BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calcio e discriminazione In campo con turbante e velo: ora si può

L'International Football Association Board, l'organo legislatore del calcio, abbatte un nuovo muro nel campo della discriminazione: le donne potranno scendere in campo con l'hijab mentre agli uomini sarà consentito indossare un turbante.

Più informazioni su

Le donne potranno indossare l’hijab, gli uomini il turbante: l‘International Football Association Board, l’organo legislatore del calcio, abbatte un nuovo muro nel campo della discriminazione approvando, nella 128esima riunione della sua storia, il cambio di regola che era stato sollecitato da una comunità sikh canadese e già sperimentato nel calcio femminile.

Sul tavolo della discussione c’erano anche altri temi caldi: si parlava di tripla sanzione, moviola ed espulsione a tempo ma per nessuno dei tre era prevista una decisione. In particolare sulla moviola in campo c’è ancora tanto scetticismo: ciò che manca, da questo punto di vista, è l’elemento tecnologico che possa permettere al gioco di continuare.

Un piccolo spiraglio, quantomeno nel campo della sperimentazione, per l’espulsione a tempo, sponsorizzata soprattutto dal presidente della Fifa Joseph Blatter. Un “no” dal Board, almeno momentaneo, per quanto riguarda l’abolizione del cartellino rosso in caso di fallo che eviti una chiara occasione da rete.

In vista dell’imminente Mondiale brasiliano, invece, è stata introdotta una regola importante: dal primo giugno sarà vietato mostrare scritte o immagini sotto la divisa da gioco.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lotty

    I simboli religiosi tanto evidenti non devono mai essere permessi nei luoghi pubblici dello sport,della scuola, ecc. La fede in una religione è un fatto privato e la devozione si manifesta nei luogi preposti..

    1. Scritto da Luigi

      A dire il vero, per una super laica come te (e come me), non dovrebbe proprio sfiorarti minimamente il fastidio di ciò che per credenze religiose esibiscono gli altri. Per me sono comunissimi gingilli di bigiotteria o di oreficeria e basta, e non mi turbano affatto!

      1. Scritto da lotty

        Non mi danno fastidio, mi fa star male il condizionamento che sta dietro a questi simboli, tu sai bene che significato ha il velo per le donne. Mi dispiace per loro.

    2. Scritto da lotty

      Luoghi, naturalmente.

  2. Scritto da depaoli

    per voi e una vittoria contro la discriminazione ??? e il contrario, ancora una differenza tra la gente…. Invece e sempre vietato portare una catena con una crocce per i cristiani …..???