BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Rossopomodoro il campione mondiale della pizza napoletana

Il pizzaiolo Davide Civitiello, che lo scorso settembre ha vinto il titolo di campione mondiale della pizza napoletana, porterà a Bergamo la tradizione e la qualità della pizza d’autore. L’appuntamento è mercoledì 26 febbraio a Rossopomodoro.

Più informazioni su

“Vieni a gustare la pizza più buona del mondo”. Si intitola così la serata organizzata mercoledì 26 febbraio alla trattoria pizzeria “Rossopomodoro” di Bergamo. L’appuntamento è in via Angelo Maj, 7 dalle 19 alle 24 e propone una cena che vede protagonista la reginetta di tutte le pizze, cioè la vera pizza napoletana.

A prepararla, dal vivo, sarà un ospite speciale: il pizzaiolo napoletano Davide Civitiello, fresco vincitore del titolo di campione mondiale della pizza napoletana per la categoria S.T.G. – specialità e tradizione garantita. Il riconoscimento, infatti, gli è stato assegnato nel settembre 2013 al Pizza Village di Napoli. Classe 1984, con una forte passione per la pizza coltivata fin dalla tenera età, ora sta facendo un tour nelle diverse città d’Italia e del mondo per far conoscere ed apprezzare la pizza napoletana d’autore. Lo abbiamo intervistato per conoscere meglio la sua passione e il suo lavoro.

Quali sono le caratteristiche che distinguono la sua pizza?

La mia pizza è ispirata alla tradizione e alla qualità, negli ingredienti e nella preparazione, con un impasto a doppia lievitazione e con lievitazione naturale di 24 ore. Viene realizzata seguendo i metodi antichi e con i prodotti tipici dello slow food campano, come il pecorino bagnolese, la papacella o la mozzarella di bufala Dop.

Qual’è il suo “cavallo di battaglia”?

La margherita che, solitamente, viene considerata come una pizza semplice e base, ma che, invece, rappresenta il prototipo della pizza. La sua preparazione, come del resto quella degli altri gusti, richiede attenzione e cura.

C’è una fase della preparazione della pizza che richiede maggior attenzione?

No, la preparazione della pizza richiede cura in ogni sua fase. L’impasto è molto importante, la cottura è fondamentale, ma anche il condimento non va affatto sottovalutato. La differenza, però, la fa la mano del pizzaiolo, il segreto è nella sua mano: partendo da due impasti uguali e da ingredienti identici, infatti, due pizzaioli realizzeranno sempre due pizze diverse, otterranno risultati differenti. Ogni pizza, poi, è differente dall’altra, anche se preparata dallo stesso pizzaiolo. Penso che preparare una pizza sia un’arte, che il pizzaiolo sia un artista, come un pittore che, di volta in volta, ottiene prodotti e risultati diversi.

Tornando al menù di questa sera, infine, si può notare anche qualche curiosa novità…

Esattamente. Oltre alle pizze tradizionali, dai diversi gusti e dai diversi ingredienti, ci sono quelle dolci. Tipicamente, quando si parla di pizza dolce, si pensa a quella con la nutella. Invece, ne propongo una diversa, con ricotta dolce e caffè napoletano, altra eccellenza campana e nazionale. Si tratta di un abbinamento molto particolare, che difficilmente si può spiegare con le parole: il modo migliore per conoscerlo è provarlo.

È possibile avere ulteriori informazioni e prenotarsi alla cena chiamando la trattoria pizzeria "Rossopomodoro" al numero 0350785528.

Paolo Ghisleni

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sergio

    Per Andrea: non so se l’avevo già visto…..