BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Bce ottimista: Mario Draghi vede il bicchiere mezzo pieno

Vede il bicchiere mezzo pieno, e finalmente, il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi che al parlamento di Bruxelles ha commentato il lento cammino della ripresa, con un discorso improntato all'ottimismo. Cauto. "L'Eurozona sta andando nella giusta direzione" ha affermato il numero uno dell'istituto di Francoforte.

Più informazioni su

Vede il bicchiere mezzo pieno, e finalmente, il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi che al parlamento di Bruxelles ha commentato il lento cammino della ripresa, con un discorso improntato all’ottimismo. Cauto. "L’Eurozona sta andando nella giusta direzione" ha affermato il numero uno dell’istituto di Francoforte.

Per Draghi "contrariamente al pallido quadro che molti dipingono, la zona euro è in una forma migliore rispetto all’inizio della legislatura di questo parlamento. Quattro anni dopo la prima richiesta di aiuto finanziario di un Paese, possiamo dire che il peggio è passato, la volontà politica di tutti quelli coinvolti è stata forte abbastanza da difendere l’integrità dell’Eurozona e molti sottovalutano questa volontà", ha detto il presidente della Bce.

Il traguardo di un piano comunitario che consenta di arrivare alla crescita collettiva dei Paesi membri, secondo Draghi, è diventato una delle priorità della zona euro: "Gli squilibri arretrano e si gettano le basi per il rafforzamento di competitività e crescita specialmente nei Paesi sotto programma, che hanno compiuto sforzi notevoli per consolidare i bilanci e riparare il settore finanziario".

Draghi ha tuttavia evidenziato come inevitabilmente esistano diversi aspetti economici su cui occorre mantenersi vigili, in primis il settore lavorativo: "Troppo presto per dire missione compiuta, i cittadini soffrono dell’aggiustamento, la disoccupazione è ancora troppo elevata, gli Stati devono correggere gli squilibri, ma si può disegnare un consolidamento amico della crescita mentre le riforme rafforzeranno il potenziale".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luigi

    Eh, beh, che le banche vedano il bicchiere mezzo pieno (ma anche tutto pieno) ci era noto… Bravo Draghi. Intanto le banche, a chi è sotto di un miliardo di euro (sorgenia – de benedetti) concedono anche il 50% di scoperto in più. Provate voi ad andare sotto di 10 euro e a chiedere credito…. Mondo di cialtroni!!!