizione europea cristiana e cattolica, può raggiungere un obiettivo di tali dimensioni. È dall’interno del Partito Popolare Europeo che si può lavorare e aiutare a sottrarsi dal dominio delle banche e dei circuiti finanziari che costituiscono una sorta di governo ombra".

"Dobbiamo promuovere un’Europa unita – continua Piccinelli – che garantisca l’occupazione e che crei un reale mercato europeo del lavoro. Dobbiamo consentire ai giovani una maggiore libertà di circolazione rispettando così uno dei principi fondamentali dell’Unione europea. Se l’Europa ritroverà velocemente la sua unità, potrà avere una credibilità reale per poter essere protagonista a livello mondiale delle scelte più rilevanti che condizioneranno il nostro futuro".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tiziano gaudenzi

    Enrico ,impara e abbi la coerenza di tuo padre!

  2. Scritto da marco

    ahahahhahahaahahahahhaahhah