BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Febbraio mese nero A Bergamo 336 licenziati Più di tremila in Lombardia

Sono 3.300 i licenziamenti collettivi del mese di febbraio in tutta la regione, ben 1.112 in più rispetto al mese precedente (+51%), e anche Bergamo deve registrare un incremento del 39%, registrando ben 336 conclusioni dei rapporti di lavoro. A gennaio erano stati 242.

Sono 3.300 i licenziamenti collettivi del mese di febbraio in tutta la regione, ben 1.112 in più rispetto al mese precedente (+51%), e anche Bergamo deve registrare un incremento del 39%, registrando ben 336 conclusioni dei rapporti di lavoro. A gennaio erano state 242.

A livello regionale si registra un incremento anche rispetto al corrispondente mese del 2013, quando le iscrizioni alle liste di mobilità erano state 2.862 (+15%).

Sono dati che emergono dallo studio del Dipartimento Lavoro della Cisl regionale dai quali si può dedurre che un numero crescente di aziende stia ultimando il ricorso alla Cassa integrazione straordinaria e proceda alla messa in mobilità.

I dati sono per Bergamo e provincia allarmanti – dice Giacomo Meloni, della segreteria CISL orobica -, e avvalorano la tesi che ai primi tiepidi segnali di ripresa della produzione industriale non corrisponda ancora una crescita occupazionale. Alla luce di questo ulteriore incremento di perdita dei posti di lavoro, si rende sempre più urgente l’intervento sulla riduzione del cuneo fiscale per ridare fiato ai consumi interni e maggiore competitività alle imprese, una riduzione dei costi energetici, e della burocrazia, un finanziamento adeguato degli ammortizzatori sociali compresi i contratti di solidarietà espansivi, per potere, attraverso la riduzione degli orari di lavoro, ridistribuire il lavoro che c’è”.

“È necessario a livello territoriale – continua Meloni – agire con decisione e con tutte le parti sociali e istituzionali per l’attuazione di politiche attive volte alla rioccupazione delle persone, concentrandosi in via prioritaria sulle aree più in difficoltà come le Valli, e sui soggetti sociali deboli, i giovani ma non solo, perché molto forte è la disoccupazione delle persone over 45 espulse dal ciclo produttivo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da raf

    il disagio sociale avanza in modo preoccupante e la capacità delle famiglie di arrivare a fine mese scende vertiginosamente. il tutto si traduce nel fatto che le città diventano sempre vivibili e soprattutto meno sicure e la politica “da una mano” aumentando le tasse e toglinedo la certezza della pena per chi delinque con gli indulti. dove andremo a finire?

  2. Scritto da Marcello

    Ma la Cisl serve solo a fornire dati inconfutabili e noti a tutti? Vuol rubare il lavoro a Nando Pagnoncelli? E fare seriamente il sindacato, invece, troppo faticoso?

  3. Scritto da livio

    Bla..bla…bla….pensiamo alle cose concrete! Frana di Serina da risolvere al più presto altrimenti in ginocchio una vallata.

    1. Scritto da Colibri

      ognuno ha i suoi problemi a lei non importa dei nostri licenziamenti
      idem per la frana di Serina l’importante che non si sia fatto male nessuno poi il resto vien da se
      ecco perché in ITALIA si andrà sempre peggio perché guarda solo il suo orticello

      1. Scritto da Onestà

        Condivido il commento di Colibri. L’italiano guarda solo all’orticello di casa, guarda la TV e giornale ed è felice che la crisi stia passando ( economisti, non di varietà, smentiscono categoricamente). Se il fisco ti prende con le mani nel sacco allora l’Italia è ingiusta, se licenziano te un sacco di rumore per nulla. Dove è l’orgoglio di lottare per il proprio paese? Rimando ai fatti che stanno succedendo in Ucraina e spero che qualcuno accenda il pensiero per riflettere seriamente.