BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Disservizi e ritardi, ammessa class action contro Trenord

La Corte d'Appello di Milano ha accolto l'azione collettiva promossa da Altroconsumo nei confronti di Trenord, la societa' ferroviaria unica della Lombardia per il trasporto dei pendolari. Lo si legge in una nota in cui viene indicato che, in base al meccanismo della 'class-action', ''migliaia di pendolari hanno diritto di far valere i loro diritti e chiedere di essere risarciti per i disservizi gravissimi subiti per oltre quindici giorni nel dicembre 2012''.

Più informazioni su

La Corte d’Appello di Milano ha accolto l’azione collettiva promossa da Altroconsumo nei confronti di Trenord, la societa’ ferroviaria unica della Lombardia per il trasporto dei pendolari. Lo si legge in una nota in cui viene indicato che, in base al meccanismo della ‘class-action’, ”migliaia di pendolari hanno diritto di far valere i loro diritti e chiedere di essere risarciti per i disservizi gravissimi subiti per oltre quindici giorni nel dicembre 2012”.

In quelle due settimane – ricorda Altroconsumo – ”il sistema di trasporto su rotaie ando’ in tilt, con treni cancellati, sovraffollati, corse dirottate, ritardi epocali, trasbordi da un treno all’altro, mancanza di informazioni a effetto valanga su utenti inermi”. Il Movimento ha gia’ raccolto 10.000 preadesioni all’azione risarcitoria, ma sono circa 700.000 i pendolari lombardi coinvolti. Secondo il presidente di Altroconsumo Paolo Martinello ”la Corte d’appello ha colto in pieno la natura e gli scopi della class-action, dando un futuro a questo importante strumento di tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti”.

Con la propria decisione, la Corte d’Appello ha ritenuto che ”il mancato funzionamento del software di gestione ed organizzazione del servizio adottato da Trenord abbia causato disservizi analoghi e comuni a tutti gli utenti colpiti”, i quali, spiegano ad Altroconsumo, ”dovranno essere valutati e risarciti in un unico processo, secondo quanto previsto dall’art.140 bis del codice de consumo”. Il danno richiesto e’ pari a 4 mesi d’abbonamento della tratta utilizzata da ogni singolo pendolare che ha aderito all’azione collettiva.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario

    finitela di prenderci in giro, siamo esasperati, personalmente mi sento disgustato di come ci trattate, la sporcizia regna sempre più, siamo ammassati come formiche, treni sempre in ritardo per coprire un breve tratto di circa 40Km, Bg-Mi , stazione piene di disperati, sporcizia ovunque, Voi continuate a fregarvene, RIFIUTIAMOCI D’Ora in Poi TUTTI di PAGARE per questi disservizi e per la Vostra continua indifferenza