BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bagnatica, chiude la Estral Cassa per 32 lavoratori e produzione a Manerbio

La Estral, azienda produttrice di profilati, ha comunicato la chiusura dello stabilimento di Bagnatica e la conseguente Cassa Straordinaria per i suoi 32 lavoratori. La produzione viene spostata a Manerbio ma nessun lavoratore bergamasco verrà trasferito.

“Altri 32 posti di lavoro che si perdono per mere questioni di cassa e problemi contabili”. Marco Fiorina, della FIM CISL di Bergamo esprime così il proprio rammarico per la vicenda della Estral, azienda di Bagnatica produttrice di profilati che ha annunciato l’imminente chiusura e la conseguente Cassa Straordinaria per tutti i suoi addetti.

Martedì mattina tutti gli operai della Estral sono scesi in sciopero e, dopo un presidio ai cancelli, hanno portato per le strade di Bagnatica la propria rabbia e preoccupazione per un futuro alquanto triste.

“Oggi (martedì ndr) abbiamo incontrato l’azienda – continua Fiorina -, e ci è stato comunicato che il CdA ha ufficializzato la chiusura di Bagnatica, per poter procedere alla vendita dell’immobile per il quale è già stata avviata una trattativa. Saranno smontati anche gli impianti e messi in vendita. La produzione e la ‘cassa’ saranno spostate a Manerbio, dove l’azienda ha un altro sito produttivo, ma dove comunque nessun lavoratore bergamasco verrà trasferito. Estral ha assicurato che gestirà il piano degli esuberi attraverso politiche attive e con ammortizzatori sociali: ha già richiesto alla Regione l’avvio della procedura per la Cassa Straordinaria che, secondo le loro intenzioni dovrebbe partire dal prossimo 24 marzo”.

Il corteo dei lavoratori è arrivato sotto il municipio del paese, dove il sindaco è stato messo al corrente della vertenza. “Dal 3 marzo partiranno gli incontri con l’azienda per stabilire tempi e modalità della Cassa – conclude Fiorina -. Lì proveremo ancora a valutare eventuali possibilità di ricollocamento del personale e nuove possibili forme di protesta e mobilitazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gino

    Se non riparte l’edilizia,per gli estrusori di profili in alluminio per serramenti è durissima.
    In molti stanno chiudendo.

  2. Scritto da Marcello Carobbio

    Forza ragazzi