BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Animali fonte di benessere Fanno bene al morale e assistono i pazienti

Secondo alcune indagini l'84% degli italiani ritengono che un animale domestico aiuti a stare meglio: una percezione confermata dall'uso frequente degli animali in ambito medico e assistenziale.

Un’interessante indagine condotta pochi mesi fa da Gfk Eurisko sulla percezione degli animali domestici nel nostro Paese rileva che per l’84% degli italiani, cani e gatti aiutano a stare meglio, mentre il 75% è convinto che contribuiscano a tenere unita la famiglia. 



I pochi scettici (il 90% dell’opinione pubblica italiana attribuisce vantaggi reali alla presenza degli amici scodinzolanti) devono fare i conti con la massiccia quantità di dati a favore dell’effetto salutare delle attività di assistenza degli animali, Pet therapy in primis. Assistono disabili, diabetici e scoprono i tumori
. Sono ormai tre decenni che gli studi condotti sulle terapie coadiuvate dagli animali si susseguono con incessante regolarità. Delfini, cavalli, asini, gatti e soprattutto cani hanno dimostrato di riuscire là dove le medicine falliscono.

Studi che hanno permesso nel tempo di sviluppare progetti di terapia assistita in diversi ambiti e che hanno fatto nascere in più parti del mondo centri specializzati nella cura con gli animali.

Negli anni si sono perfezionate anche le tecniche di addestramento dei cani che affiancano i disabili, al punto che molte persone affette da cecità o sulla sedia a rotelle riescono oggi a vivere da sole e in autonomia grazie all’assistenza del loro amico a quattro zampe.


Gli effetti più sorprendenti della convivenza con gli animali domestici si hanno però nei casi di depressione e malattie cardiache, spesso frequenti nella terza età. L’American Heart Association rivela che vivere con un “pet” permette di condurre uno stile di vita più sano.

 Chi possiede un cane, per esempio, dovendolo portare a spasso più volte al giorno, ha il 54% in più di probabilità di raggiungere il livello di attività fisica raccomandato. Si hanno benefici evidenti anche per quanto riguarda obesità, ipertensione e colesterolo. Senza contare che la compagnia di un cane o di un gatto è un toccasana contro la solitudine. Si socializza di più nei giardini pubblici e a casa ci regalano la gioia di una vita piena di affetti e attenzioni.

L’American Journal of Geriatric Psychiatry ha di recente pubblicato una ricerca che dimostra come in presenza di animali domestici calino significativamente i sintomi dell’Alzheimer e di altre demenze senili. Un risultato che è stato dimostrato anche in Scozia da Kaspa, un Labrador Retriever addestrato per assistere un paziente affetto da Alzheimer.

Dopo un corso di apprendimento di 18 mesi, Kaspa ha imparato a ricordare al suo padrone quando prendere le medicine e quando svolgere gli impegni quotidiani. A tutto ciò, si aggiunge anche l’effetto positivo dato dalla sua compagnia sull’umore del paziente e sulle relazioni familiari.

In collaborazione con Il Rifugio del cane di Seriate

Facebook: Amici del Rifugio del Cane di Seriate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario

    Gli animali, sono intelligenti e attenti,molto meglio di tante persone

    1. Scritto da Andrea

      Eppure, entrano in ospedale, ma non possono fare il giro del monte Misma perché disturbano l’Oasi WWF. Che pena avere certi legislatori così!!!!!

      1. Scritto da TT

        I Cani da Caccia,magari anche”sbadatamente”sfuggiti ai propri conduttori,devono rispettare anche loro delle regole…! La Valle Seriana é molto grande,posto per far sgambare i nostri Amici Cani c’enè in abbondanza,anche gli Animali liberi selvaggina ecc,hanno i loro diritti.

        1. Scritto da Andrea

          Già, i cinghiali introdotti artificialmente (non sono autoctoni) possono devastare il devastabile, i cani (qualsiasi cagnolino da compagnia al guinzaglio, non i setter da caccia liberi…) non possono transitare sul sentiero demaniale che attraversa l’oasi wwf. C’è qualche dissociazione di personalità in chi promulga queste leggi….