BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Comunicare in ‘Filo diretto’ con PalaFrizzoni e associazioni consumatori

A Palazzo Frizzoni è stato sottoscritto, nella mattinata di martedì 25 febbraio, il nuovo protocollo d'intesa tra l'amministrazione comunale e le associazioni dei consumatori. Molti sono stati gli impegni presi riguardanti la comunicazione, inoltre, l'incontro è stato colto come occasione per verificare l'avanzamento del progetto “Filo diretto”

Più informazioni su

Due anni e mezzo dopo la sottoscrizione del primo protocollo le associazioni dei consumatori e il sindaco Franco Tentorio hanno siglato il nuovo accordo che, sulla falsa riga della prima intesa, prosegue il lavoro proteso a una maggiore comunicazione tra utenti finali, cittadini e aziende fornitrici di servizi.

IL NUOVO ACCORDO

La positività del rinnovo, sottolineata da tutti i partecipanti al tavolo, non è altro che uno dei molti segnali positivi dell’iniziativa che riguarda l’amministrazione comunale e le principali associazioni di consumatori attive sul territorio: Adiconsum, ADOC, Federconsumatori e Movimento Consumatori.

Dopo l’accordo sul primo protocollo infatti è stato possibile stilare una serie di “carte dei servizi”, documenti di regolamentazione degli standard di erogazione dei servizi, atte a regolare i diritti e doveri delle associazioni, delle aziende e dei fruitori al fine di cominciare un servizio spalla a spalla tra i cittadini, l’amministrazione e i vari enti fornitori di servizi, sui diversi e variegati problemi della quotidianità legati ai servizi ai cittadini. Questo protocollo ha permesso inoltre di ammorbidire i rapporti tra gli enti e i fruitori che prima risultavano essere spesso di natura conflittuale perché, come evidenziato nei primi mesi di sperimentazione, la comunicazione risulta essenziale per superare gli ostacoli che vengono a crearsi nei diversi processi.

A tal proposito si sta introducendo gradualmente anche un servizio di conciliazione paritetica che migliori ulteriormente i rapporti tra le parti. E proprio sulla comunicazione si è focalizzato uno dei punti della discussione.

La richiesta delle associazioni è semplice: aumentare la comunicazione tra gli assessorati e gli enti stessi al fine di arrivare a redigere documenti più precisi che tengano conto delle voci degli utenti ed evitare così che un documento privo di alcuni aspetti debba essere modificato successivamente allungando i tempi di burocrazia. Quest’ultima, infatti, legata anche a problemi amministrativi, ha ritardato fino ad oggi la stesura di una carta dei servizi tra le associazioni e la società Uniacque. Per ovviare a questo ritardo, il comune di Bergamo, in qualità di socio e di amministrazione solleciterà la società a raggiungere in tempi rapidi un protocollo d’intesa sulla scia di quelli già conclusi con altre società come A2A, Aprica, Atb.

Il Comune di Bergamo, dal canto suo, si impegna inoltre a risolvere al più presto i problemi legati al parcheggio del nuovo ospedale, verso il quale le associazioni dei consumatori chiedono un intervento verso la realizzazione del marciapiede e della pista ciclabile attorno all’area medesima della struttura sanitaria.

IL FILO DIRETTO

L’incontro di stamane è stato anche un’ottima occasione per verificare il sistema di comunicazione “Filo diretto” attivo tra i cittadini e l’amministrazione come canale d’informazione circa i problemi di varia natura che riguardano la municipalità.

Questo progetto, nato in parallelo alla convenzione dei protocolli, si basa su di un semplice sistema di comunicazione. Infatti, attraverso una piattaforma informatica o un’applicazione già disponibile per smartphone (CityUser, disponibile per i sistemi Android e per iOS) i cittadini possono comunicare direttamente con l’amministrazione comunale circa ogni sorta di problema, dall’illuminazione pubblica al danneggiamento della pavimentazione stradale, inviando in aggiunta materiale fotografico e sfruttando anche il servizio di geolocalizzazione.

Questo servizio evidentemente permette un’indicizzazione delle problematiche presenti sul territorio oltre a consentire una risposta ai problemi più incisiva e veloce; senza dimenticare il fatto che gli stessi cittadini possono seguire passo dopo passo gli effetti delle loro segnalazioni avvicinando sensibilmente il cittadino e l’amministrazione.

Matteo Azzola 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bombetta

    Vai Ciuffo! Uno di noi!