BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La città vuole sicurezza Commissariato di Treviglio non deve chiudere”

Il segretario generale regionale del Silp Cgil della Lombardia Daniele Bena interviene sulla questione della chiusura del Commissariato di Treviglio, come prevede il piano per la revisione dei presidi e degli uffici della Polizia di Stato sui territori.

Il segretario generale regionale del Silp Cgil della Lombardia Daniele Bena interviene sulla questione della chiusura del Commissariato di Treviglio, come prevede il piano per la revisione dei presidi e degli uffici della Polizia di Stato sui territori:

“Nei giorni scorsi il Prefetto Marangoni, Vice Capo della Polizia, ha comunicato che il Dipartimento della Pubblica Sicurezza sta ultimando uno studio per la revisione dei presidi e degli uffici della Polizia di Stato sul territorio e che Prefetti e Questori competenti sono stati invitati ad esprimere un loro parere. Tutte le sigle sindacali del comparto sicurezza si sono opposte al piano che prevede la chiusura di centinaia di uffici di polizia.

Per la provincia di Bergamo il piano prevede chiusura della sezione della Polizia Postale e del Commissariato di Treviglio. Il Silp per la Cgil è assolutamente contrario alla chiusura del commissariato, l’unico della provincia di Bergamo e competente su 38 comuni nella zona della bassa bergamasca.

Nel momento in cui i cittadini chiedono maggior sicurezza la risposta non può essere quella della chiusura di presidi e uffici, mentre l’unica razionalizzazione seria a livello nazionale sarebbe quella di una profonda revisione degli apparati della sicurezza con l’unificazione delle forze di polizia a competenza generale – a partire da Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri – facendo diventare la Guardia di Finanza una vera polizia finanziaria.

Per quanto riguarda la bergamasca e la Lombardia è grave il non considerare la prossima apertura dell’autostrada BRE BE Mi che porterà l’auspicato sviluppo di attività economiche e di nuova occupazione ma che potrà anche favorire attività criminali. Il commissariato di Treviglio è l’unico esistente su tutta la tratta autostradale che attraverserà le province di Brescia, Bergamo e Milano.

Rivolgo un appello ai cittadini, ai sindaci ed ai rappresentanti delle istituzioni a tutti i livelli perché da oggi e a proseguire nei prossimi mesi, si oppongano alla chiusura del Commissariato della Polizia di Stato di Treviglio.

Un impegno particolare lo chiedo al Ministro bergamasco Maurizio Martina che ben conosce i problemi sulla sicurezza nel nostro territorio, ai parlamentari di tutti gli schieramenti, ai consiglieri regionali, provinciali e ai sindaci.

La chiusura del Commissariato di Treviglio non deve essere considerata come una questione che riguarda solo la bassa bergamasca. La carenza di personale delle forze dell’ordine nella nostra provincia è storica ma è dovuta innanzitutto alla incapacità delle forze politiche ed economiche sul territorio di fare squadra per ottener maggiori risorse per tutto il territorio.

Ecco perché chiedo anche ai candidati sindaci del comune di Bergamo, Giorgio Gori e Franco Tentorio, di esprimersi sulla vicenda affermando che la questione riguarda tutta la provincia e non solo una parte di essa. E’ opportuno più che mai che al di là delle diverse fedi politiche tutti coloro i quali hanno ruoli di responsabilità operino per il territorio con la capacità di fare squadra.

Un forte impegno lo chiedo anche ai sindacati, alle organizzazioni di categoria ed alle forze economiche, a partire dai soggetti che hanno voluto la BRE BE MI e le altre infrastrutture che si stanno costruendo sul territorio: sarebbe davvero una beffa per cittadini e imprese la chiusura di un commissariato della Polizia di Stato in concomitanza con l’inaugurazione di una autostrada.

La legalità e la sicurezza riguardano tutti e non possono avere bandiere, mi auguro che ci sia un impegno comune e che una volta tanto si possa vedere una unità di intenti e di azioni da parte dei bergamaschi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Contribuente esausto

    L’importante è conservare il posto ai 28.000 forestali siciliani, ovviamente a spese nostre.

  2. Scritto da bassaiolo

    Treviglio è già sede di una compagnia dei Carabinieri e di una della Guardia di Finanza, mi sembra che avrà anche una sede del Corpo Forestale dello Stato, c’e’ la Polfer anche se l’ufficio chiude alle 19. Più che cnhiudere il commissariato di Treviglio sarebbe meglio dislocarlo nella Bassa orientale dove ci sono solo tre stazioni dei Carabinieri per 80 mila e passa abitanti. Le forze presenti sarebbero razionalemnte meglio dislocate sul territorio.

  3. Scritto da Carlo

    Treviglio???città???hahahahah!!

    1. Scritto da Ezio

      Il solito Bergamocentrico che crede di vivere in una metropoli.

  4. Scritto da Colibri

    SEMBRA UNA scelta ottimale chiudere il commissariato e giustamente SVUOTARE LE CARCERI