BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Congresso Fiom, aggredito il segretario Cgil Bresciani: uova in faccia

Il segretario della Cgil di Bergamo Luigi Bresciani è stato aggredito al congresso della Fiom in corso ad Albino. Dalla prima fila un delegato della Brembo appartenente alla Rete 28 Aprile (aderente alla mozione a firma Giorgio Cremaschi), lo ha apostrofato con pesanti insulti e l'accusa di aver 'venduto' i lavoratori per poi aggredirlo lanciandogli un uovo sul volto. Bresciani, rimasto lievemente contuso al labbro, dopo essere stato medicato, e' tornato alla presidenza e ha preso la parola per svolgere regolarmente il suo intervento.

Il segretario della Cgil di Bergamo Luigi Bresciani è stato aggredito al congresso della Fiom in corso ad Albino. Dalla prima fila un delegato della Brembo appartenente alla Rete 28 Aprile (aderente alla mozione a firma Giorgio Cremaschi), lo ha apostrofato con pesanti insulti e l’accusa di aver ‘venduto’ i lavoratori per poi aggredirlo lanciandogli un uovo sul volto. Bresciani, rimasto lievemente contuso al labbro, dopo essere stato medicato, e’ tornato alla presidenza e ha preso la parola per svolgere regolarmente il suo intervento.

Quando la situazione e’ tornata alla normalita’, dell’autore del gesto, contestato anche da alcuni partecipanti al congresso, non c’era piu’ traccia. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Albinoa riportare la calma.

Bresciani, leader della Camera del Lavoro di Bergamo ha così commentato l’accaduto: "Si tratta di un atto isolato, fortunatamente, che però la dice lunga sul clima inqualificabile di tensione tra una parte della Fiom e il restod ela Cgil".

Nel condannare con forza l’aggressione e nel confermare a Luigi Bresciani tutta la solidarieta’ della sua organizzazione, la CGIL nazionale, la CGIL Lombardia e la Camera del Lavoro di Bergamo esprimono la "piu’ profonda preoccupazione per il crescendo, che rischia di diventare incontrollabile e di offuscare il valore democratico del confronto e del dibattito congressuale in corso, di episodi di vera e propria provocazione che vanno isolati, colpiti, banditi dalla vita della CGIL". Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Albino per riportare la calma

Come ha dichiarato lo stesso aggredito, il fattaccio è un segno inequivocabile della tensione tra la Cgil e la Fiom. I metalmeccanici non accettano il testo unico sulla rappresentanza sottoscritto dalla Cgil. La consultazione degli iscritti  sull’accordo si terrà a marzo. Ma, come previsto alla vigilia, rappresenterà l’ennesimo strappo interno alla Cgil. La Fiom, infatti, si prepara a disertare quel voto le cui modalità Maurizio Landini ritiene “inaccettabili”. 

"A nome della segreteria Fiom Lombardia oltre che a titolo personale condanno quanto accaduto oggi al congresso della Fiom Bergamo nei confronti del Segretario generale Gigi Bresciani – è il commento di Mirco Rota, segretario regionale della Fiom -. Nel confermare stima e solidarietà nei suoi confronti, ribadisco che l’atto commesso nei suoi confronti non solo e’ gravissimo ma non ha nulla a che vedere con la storia del nostro sindacato e delle compagne e dei compagni che tutti i giorni nei luoghi di lavoro si impegnano per i diritti di chi lavora.

IL DOCUMENTO DELLA CGIL – “I segretari generali delle categorie e i responsabili dei servizi e delle associazioni della CGIL ESPRIMONO piena solidarietà al segretario generale della CGIL di Bergamo Luigi Bresciani per la vergognosa aggressione subita questa mattina durante lo svolgimento del congresso FIOM, aggressione contraria alla storia e agli ideali della CGIL, dove anche il più animato confronto di idee non è mai degenerato in aggressioni fisiche contro un nostro dirigente.

ESPRIMONO il proprio convinto appoggio all’importante azione di rappresentanza ed elaborazione svolta in questi anni da Luigi Bresciani, al quale vengono ribaditi il sostegno e la stima di tutta l’organizzazione.

RITENGONO che il clima di tensione che ha alimentato questo e precedenti episodi, debba essere al più presto superato.

Per questo RICHIAMANO tutti ad un confronto improntato al rispetto reciproco.

RITENGONO opportuno sottolineare come un comportamento simile richieda l’adozione immediata di un provvedimento di espulsione dall’organizzazione dell’autore del gesto inqualificabile”.

Hanno fino ad ora sottoscritto: Segretari di categoria Angelo Chiari (segretario FELLEA) Gianni Peracchi (segretario SPI) Marco Brumana (segretario FP) Mina Nava (segretaria FISAC) Luca Stanzione (segretario FILT) Valentina Cappelletti (segretario FILCTEM) Tobia Sertori (segretario FLC) Errico Giuseppe (segretario NIDIL) Marcello Bertazzoni (segretario SLC) Francesca Seghezzi (segretario FLAI) Romeo Lazzaroni (segretario FILCAMS) Responsabili Servizi e Associazioni Orazio Amboni (Terza Università, Proteo) Marco Toscano (SOL, Toolbox) Pierfranca Longoni (Sportello Genitori) Annalisa Colombo (Segretariato Sociale) Severo Capelli (INCA) Pietro Roberti (SUNIA)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da daniela pedercini

    Non conosco la situazione della FIOM e non giudico. Sorrido però nel leggere gli appelli al “confronto improntato al rispetto reciproco”. E sorrido ancor di più a leggere certi nomi dei sottoscrittori. Circa l’espulsione…è un segno di debolezza, sempre. Un gesto violento non meno dell’uovo lanciato.Triste. E non mi meraviglia

  2. Scritto da Lello

    SOLIDARIETA’ ALLA FIOM, ultimo baluardo del lavoro dipendente.

    1. Scritto da Eugenio

      Siete rimasti al medioevo….i sindacati europei sono mille anni avanti la fiom….

  3. Scritto da kinder

    La fine della triplice . Nessuno e’ eletto democraticamente tutti cooptati poi imposti per l’eternita. Mentre Silvio B e’ sempre stato eletto. Finito il tempo delle cinghie di trasmissione tra partiti e sindacati. Se Renzi vuole entrare nella storia tolga tutti gli aiuti a queste organizzazioni.

    1. Scritto da doctor

      kinder di nome e di fatto!

    2. Scritto da gio

      Silvio B eletto? ma certo, anche condannato alla galera, ma in galera ancora non ci sta, mentre la triplice ha ancora milioni e milioni di tessere volontariamente e democraticamente sottoscritte per esistere e combattere anche quelli che evadono, corrompono, rubano, abusano del loro potere e ancora non sono in galera….

      1. Scritto da kinder

        Grazie al 730 e i poveri pensionati che firmano una delega a vita!

  4. Scritto da angelo

    Solidarietà a Luigi Bresciani. I commenti che ho letto qui sopra non appartengono alla cultura e alla pratica sindacale. Probabilmente sono scritti da persone che hanno fatto il filo e votato, per vent’anni, Berlusconi (vera causa e conseguenza del malandare di oggi) e ora trovano nel sindacato il capro espiatorio. Ma vi ricordate che la CGLL è stata esclusa per quasi vent’anni dalle trattative? E’ la memoria che ci manca, diobono!

    1. Scritto da lavoratore stanco

      assolutamente solidarieta a bresciani. mi spiace dirlo ma le responsabilità di questo gesto e di quelli simili avvenuti negli anni passati vanno cercati in casa fiom. per anni la fiom ha scelto l’isolazionismo e ha coltivato odio nei luoghi di lavoro.i risultati purtroppo sono sotto gli occhi di tutti. andrebbero cacciati i dirigenti prima che i delegati.

      1. Scritto da mario59

        Semplice, per non seminare odio basta prendere la strada meno impervia e fare tutto quello che vogliono i padroni e la CISL, negli anni passati la CGIL era coerente e difendeva i lavoratori.. ora segue la linea del PD che ormai di sinistra non ha più nulla..non a caso si è riappacificata anche con la CISL..ripeto a mettersi d’accordo con le controparti ci vuole poco..basta fare quello che va bene a loro..ma a sto punto si può fare a meno anche del sindacato..basta dire sempre signor si.

        1. Scritto da lavoratore stanco

          Tu sei fermo al 1800… Rassegnati sei quasi solo

  5. Scritto da Luca

    VERGOGNA. LA FIOM SE NE VADA DALLA CGIL

    1. Scritto da mario59

      Ah si… e perchè allora non è la CGIL ad estromettere la FIOM
      Dai Luca faccia il bravo…dopo di che, io mi auguro che la FIOM non ceda ai ricatti della CGIL piuttosto come auspica lei, è meglio che se ne vada da sola

  6. Scritto da Gaetano Bresci

    certo che sentire parlare di democrazia chi ormai è complice del nuovo ordine demo/fascio/stalinista che si vuole imporre ai lavoratori ed alla parte subordinata della società per favorire i ricconi ed i loro amici…! un rimbrotto al lavoratore arrabbiato: non si spreca cibo in questo modo.

  7. Scritto da Pippo

    Pur condannando il gesto non si può negare che nella cgil la democrazia non esiste più (come nel pd del resto).
    Imposizione di scelta del documento 1 ai delegati, figuriamoci ai lavoratori, denigrazione ed emarginazione delle minoranze, elezioni con liste bloccate…e chi più ne ha più ne metta.
    Parlo per esperienza vissuta.

    1. Scritto da gio

      io ho altre esperienze, in anni di sindacato, molto ma molto democratiche ed elettive, ma di certo tu ambisci alla democrazia grillina….auguri; ne vedrai delle belle

      1. Scritto da Pippo

        Puoi aver avuto le più belle esperienze democratiche del mondo ma le cose posso cambiare. Quello che oggi si vede è un gruppo dirigenziale che ha fallito, che non lo ammette e che cerca di sopravvivere auto-tutelandosi ed escludendo le minoranze.

  8. Scritto da mario59

    Non mi schiero mai a favore di chi usa violenza per difendere le proprie idee e i propri diritti, purtroppo questi fatti finiscono per essere strumentalizzati negativamente nei confronti di chi ha tutte le ragioni del mondo di ribellarsi a un sindacato la CGIL pienamente nelle mani del PD che è nelle mani di Renzi, quindi della destra.
    Spero che la FIOM si stacchi dalla CGIL e continui come ha fatto fin’ora a difendere i diritti di chi lavora, ma anche di chi il lavoro lo ha perso.

    1. Scritto da Revisionista?

      La CGIL, nel suo artificioso sillogismo, adesso sarebbe di destra? O lei non sa cosa sia la destra (e, se guida l’auto, potrebbe risultarle pericoloso), oppure e’ in assoluta malafede. Guardi che non si possono cambiare le carte in tavola a seconda del proprio comodo: la CGIL fa schifo ed e’ di sinistra, perche’ e’ la sinistra che fa schifo. Se ne faccia una ragione: la nostalgia gioca brutti scherzi!

      1. Scritto da mario59

        Da quanto ha scritto si evidenzia che lei non sa cosa sia la sinistra, pertanto è presumibile pensare facendo riferimento al suo esempio, che il pericolo alla guida sia lei.
        Dopo di che per lei fa schifo la sinistra e per me fa schifo la destra, che fa una politica a favore di chi ha tanti quattrini, mentre il PD e purtroppo ultimamente anche la CGIL sono peggio anche della destra, perchè si dichiarano di sinistra, ma nei fatti sono come se non addiruttura peggio della destra.

      2. Scritto da Pippo

        Sicuramente è difficile collocarla a sinistra quando è pro TAV, quando non fa niente contro la riforma Fornero, ecc…

  9. Scritto da Mario

    i sindacati si sono sempre schierati per i Lavoratori, non dimentichiamolo !

    1. Scritto da Sparvieros

      Mah, forse fino a vent’anni fa…erano schierati in toto dalla parte dei lavoratori, oggi non saprei.. e forse qualcosa è cambiato..

      Sono convinto che il clima di odio e di scontro in generale sono conseguenza di un certo berlusconismo fascistizzante..

    2. Scritto da mario59

      Dipende quali sindacati…spesso e volentieri certi sindacati hanno svenduto i diritti dei lavoratori conquistati con anni e anni di dure lotte.

    3. Scritto da alex

      Non direi osservando quanto fa la Camsso, più correttamete direi quasi sempre.

    4. Scritto da lotty

      Scusa, non ho capito se stai con la cgil o con la fiom. Io condanno il gesto ma sto con la fiom.

      1. Scritto da lavoratore

        Sempre colpa degli altri…….

    5. Scritto da Bremboskifo

      I sindacati sono i maggiori responsabili della situazione in cui ci troviamo, non dimentichiamolo !!!

      1. Scritto da lavoratore

        E basta cavolate. I padroni e le banche sono i maggiori responsabili della situazione in cui ci troviamo. Loro e i loro lacchè dei partiti anche già di sinistra, questa è la verità, tutto i resto sono solo chiacchiere per mettere zizzania tra i lavoratori e fare ancora peggio.

  10. Scritto da Laura

    Assurdo. Ma smettiamola di seminare odio….che questi sono i risultati. La Fiom ha perso completamente la zucca!!!! Che vergogna

    1. Scritto da mario59

      Faccia la brava Laura che a strumentalizzare negativamente non è tanto brava..se un singolo delegato ha perso la testa, non mi venga a dire che è colpa della FIOM, altrimenti le rovescio la frittata e le dico che il delegato è comunque colpevole e responsabile del suo gesto.. però a provocarlo è stato Bresciani della CGIL o meglio del PD dunque secondo il suo metodo dovrei dire che la CGIL e il PD sono fuori di zucca.
      No Laura, io le dico solo che secondo me, PD e CGIL stanno sbagliando.

    2. Scritto da Indignato orobico

      Ma cosa centra la Fiom di Landini con la minoranza di Cremaschi e un folle con quest’ultima? Nulla.
      Laura se non sai nulla taci che è meglio….

      1. Scritto da Ale

        La minoranza di Cremaschi è comunque appartenente alla FIOM, non sono una realtà a parte.
        Landini ha mai preso apertamente le distanze da questa minoranza?

      2. Scritto da Laura

        .. comunque a lanciare un uovo leggo che è stato un delegato Fiom

        1. Scritto da Pippo

          per forza era il congresso fiom…erano tutti della fiom!

          1. Scritto da Alfredo

            Capperi mai come in questo caso laura un bel silenzio non avrebbe guastato. Tu proprio non ne sai nulla di sindacati.

          2. Scritto da Paolo

            Ci vuole poco comunque a capire che voi della fiom siete incapaci di fare sintesi su nulla. Passate il tempo a litigare, prima con cisl e uil e oggi con cgil e tra di voi in fiom. Il mondo va avanti e la fiom indietro. Agli occhi dei cittadini non arrivano le differenze landini e cremaschi in fiom. Arriva solamente che non siete capaci di andare d’accordo nemmeno tra di voi. Ti assicuro che la cosa vi sta facendo perdere ancora più consensi e quindi tessere nei luoghi di lavoro.

          3. Scritto da Laura

            Per fortuna ci sei tu Alfredo. Mi sento molto più sicura adesso. Qualcuno salverà il pianeta…