BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Formigoni rinviato a giudizio: corruzione e associazione a delinquere

Dopo cinque ore di camera di consiglio, il giudice dell'udienza preliminare Paolo Guidi ha deciso per il rinvio a giudizio dell'ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e altri nove imputati dell'inchiesta sui presunti fondi neri della clinica Maugeri.

A processo. Per corruzione e associazione a delinquere. Roberto Formigoni è stato rinviato a giudizio per il caso Maugeri. 

Dopo cinque ore di camera di consiglio, il giudice dell’udienza preliminare Paolo Guidi ha deciso per il rinvio a giudizio dell’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e altri nove imputati dell’inchiesta sui presunti fondi neri della clinica Maugeri.

Andranno così a processo oltre all’attuale senatore del Nuovo Centrodestra, accusato di associazione per delinquere e corruzione, anche il faccendiere Pierangelo Daccò, già condannato a 10 anni per il crack dell’ospedale San Raffaele, l’ex assessore regionale Dc Antonio Simone, l’ex direttore generale della Sanità lombarda Carlo Lucchina, l’ex direttore amministrativo della fondazione Maugeri Carlo Passerino e altre sei imputati tra funzionari e manager sanitari. Anche loro dovranno rispondere di associazione a delinquere e corruzione.

Altri sette imputati, invece, hanno trovato l’accordo con la procura per patteggiare pene tra uno e tre anni. Uno solo degli indagati è stato prosciolto.

Le accuse dei pubblici ministeri I favori di Formigoni alla Maugeri Le delibere preparate alla Fondazione Maugeri Formigoni conosceva i conti La vacanza ai Caraibi a spese di Daccò.

Ad attendere la decisione del gup, c’erano al settimo piano di Palazzo di Giustizia, Carlo Lucchina, Antonio Simone, e la sua ex moglie, Carla Vites, anche lei indagata per riciclaggio per l’acquisto di un appartamento, più tardi è arrivato in aula anche Pierangelo Daccò.

Per i pm Laura Pedio e Antonio Pastore, Formigoni avrebbe garantito "protezione globale per la Maugeri, a fronte di illecite remunerazioni", e si sarebbe dato da fare "affinché fossero adottati da parte della Giunta" provvedimenti ad hoc, anche in violazione dei doveri di "esclusivo perseguimento dell’interesse pubblico". Un trattamento di favore che avrebbe garantito alla clinica pavese finanziamenti regionali per circa duecento milioni di euro.

Un enorme flusso di denaro, in cambio del quale Formigoni avrebbe ricevuto una serie di "utilità economiche" che la procura ha dettagliatamente elencato nel corso dell’udienza preliminare: vacanze ai Caraibi, viaggi aerei per oltre 18 mila euro, l’uso esclusivo di uno yacht dal giugno 2007 all’ottobre 2011, un mega sconto per l’acquisto di una villa in Sardegna.

Le indagini contabili della procura hanno inoltre individuato "tre flussi finanziari". Il primo, dalle casse della Maugeri ai conti anche esteri di Daccò e Simone. Il secondo è stato individuato dai pm Pedio e Pastore nei pagamenti di Daccò e Simone per garantire le utilità a l’ex presidente Formigoni. Il terzo flusso finanziario è indicato sotto la voce "funzioni non tariffabili" erogate con delibere di Giunta dalla Regione dal 2002 al 2011 nei confronti della Maugeri e del San Raffaele.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da muradur

    E’ sempre stato un galantuomo, ha fatto tanto per la lombardia , ma …………………………………………………..Tanti Lo detestano !

  2. Scritto da Giovanni Brembilla

    Un tumore all’intestino, tre operazioni all’ospedale pubblico di Bergamo (e non nella clínica privata dei fighetti!) e tutto a spese della regione Lombardia, grazie alla sanità lombarda del governo di Formigoni. Grazie Roberto! Gianni.

    1. Scritto da 7tte

      Ringrazi chi li cura. E basti.

  3. Scritto da nino cortesi

    Eppure continua a fare il gradasso.
    L’ha fatto per qualche santo per sentirsi tanto tranquillo?

    1. Scritto da gigi

      appunto, il suo comportamento spavaldo e arrogante fa a pugni con la sua fede cattolica continuamente sbandierata