BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Benzina più cara di 0,24 centesimi da sabato 1° marzo

Da sabato 1° marzo scatta una nuova accise di 24 centesimi sul prezzo dei carburanti. Gli Italiani spenderanno fino a 17 euro in più l’anno per un pieno. Con questo aumento entreranno nelle casse dello Stato 75 milioni di euro.

Più informazioni su

Fare il pieno all’auto da sabato 1° marzo costerà più caro. Scatta, infatti, un nuovo aumento dell’accisa sulla benzina, che passa da 728,40 euro per mille litri a 730,80, con un aumento di 0,24 centesimi al litro, e di quella sul gasolio, da 617,40 a 619,80 per mille litri (+0,24): considerando anche l’Iva ai prezzi attuali l’aumento è di 0,34 centesimi. Il nuovo rincaro delle accise (2,40 euro ogni 1.000 litri consumati) costerà agli Italiani, su una media di 15mila chilometri percorsi, fino a 13 euro l’anno per chi ha un’auto a benzina e fino a 17 euro per chi usa il diesel.

La misura di questo rincaro era stata stabilita dal Governo Letta con il Decreto Fare (Dl 69/2013): nelle casse dello Stato entreranno fino a 75 milioni di gettito entro il 31 dicembre (il valore è una stima) che saranno utilizzati per rilanciare l’economia anche attraverso alcuni interessanti incentivi concessi alle aziende, come la nuova Sabatini (la legge che prevede incentivi alle piccole e medie imprese che investono in nuovi hardware, software e macchinari), il credito di imposta per il settore cinematografico, il rilancio della nautica e della produttività del sistema portuale.

I costi aggiuntivi di questo rincaro ricadono però non solo sui trasporti, ma anche sulle spalle delle imprese, per le proprie flotte aziendali e per i rimborsi chilometrici versati ai dipendenti.

E la Cgia di Mestre lancia un allarme su altri rincari che saranno conseguenziali all’aumento dei carburanti, ricordando che l’80% circa delle merci italiane viaggia su gomma: “Bisognerà vigilare affinché i prezzi dei prodotti che giungeranno sugli scaffali di negozi e supermercati non subiscano degli aumenti ingiustificati”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rotabruno

    settimana scorsa ho visto un noto telegiornale dove si diceva che i BOT sarebbero tassati in futuro del 15%, ossia su 100000€ una tassa in totale di 15000€ ?!!! ma dove viviamo redazioni sveglia e attenzione prima di cascare nel terrorismo economico psicologico e tornate a scuola !!! per voi SQUOLA!!!!

  2. Scritto da rotabruno

    aumento max 3,40 € x 1000 litri 3,40:1000= 0,0034 millesimi di euro per litro. In un noto distributore a marca libera si è passati da venerdi prezzo gasolio 1,499 a 1,5024 prezzo di oggi domenica 2 marzo ! ma chi fa i conti ?

    1. Scritto da bergamasc

      sono 2.40 euro ogni 1000 litri…quindi sono 0,0024 euro / litro.
      chi fa i conti in redazione?

  3. Scritto da Reverberi

    Magari l’aumento della benza è imputabile a letta ma l’aumento della TASI deciso oggi è tutta farina del sacco di Renzi….

    1. Scritto da Ugo

      Ok, hai la tastiera a disposizione e la usi , ogni tanto però pensa a ciò che scrivi . Quei soldi servono per l’imu voluta a tutti i costi da berlusconi. Intervento folle e senza senso .

    2. Scritto da Luca

      Meglio che segui di più i lavori parlamentari. L’aumento è roba vecchia.

      1. Scritto da rampicate sugli specchi

        Vero, ma Renzie poteva bloccarlo, come ha bloccato la web tax (proposta da uno del suo partito). Ma certo, le multinazionali contano molto di più degli automobilisti che non riescono a tirare la fien del mese. Se il buongiorno….

        1. Scritto da De Che ?

          Bloccandolo avrebbe dovuto trovare i soldi per l’imu da qualche altra parte . Chiedi al tuo amico berlusconi e ringrazialo per questo aumento .

  4. Scritto da ru

    Caro fonzy, che metti gli amici di B sottosegretari e vice alla giustizia, non avevi detto che ti giochi la faccia? Parti malissimo. (ammesso che la tua ascesa non sia già un autogol).

  5. Scritto da Cri

    La cara spagna che era messa peggio di noi a il gasolio a 1,32 e la benzina a 1,42 . Grazie italia se non ci credete informatevi .noi siamo peggio di tutti .non noi i nostri politici

    1. Scritto da Colibri

      verissimo anche perché non accolgono tutti quelli che arrivano comunque costano un sacco di soldi noi siamo buoni con altri ma mettiamo alla fame i nostri e poi ci dicono che siamo razzisti
      alla sostanza TUTTI I POLITICI SONO UGUALI GUARDANO IL
      LORO BORSINO NON I PROBLEMI DEL PAESE

      1. Scritto da Telkì

        Che sono tutti uguali sono i tuoi amici di lega e pdl che hanno messo in ginocchio la nazione.

  6. Scritto da il polemico

    lo stato spera di incassare 75 milioni di gettito,nel frattempo paga centiniaia di milioni in interessi per farsi prestare soldi dalla bce tramite le banche, che precedentemente la stessa italia aveva dato alla bce,che senso hanno questi aumenti??mahhhhh

  7. Scritto da Andrea

    sono 0,24 cent cioè 0,0024€; e per la cronaca l’aumento era già stato deciso prima di Renzi….non spariamo a caso su

  8. Scritto da wiw

    Ciao Renzi, ciao, ciao…. questo è il prono atto del NUOVO governo. Altro che Job Act. Dirai che è stato Letta. Bene, ma ora letta non c’è più. E voi che fate? Ve la prendete perché Roma vi chiede di pagare? ciao, fonzy ciao

  9. Scritto da mario59

    Insomma girala e rigirala, ma la musica rimane sempre la stessa…. guai a fare come in Germania o in Francia dove già da tempo, per far fronte alla crisi i governi hanno chiesto una contribuzione maggiore a chi ha di più, in Italia questo pare sia impossibile anche solo pensarlo…figuriamoci con mister Beanzi che è pure un destro e amico caro dei miliardari.

    1. Scritto da Ettore

      Nn sari dire altro che prendere ai ricchi…..che lui è’ amico dei miliardari? Nn e’ un peccato essere ricchi. I ricchi versano tanto pure loro…….iniziamo solo ed acclusi ambente a far ti spartire sulla spesa pubblica e fare dei tagli importanti. Vedrai così potremmo farcela

      1. Scritto da i ricchi piangono

        I ricchi pagano tanto??? Ma i 150 miliardi all’anno di evasione, i 700 miliardi all’estero li portano i pensionati da 500 euro al mese? Sono loro i corrotti? Per intanto l’unica proposta del “job act” è quella di togliere la casa integrazione a chi paga i contributi, per dare i soldi a chi non li versa. E’ così difficile capire che è un’istigazione al precariato?

  10. Scritto da Giacomo Testa

    Forse prima di pubblicare i titoli e gli articoli sarebbe il caso di rileggerli con più attenzione…. un conto sono 24 centesimi al litro, un altro 0,24!

  11. Scritto da giovanni

    0,24 euro semmai … cioè 24 centesimi

  12. Scritto da giancarlo

    terrei a precisare è un aumento di 0.0024 € lo 0,24 centesimi riportato potrebbe essere inteso come un aumento di 0,24 € al litro, che tutto sommato non mi sembra un aumento da “fuori di testa” con l’accortezza di scegliere il benzinaio piu’ economico la differenza annuale la si recupera in 3 pieni.

    1. Scritto da colibri

      non è l’aumento fuori di testa ma lei e non sono 0,24 ma 0,34
      contento lei io no