BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vanalli a Hidrogest: “Sulla fusione con Uniacque si confronti con i soci”

Il sindaco di Pontida Pierguido Vanalli invita il Consiglio di Amministrazione della società Hidrogest spa a partecipare, sabato 1 marzo, ad un'assemblea forse decisiva per il futuro della società: “Momento critico, quali impegni precedentemente assunti gli impediscono di partecipare?”.

Più informazioni su

Il sindaco di Pontida Pierguido Vanalli invita il Consiglio di Amministrazione di Hidrogest spa a partecipare, sabato 1 marzo, ad un’assemblea forse decisiva per il futuro della società: “Momento critico, quali impegni precedentemente assunti gli impediscono di partecipare?”.

In questi giorni si fa un gran parlare nell’Isola Bergamasca della questione “acqua pubblica” con riferimento alla recente sentenza del TAR Brescia che di fatto obbligherebbe la società Hidrogest spa a confluire nella società Uniacque spa.

Premesso che l’acqua essendo “pubblica” continua a rimanere tale qualunque società, sia di livello locale che di livello provinciale, gestisca il servizio idrico, è indubbio che il passaggio (o meno) di tale servizio da un gestore ad un altro debba essere attentamente valutato.

Innanzitutto esiste una normativa di riferimento alla quale è necessario attenersi, ed il TAR sembra aver indicato tale obbligo, ma esiste anche la necessità da parte delle società pubbliche di fare l’interesse pubblico. A mio avviso, in questo caso, l’interesse pubblico l’avevano indicato i sindaci bergamaschi che nella quasi totalità hanno aderito all’ATO prima, ed hanno costituito poi la società Uniacque, affinché gestisse il servizio idrico integrato dell’intera provincia.

Sempre a mio avviso, Hidrogest avrebbe dovuto impegnarsi affinché la creazione di un’unica società provinciale avvenisse con il proprio contributo, garantendo la professionalità e capacità del proprio personale, valorizzando la buona gestione e lo stato di efficienza della rete che nel tempo ha realizzato, e non opponendosi a prescindere, quasi a voler difendere esclusivamente il proprio orticello.

Premesse a parte, ho colto con favorevole sorpresa l’invito a partecipare ad un’assemblea straordinaria che la società Unica Servizi spa (che controlla Hidrogest spa) ha esteso, oltre che ai comuni soci, anche al presidente di Hidrogest spa, al Consiglio di Sorveglianza, al Consiglio di Gestione, ed ai sindaci soci di Hidrogest ma non di Unica (come il sottoscritto). Oggetto dell’assemblea di sabato prossimo, è una discussione in merito alla citata sentenza del TAR e un incontro tra Hidrogest ed Uniacque per l’apertura di un tavolo di trattativa unione delle due società.

Con mio grande disappunto, oggi (giovedì 27 febbraio ndr), il presidente di Hidrogest, comunica che per "..impegni precedentemente assunti" ne lui ne altri del Consiglio di Amministrazione potranno presenziare alla assemblea, ma saranno disponibili “.. ad un ulteriore confronto nelle sedi opportune”.

Ma come, per anni la battaglia principale del Consiglio di Amministrazione di Hidrogest è stata “resistere” “resistere” “resistere”, e adesso che la società potrebbe essere costretta a chiudere e i soci vorrebbero capire bene cosa è successo e pianificare il futuro, non è possibile avere un confronto per "..impegni precedentemente assunti"?? Ma quali altri impegni ci possono essere di più urgenti, importanti e non rimandabili che impediscono al CDA di essere presente di sabato mattina, per confrontarsi con i propri soci, quei soci sempre lusingati, quando faceva comodo, con “..siete voi sindaci, i proprietari della società”.

Bene, penso che i “proprietari della società” abbiano il diritto di pretendere che il Consiglio di Amministrazione sabato sia presente, e il CDA dovrebbe sentire il dovere di esserci, non fosse altro che per rassicurare che in questi anni non ha preso in giro i cittadini che i sindaci rappresentano.

Nella speranza di incontrarci sabato 1 marzo,

cordialità

Il sindaco di Pontida Pierguido Vanalli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da annacquato

    Caro Vanalli, ma se i sindaci leghisti non si presentano mai all’assemblea dei soci e delegano tutto alla presenza di uno! questo è rispetto per i propri cittadini? e poi…il problema non è la tariffa…ma il modello gestionale che non funziona! e poi basta annunci elettorali…dove è il presidente della provincia e dell’ATO su…parliamo di cose concrete…andiamo a vedere i conti in trasparenza e poi ne parliamo magari anche davanti ai cittadini!

  2. Scritto da Pierangelo

    Assolutamente d’accordo con Irene. Tanto di cappello agli altri sindaci leghisti dell’Isola che con onestà intellettuale e coerenza difendono gli interessi dei loro cittadini e del territorio che rappresentano, a differenza del sindaco “romano” Vanalli.

  3. Scritto da Angioletti

    Sembra che abbiano più valore le lettere firmate qua e la e i volantini del PD che non le legittime votazioni in assemblea!

  4. Scritto da Il gipeto

    Dovranno anche spiegare a chi gli chiedera’ il conto come hanno potuto continuare a gestire il servizio che gli stessi sindaci soci sia di hidrogest che di uniacque hanno deciso di affidare ad uniacque…perche’ prima o poi qualcuno chiedera’ il conto non solo a hidrogest ma anche ai sindaci…

    1. Scritto da Irene Bruscolo

      Quando ci sarà la certezza che con Uniacque la tariffa non sarà superiore e che lo stato patrimoniale sarà paragonabile a quello attuale di Hidrogest, allora tutti felici insieme in Uniacque. Prima, mi dispiace, no… Una volta tanto ragioniamo in modo pragmatico e non seguiamo direttive del partito di turno al potere (in questo caso quello che esprime il governo della Provincia…)

      1. Scritto da roberta

        “la certezza che la tariffa non sarà superiore”? MA DI COSA STIAMO PARLANDO?!?!?!
        1 euro al metro cubo significa che un litro 0,001 € (cioè 0,1 centesimo, pari a 2 vecchie lire).
        Ma anche se RADDOPPIASSE la tariffa, dove sta il problema? L’acqua al supermercato costa 150 VOLTE DI PIU’. Quindi ogni finta polemica sulla tariffa è volutamente pretestuosa.